Desktop Area riservata

Torna alla Home Page



8 specie di squali saranno più protette, ma la verdesca no

Australia, Nuova Zelanda, Stati Uniti e Sud Africa si oppongono all’inclusione della verdesca nel CMS Sharks MOU.

Dopo 5 giorni di accese discussioni, la terza sessione del Meeting of the Signatories to the Memorandum of Understanding on the Conservation of Migratory Sharks (che fa parte della Conservation of Migratory Species of Wild Animals, conosciuta come Cms o Convenzione di Bonn), tenutasi nel Principato di Monaco ha deciso di includere nell’Annesso del protocollo d’intesa altre 8 specie: squalo bruno (Carcharhinus obscurus); pesce violino o pesce chitarra comune (Rhinobatos rhinobatos); squalo martello comune (Sphyrna zygaena); squalo longimano o pinna bianca oceanico (Carcharhinus longimanus); lo Smoothnose (Rhynchobatus australiae); il pesce chitarra gigante (Rhynchobatus djiddensis) e lo squalo angelo (Squatina squatina) che così beneficeranno di una maggiore cooperazione internazionale per migliorare la loro salvaguardia.

Lo squalo angelo, proposto dal Principato di Monaco, è elencato nella Lista Rossa Iucn come a rischio critico di estinzione. Eppure, questa specie era molto diffusa nel XIX secolo e fino all’inizio del XX secolo, poi la sua popolazione mondiale è stata decimata sia da un’intensa pesca mirata che dalle catture accidentali. L’ultimo bastione degli squali angelo sono le isole Canarie, ma ogni tanto vengono segnalati ancora alcuni esemplari nel suo antico e vasto areale.

Invece, non è stato possibile trovare un accordo per l’inclusione nell’Annesso del protocollo (CMS Sharks MOU) della verdesca o squalo azzurro (Prionace glauca) che era stata chiesta da Samoa e Sri Lanka, e il Meeting of the Signatories ha rinviato la decisione alla prossima riunione che si terrà tra tre anni, «Quando saranno state intraprese altre valutazioni delle popolazioni di questa specie negli oceani Atlantico, Pacifico e Indiano».

Al meeting di Monaco hanno partecipato rappresentanti di 34 governi e l’Unione europea, diverse importanti ONG che si occupano di salvaguardia del mare e organizzazioni internazionali come la Fao e la Convention on international trade in endangered species of wild fauna and flora (Cites). Una ONG, Defenders of Wildlife, che vanta 20 anni di esperienza di lavoro per gli squali, è stata accettata come dodicesimo “cooperating partner”.del CMS Sharks MOU.

Anche se l’Ue e 30 Paesi del CMS Sharks MOU erano favorevole ad accogliere la proposta di inclusione della verdesca, Australia, Nuova Zelanda, Stati Uniti e Sud Africa si sono opposti. Una decisione che non è piaciuta per niente all’Humane Society International (Hsi) che ha definito l’esclusione della verdesca dalla lista «un risultato terribile per la specie che viene catturata in numeri fino a 20 milioni ogni anno». Nicola Beynon, responsabile campagne dell’Hsi, ha sottolineato che «Ora, in base a questo accordo internazionale, ci vorranno tre anni prima che lo squalo azzurro possa essere riproposto per l’inserimento. Fino ad allora, senza la cooperazione internazionale e l’attenzione di cui questa specie ha urgentemente bisogno, altri 30-60 milioni di squali azzurri verranno catturati e uccisi. E’ profondamente deludente che l’Australia, che era un campione della protezione degli squali, si sia espressa contro l’inserimento».

La verdesca – che poi mangiamo con vari nomi – è lo squalo più pescato del mondo e le sue catture sono prive di qualsiasi tipo di gestione basata sulla conservazione.

Lawrence Chlebeck, marine Campaigner dell’Hsi denuncia che «Le organizzazioni regionali di gestione della pesca (Regional fisheries management organisations . Rfmo) in tutto il mondo non fanno nulla per rallentare la cattura degli squali azzurri. Sappiamo che il 60% dell’areale di questo squalo altamente migratore si sovrappone a quello della pesca al tonno, rendendolo il candidato perfetto per il CMS Sharks MOU e la sua strategia di impegnarsi con le Rfmo per affrontare la pesca degli squali insostenibile. Siamo estremamente delusi per l’assenza di questa opportunità»,

Gli scienziati stimano che un quarto delle specie di squali e razze del mondo siano minacciati di estinzione. Negli ultimi anni il numero degli squali è crollato, soprattutto a causa della sovra-pesca e delle catture accidentali, mentre anche la diminuzione delle loro prede ne colpisce direttamente lo stato di conservazione, la Lista Rossa Iucn classifica ormai numerose specie di squali come a rischio critico di estinzione, in pericolo o vulnerabili.

... continua a leggere

Ultime notizie

 18-12-2018 Leggi la notizia 

8 specie di squali saranno più protette, ma la verdesca no

Australia, Nuova Zelanda, Stati Uniti e Sud Africa si oppongono all’inclusione della verdesca nel CMS Sharks MOU.

Dopo 5 giorni di accese discussioni, la terza sessione del Meeting of the Signatories to the Memorandum of Understanding on the Conservation of Migratory Sharks (che fa parte della Conservation of Migratory Species of Wild Animals, conosciuta come Cms o Convenzione di Bonn), tenut [...]



 18-12-2018 Leggi la notizia 

Taiwanese condannato a 20 anni per spinnamento di squali in Tanzania

Il proprietario e il capitano del peschereccio battente bandiera malese (F/V) Buah Naga 1, ispezionata e posta sotto custodia dalle forze dell’ordine della Tanzania nell’ambito di Operazione Jodari, una partnership congiunta tra Sea Shepherd, Fish-i Africa e il governo della Tanzania per combattere la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (INN), si sono dichiarati colpevoli del re [...]



 13-12-2018 Leggi la notizia 

Il megalodon forse estinto per l'esplosione di una supernova

Secondo lo studio pubblicato su Astrobiology a firma di Adrian Melott, professore emerito di fisica e astronomia all’università del Kansas, l’esplosione di una o più supernove a circa 150 anni luce dalla Terra, potrebbe aver provocato uno tsunami di energia cosmica con alta concentrazione di iron 60, elemento radioattivo, proprio nell’intervallo temporale a cavallo tra il Pliocene e il Ple [...]



 10-12-2018 Leggi la notizia 

Attacco in Australia a Joel Sonny Mason

Un padre di tre bambini, Joel "Sonny" Mason, 36 anni, è stato morso da uno squalo sulla costa nord-occidentale del Nuovo Falles del Sud, in Australia mentre faceva surf. L'uomo allo stato attuale è ancora ricoverato in ospedale. L'attacco è avvenuto vicino a Scotts Head Beach a Nambucca Heads verso le 7:15 di ieri 9 dicembre 2018. Joel ha riportato cinque profonde lacerazioni a una gamba e seco [...]



 04-12-2018 Leggi la notizia 

Muore in immersione Miguel Verdecchia, l'aviere amico degli squali

Viveva per le immersioni, era un sub esperto con la passione degli squali, che amava guardare da vicino e di cui pubblicava spesso articoli sulla propria pagina Fb nei quali si spiegava la natura non maligna degli stessi.

Miguel Verdecchia, 39 anni, aviere romano in forza all’Aerobase del Sesto Stormo dell’Aeronautica a Ghedi, è morto durante un’immersione nelle acque del lago di Garda,  [...]



 30-11-2018 Leggi la notizia 

Attacco alle Bahamas a Will Krause

Tragedia sfiorata nelle acque delle Bahamas, dove un sub è stato attaccato da uno squalo, che fortunatamente non era di grosse dimensioni. Il 29enne Will Krause era uscito in barca con alcuni amici durante il giorno del Ringraziamento per una battuta di pesca subacquea in apnea. All'improvviso qualcosa è andato storto, e l'animale si è avvicinato in maniera improvvisa, mordendolo alla testa.

 [...]



 28-11-2018 Leggi la notizia 

Lo squalo mako sparirà per colpa dell'Europa?

La popolazione dello squalo mako rischia di precipitare rapidamente per colpa della pesca intensiva, soprattutto quella di navi europee.La colpa è della mancata regolamentazione della sua pesca e chiama in causa soprattutto i paesi dell'Unione Europea.

Le femmine di questo squalo raggiungono la maturità sessuale intorno ai diciotto anni d'età, e questo rende il mako particolarmente vulnerabi [...]



 27-11-2018 Leggi la notizia 

Due squali volpe catturati a Sestri Levante e venduti al mercato

Genova24.it il 25 Novembre 2018 riporta che:

Due squali volpe di oltre 2 metri e di peso superiore ai 100 chili ciascuno sono stati catturati ieri da due pescherecci della marineria di Sestri Levante nel golfo del Tigullio. Le catture sono avvenuti a punta Baffe, nella zona di Riva Trigoso, e al largo di Framura (Sp). I due squali volpe sono stati r [...]



 19-11-2018 Leggi la notizia 

Attacco in Australia a Sean Whitcombe

Secondo la ricostruzione dei quotidiani locali il giovane, un ragazzo di diciassette anni, Sean Whitcombe, è stato attaccato da uno squalo quando mentre pescava al largo dalla città di Nhulunbuy, in Australia. Gli amici sulla barca hanno fatto un gran lavoro per bloccare la perdita di sangue.

Secondo la ricostruzione dei media locali, domenica mattina l’adolescente stava pescando in apnea d [...]



 14-11-2018 Leggi la notizia 

Il modello di Turing che spiega le scaglie degli squali

Lo schema di formazione delle scaglie degli squali segue una legge proposta da Alan Turing più di sessant'anni fa per descrivere le interazioni molecolari. Il modello si era già dimostrato capace di spiegare la disposizione delle penne dei polli, indicando che la natura l'ha conservato per tutto il corso dell’evoluzione.

Il modello di disposizione delle scaglie degli squali si è evoluto pe [...]



SPONSOR

Spazio Pubblicitario

1000 x 120

Selezione di articoli

Maldive - Atollo di Suvadiva : Lo squalo balena notturno

Siamo a bordo della Princess Rani, in crociera verso gli atolli del sud. Partiti subito prima di Natale, siamo ormai arrivati nell’atollo di Suvadiva, uno dei più grandi al mondo, ed ancora lontano dal turismo di massa. Da quando abbiamo lasciato l’atollo di Male Sud, non abbiamo più incontrato una barca e man mano che si navigava verso sud il rapporto con il mare si è fatto più intenso.

Spiagge con più attacchi

Gli compaiono pià spesso nelle calde acque oceaniche, probabilmente attirati dalla grande abbondanza di pesce. Il primato assoluto di aggressioni all’uomo spetta alle spiagge di New Smyrna Beach, località della Florida che si trova nella contea di Volusia (nel nord est dello stato). Nel 2008 si sono verificate ben 38 attacchi, quindi sarebbe meglio non farci il bagno. larga da questi lidi.

10 cose da sapere sugli squali

Soltanto alcune specie di squali sono ovipare, ossia depongono uova come tutti gli altri pesci. La gran parte degli squali sono invece ovivipare. In queste specie l’uovo resta all’interno del corpo della femmina, mentre lo squalo cresce cibandosi dell’uovo stesso. Quando giunge a maturazione viene “partorito” ed è perfettamente autonomo.

I grigi dello Scoglio di Lampione

Il subacqueo e fotografo Roberto Merlo documentò sul mensile 'Mondo Sommerso' nell'agosto del 1964 la presenza degli squali grigi nelle acque dell'isolotto deserto del Canale di Sicilia, al largo di Lampedusa. Secondo Merlo, ad attirare questi pesci predatori - tuttora presenti a Lampione - sarebbe stata anche la pesca con il tritolo praticata allora dai pescatori lampedusani.

I denti degli squali

I denti di squalo sono reliquie dell’evoluzione e della biologia degli squali, e siccome sono spesso le uniche parti dello squalo che sopravvivono alla fossilizzazione, rappresentano gran parte dei fossili ritrovati

Le code degli squali

La maggio parte degli squali possiedono una pinna caudale eterocerca la cui parte dorsale è di solito molto più grande di quella ventrale. Ciò è dovuto al fatto che la colonna vertebrale dello squalo si estende per l'appunto fino alla porzione dorsale, dando una maggiore area superficiale ai legamenti dei muscoli, in modo da fornire un metodo di locomozione molto efficiente e da compensare la catt

Cattura di un grande squalo bianco nel 1956 al Circeo

Era un venerdì sera del settembre 1956. Avevo finito da poco di lavorare e m'ero precipitato in macchina al Circeo perché il mio amico Marcello Sarra m'aveva indicato un pescatore, Felice, il quale conosceva un buon punto della secca del Faro, un miglio e mezzo fuori del Circeo.

Attachi di squalo a partire dall'8 marzo 2001

E' necessario distinguere tra attacchi provocati e non provocati. Si definisce attacco di squalo non provocato un incidente nel quale l'animale all'interno del suo habitat naturale attacchi un uomo ancora in vita senza essere stato in precedenza provocato.

Il Bull shark Carcharhinus leucas

Il nome "bullshark", utilizzato esclusivamente nei Paesi di lingua anglosassone, deriva dalla forma tozza di questa specie, dal muso corto e appiattito e dal suo comportamento imprevedibile e aggressivo. In India questo squalo viene spesso confuso con lo «squalo del Gange» o dei «Sundarbans». In Africa viene chiamato comunemente «squalo dello Zambesi» o semplicemente «zambi».

Bahamas: Spedizione italiana del 2012 in cerca di squali.

L’avevo vista tante volte sul web ed ora che l’avevo davanti mi sembrava impossibile. E’ il 9 novembre, il giorno prima dell’imbarco per la spedizione con Jim Abernethy sui banchi delle isole Bahamas.

Famiglia Heterodontidae

Heterodontidae è una famiglia di squali dell'ordine Heterodontiformes. Possiede solo un genere, Heterodontus (Blainville, 1816), comunemente noti come squali testa di toro. Si tratta di una piccola famiglia di squali basali (cioè presenti anche in tempi primitivi) moderni (Neoselachii). Vi sono nove specie ancora viventi. Tutte le specie sono di dimensioni relativamente piccole, la più grande di e

Famiglia Lamnidae

Diffusi nelle forme attuali già nel tardo Cretaceo, i Lamnidae (dal greco Lamnes, squali) sono i pesci predatori viventi più grandi della Terra. Sfuggiti alla grande estinzione di 65 milioni di anni fa, l'evoluzione ha portato ai giorni nostri 5 specie raggruppate in 3 generi. Sono stati per lungo tempo chiamati Isuridae. Il corpo è estremamente idrodinamico, con muso appuntito e forma allungat

Famiglia Megachasmidae

Unico rappresentante della famiglia Megachasmidae è lo squalo bocca grande (Megachasma pelagios Taylor, Compagno & Struhsaker, 1983), un pesce cartiliagineo dell'ordine dei Lamniformi. Può raggiungere i 5 metri di lunghezza e la tonnellata di massa corporea. E' chiamato squalo bocca grande a in base alla traduzione dall'inglese megamouth shark.

Famiglia Orectolobidae

Gli Orectolobidae (Gill, 1896) sono una famiglia di squali dell'ordine Orectolobiformes. A volte sono chiamati squali tappeto. Si trovano nelle acque poco profonde temperate e tropicali dell'Oceano Pacifico Occidentale e dell'Oceano Indiano Orientale. In particolare vivono nelle acque al largo di Australia ed Indonesia, anche se una specie (l'Orectolobus japonicus) abita le acque del Giappone.

Famiglia Squatinidae

La famiglia Squatinidae (Bonaparte, 1938) appartiene dell'ordine Squatiniformes (Buen, 1926). Comprende un unico genere (Squatina Duméril, 1806) con 16 specie, caratterizzate da corpi grossi e pinne pettorali ampie, che li fanno assomigliare a delle razze più che a degli squali. Gli Squali angelo sono presenti su diverse zone del mondo caratterizzate da mari tropicali e temperati. La maggior parte

Gli squali di Damien Hirst

Hirst domina la scena artistica britannica durante gli anni novanta, portandola alla ribalta internazionale. La sua veloce ascesa in quel periodo è strettamente legata alla vicinanza e promozione da parte del collezionista e pubblicitario anglo-iracheno Charles Saatchi, anche se le continue frizioni tra i due portarono nel 2003 alla fine della proficua collaborazione.

Gli squali dell'artista Belinda Bussotti

Belinda Bussotti, detta BELI, è un'artista di origini fiorentine che vive nel Principato di Monaco. Sulle sue tele, uomini e squali coabitano in una relazione armoniosa che li sublima uno e l'altro.

Gli squali nell'editoria e nei media

In questa lista troverete interessanti produzioni sugli squali, dai film ai documentari, dai siti internet ai libri.

Ocean Ramsey a Isla Guadalupe nell'Ottobre 2013

Resoconto di Ocean appena tornata dall'Isola di Guadalupe. Guadalupe è un posto speciale e estremamente importante per i grandi squali bianchi

Il mercato degli squali di Bentota

Cerchiamo di arrivare al porto di prima mattina, ma non siamo bravi a svegliarci prima del sorgere del sole: se fossimo arrivati attorno alle 6 e 30 del mattino, ne avremmo visti a centinaia, non a decine. Alle otto e mezza, ne sono rimasti relativamente pochi. Pochi, ma sempre tantissimi rispetto a quanti siamo abituati a vederne normalmente.


Link su squali - biologia - conservazione della natura

CSIRO - Agenzia scientifica australiana

Il Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation, è l'agenzia scientifica australiana e una delle più grandi e diversificate agenzie di ricerca del mondo.

Elasmo.com - Fossili di squalo del nord America

Il sito è in linea dal 1996 con l'obiettivo di migliorare la conoscenza degli squali fossili del Nord America. Sebbene alcune pagine più vecchie avrebbero bisogno di aggiornamento, resta un riferimento importante per gli appassionati.

Elasmodiver - Di Andy Murch

Andy Murch è un fotografo di squali freelance dello Shark Diver Magazine. Egli è anche il creatore di Elasmodiver.com che è una delle più grandi fonti di informazione su squali e razze su internet.

FAO - Pesca e Acquacultura

Agenzia delle Nazioni Unite per il cibo e l'agricoltura. Il Dipartimento Pesca e Acquacultura propone l'uso responsabile e sostenibile delle risorse ittiche, squali compresi.

FishBase - Database sui pesci in inglese

Contiene 32900 Specie, 303000 nomi comuni, 54800 immagini, 51400 Referimenti, aggiornato da 2150 collaboratori. Riceve 800.000 visite al mese. E' il punto di riferimento di Squali.com per la collocazione tassonomica degli squali.

IUCN - Sito ufficiale italiano

Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, aiuta il mondo a trovare soluzioni pragmatiche per le sfide ambientali e di sviluppo più urgenti

IUCN - Sito ufficiale mondiale

Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, aiuta il mondo a trovare soluzioni pragmatiche per le sfide ambientali e di sviluppo più urgenti

Pesci dell'Australia

Bel sito per informazioni sulla diversità biologica delle specie marine e d'acqua dolce dell'Australia

Shark diver magazine

ELI MARTINEZ è il fondatore della rivista e un eccezionale protagonista delle immersioni con gli squali. Il suo modo di interagire con loro ha contribuito a cambiare l'opinione che la gente ha di questi animali.

Shark-References, database del Bavarian State Collection of ...

Bibliografia scientifica sui squali, razze e chimere recenti e fossili (pesci cartilaginei, Chondrichthyes). La banca dati è online da Giugno 2009 con un archivio di dati di circa 1.000 citazioni scientifiche. Oggi detiene più di 19.000 fonti e pubblicazioni.

SharkAcademy: il sito di Riccardo Sturla Avogadri

Riccardo è il fondatore della Sharkacademy e una delle persone più appassionate e operative del settore. Credo abbia la più grande collezione al mondo sugli squali, dai reperti biologici ai denti fossili, dalle pubblicazioni alle riproduzioni di specie a grandezza naturale. Organizza viaggi e corsi con rilascio di brevetti, cura vari progetti di ricerca e non mancherà di sorprendervi.

ZOOTAXA : la grande rivista della tassonomia animale

Zootaxa è una rivista internazionale per una rapida pubblicazione di documenti di alta qualità su qualsiasi aspetto di zoologia sistematica, con una preferenza per le grandi opere tassonomiche quali monografie e revisioni. Contiene documenti su animali sia vivi che fossili, e considera tutti gli aspetti tassonomici, tra cui teorie e metodi di sistematica e filogenesi, monografie tassonomiche ...


   
© 1999-2018 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti