Desktop Area riservata

Torna alla Home Page



Mappato il genoma del grande squalo bianco

Il codice potrà aiutare la scienza a sviluppare nuove armi in grado di combattere cancro e malattie legate all'età.

Il grande squalo bianco è una delle creature marine più famose del Pianeta, ma anche a rischio, dato il numero relativamente basso di esemplari presenti oggi negli oceani. Questa volta a finire sotto i riflettori non è il suo aspetto possente e la sua fama, ma il suo Dna. Il suo intero genoma è stato infatti decodificato nel dettaglio e gli scienziati accolgono i risultati di questa ricerca riportata su Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas) come un’importante traguardo scientifico nella comprensione della biologia di questo iconico predatore. Un’impresa non da poco, visto che in linea con il suo nome e le sue qualità, anche il genoma del grande squalo bianco ha dimensioni enormi, una volta e mezzo quelle del genoma umano.


Un genoma straordinario

Il team, guidato da ricercatori del Save Our Seas Foundation Shark Research Center della Nova Southeastern University, del Guy Harvey Research Institute, del Cornell University College of Veterinary Medicine e del Monterey Bay Aquarium, ha anche confrontato il genoma del grande squalo bianco con quello di una varietà di altri vertebrati, tra cui lo squalo balena e lo stesso essere umano. I risultati di questo lavoro rivelano una pletora di cambiamenti genetici che potrebbero essere alla base del successo evolutivo degli squali corpulenti e longevi: i ricercatori hanno osservato che nel Dna ricorrono in maniera sorprendente specifiche sequenze che indicano adattamento molecolare in numerosi geni con ruoli importanti nel mantenimento della stabilità del genoma, meccanismi di difesa che contrastano l’accumulo di danni e preservano l’integrità del Dna di una specie.

Presto nuove armi contro cancro e malattie legate all’età

"L’instabilità del genoma è una questione molto importante in molte gravi malattie umane - spiega Mahmood Shivji, direttore del Save Our Seas Foundation Shark Research Center -. Ora scopriamo che la natura ha sviluppato strategie intelligenti per mantenere la stabilità dei genomi in questi squali. C’è ancora tanto da apprendere da queste meraviglie evolutive, comprese informazioni che potrebbero essere utili per combattere il cancro e le malattie legate all’età, e migliorare i trattamenti di guarigione delle ferite nell’uomo".

Per esempio, contrariamente alle aspettative, gli animali molto grandi come appunto gli squali non si ammalano di cancro più spesso degli uomini, anche se in teoria con l’aumentare del numero di cellule presenti in un organismo enorme e la lunga durata della sua vita questo rischio dovrebbe crescere. Ciò suggerisce che questi esemplari hanno sviluppato capacità protettive superiori. Le innovazioni genetiche scoperte nei geni di stabilità del genoma nel grande bianco e anche nello squalo balena potrebbero essere adattamenti che facilitano l’evoluzione. Negli squali "c’era anche un arricchimento di molti di questi geni", aggiunge Shivji.

Ma c'è ancora tanto da scoprire

I genomi degli squali hanno rivelato anche altri adattamenti evolutivi, ritenuti interessanti dagli scienziati, nei geni legati ai percorsi di guarigione delle ferite (compreso un gene chiave della coagulazione del sangue), processo che avviene in maniera "straordinariamente rapida" in queste creature marine, ricordano gli esperti. Molto c’è ancora da scoprire. I ricercatori precisano infatti di aver esplorato solo la punta dell’iceberg rispetto al genoma dello squalo bianco.

... continua a leggere

Ultime notizie

 20-02-2019 Leggi la notizia 

Mappato il genoma del grande squalo bianco

Il codice potrà aiutare la scienza a sviluppare nuove armi in grado di combattere cancro e malattie legate all'età.

Il grande squalo bianco è una delle creature marine più famose del Pianeta, ma anche a rischio, dato il numero relativamente basso di esemplari presenti oggi negli oceani. Questa volta a finire sotto i riflettori non è il suo aspetto possente e la sua fama, ma il suo Dna. Il  [...]



 18-02-2019 Leggi la notizia 

Cosa succederebbe se lo squalo bianco scomparisse?

I ricercatori dell’Università di Miami, di fronte al declino per ragioni ancora ignote nel numero di squali bianchi in un’area di studio, hanno analizzato cosa accade quando un predatore al vertice della catena alimentare sparisce.

I ricercatori dell’Università di Miami hanno cercato di capire cosa "la mancanza" provoca quando si parla di un superpredatore – ovvero di predatore che, u [...]



 18-02-2019 Leggi la notizia 

Attacco in Australia a un Sam Edwardes

Spiagge chiuse in Australia nord-orientale, dopo che un surfista è stato ferito gravemente ad una coscia da uno squalo bianco al largo di Belongil Beach, a nord di Byron Bay.

L’uomo Sam Edwardes, di 41 anni, ha riportato una profonda lacerazione alla gamba e ha perso molto sangue. Secondo la testimone Dane Davidson, l’uomo si trovava in mare con altri surfisti quando, nel tentativo di cava [...]



 15-02-2019 Leggi la notizia 

Il Megalodonte forse si estinse anche a causa degli squali bianchi

Secondo nuove ricerche il mastodontico squalo preistorico megalodonte sarebbe stato spazzato via dall'avvento dei moderni squali bianchi.

Il megalodonte, il più grande squalo mai esistito e diventato famoso grazie a documentari, libri e film, secondo nuove ricerche potrebbe essersi estinto ben prima di quanto si fosse sempre creduto. Inoltre sembrerebbe che l'evento si sia verificato a causa d [...]



 15-02-2019 Leggi la notizia 

Lo squalo bianco abbandonato in un parco di Melbourne

L’Australia sicuramente in quanto a biodiversità naturalistica è difficile da battere. Foreste, deserti, oceani, tutto concentrato su un’isola immensa. In Australia vivono anche il maggior numero di creature mortali che si possono incontrare in un solo paese. Tra queste, ci sono gli squali, in particolare i grandi squali bianchi.

Ed è infatti di un grande squalo bianco che si parla tanto [...]



 08-02-2019 Leggi la notizia 

Deliveroo aderisce alla campagna Wwf “No Shark Fin”

Deliveroo, società di consegna del cibo a domicilio, ha annunciato di aver rimosso dalla piattaforma globale tutti i piatti a base di pinne di squalo, aderendo alla campagna del WWF "NO SHARK FIN".

Secondo il WWF più di 70 milioni di squali vengono pescati ogni anno per soddisfare la domanda di piatti con carne di squalo. La pesca dello squalo sta procedendo a ritmo più rapido rispetto alla  [...]



 05-02-2019 Leggi la notizia 

Firenze, dal ventre dello squalo una speranza per l'Alzheimer

La ricerca portata avanti da un team di scienziati dell'università toscana in collaborazione con altri centri.

di LAURA MONTANARI

Nella foto: Roberta Cascella, Fabrizio Chiti e Cristina Cecchi

Dalla "pancia" degli squali una speranza per i malati di Alzheimer. Viene da una ricerca dell'università di Firenze: una molecola presente nell'intestino degli squali, ma ora sintetizzata in labor [...]



 05-02-2019 Leggi la notizia 

Attacchi di squali in calo nel 2018

Nel 2018 si sono verificati 66 attacchi non provocati, molti in meno rispetto agli anni precedenti. È un buon segnale? Senz'altro lo è per noi, ma è poco rassicurante per loro. Partiamo dai dati divulgati dal Yearly Worldwide Shark Attack Summary, la ricerca annuale condotta dal Florida Museum  [...]



 05-02-2019 Leggi la notizia 

La dieta vegetariana dello squalo balena

Gli squali balena sono i pesci più grandi presenti nei mari della Terra, anche se, essendo dei filtratori, non hanno la stessa reputazione sanguinaria degli altri squali. Ma, malgrado ciò, pur sempre di squali si tratta e pertanto si è ritenuto a lungo che questi giganti buoni si nutrissero comunque prevalentemente di proteine animali.

Un nuovo interessante studio pubblicato questo mese su  [...]



 31-01-2019 Leggi la notizia 

Attacco mortale a Reunion a un pescatore

Verso le 9:30 del 30 gennaio 2019, un pescatore è andato alla foce del fiume East con diversi amici. Il gruppo stava pescando bichiques, un piccolo pesce spesso catturato nelle reti.

Pochi minuti dopo essere entrato in acqua, l'uomo di 41 anni, a 5 metri dalla riva è stato attaccato da uno squalo che gli ha asportato la gamba sinistra. I suoi compagni l'hanno portato fuori dall'acqua ma l'uom [...]



SPONSOR

Spazio Pubblicitario

1000 x 120

Selezione di articoli

Ocean Ramsey a Isla Guadalupe nell'Ottobre 2013

Resoconto di Ocean appena tornata dall'Isola di Guadalupe. Guadalupe è un posto speciale e estremamente importante per i grandi squali bianchi

Reportage da Coco Island, la Galapagos costaricana

L’isola, detta anche la Galapagos costaricana, per la sua dimensione, isolamento e stato di conservazione, costituisce uno dei siti naturali privilegiati a livello mondiale.

Avvistamenti e catture di squali

In tutto il mondo sono sempre più frequenti le catture, anche accidentali, di grossi esemplari di squalo. Certe volte si incontrano nuove specie nei mercati, specialmente i quelli asiatici. Questa lista fornisce un vasto panorama del fenomeno.

Ordine degli Hexanchiformi

Questo e' uno degli ordini piu' antichi, con la caratteristica piu' tipica di possedere 6 o 7 fessure branchiali. Questo e' considerato un carattere molto primitivo rispetto agli squali piu' moderni che ne possiedono soltanto 5. Comparati con gli appartenenti agli altri ordini, hanno solo una pinna dorsale. Sono distribuiti ampiamente nel mondo e vivono preferibilmente in acque profonde. La conosc

Un aiuto per identificare il vostro dente fossile

Avete comprato un dente fossile in un mercatino o ne avete trovato uno e non sapete a quale specie appartiene? In questa pagina troverete un valido supporto per identificarlo.

Ordine degli Orectolobiformi

Nel loro insieme, gli squali dell'ordine (per alcuni autori sottordine) Orectolobiformes (Applegate, 1806), sono a volte chiamati squali tappeto, in quanto molti di loro sono caratterizzati da segni sul corpo che ricordano le decorazioni dei tappeti. L'ordine include alcuni degli squali più diffusi: gli squali nutrice, gli squali ciechi ed infine gli squali balena. Gli orectolobiformi presentano

I nomi degli squali nelle regioni italiane

Spesso non è semplice capire di che squalo parliamo commentando o leggendo le informazioni su catture, avvistamenti o durante la spesa al mercato. Questo è un elenco dei nomi regionali con cui vengono chiamati in Italia.

Ordine degli Squaliformi

Squaliformi è un ordine di squali che include 130 specie in sette famiglie. I membri dell'ordine hanno due pinne dorsali, che di solito possiedono spine, nessuna pinna anale o membrana nittitante, e cinque fessure branchiali. In molti altri aspetti, tuttavia, sono molto variabili per forma e dimensione. Si trovano in tutto il mondo, dalle acque polari a quelle tropicali, e dai mari costieri poco p

Ancora sulle tracce di umanoidi acquatici

Non ci crediamo, ma ci crediamo. Non possiamo fare a meno di essere affascinati. Lo sapeva bene P.T. Barnum, che nel XIX secolo fondò uno dei più famosi circhi itineranti dell’America del nord. Negli anni ’40 di quel secolo, i cosiddetti "fenomeni da baraccone", la facevano da padrona. L’uomo più piccolo, i gemelli siamesi, il gigante, la sirena delle Fiji ecc...

Famiglia Megachasmidae

Unico rappresentante della famiglia Megachasmidae è lo squalo bocca grande (Megachasma pelagios Taylor, Compagno & Struhsaker, 1983), un pesce cartiliagineo dell'ordine dei Lamniformi. Può raggiungere i 5 metri di lunghezza e la tonnellata di massa corporea. E' chiamato squalo bocca grande a in base alla traduzione dall'inglese megamouth shark.

10 cose da sapere sugli squali

Soltanto alcune specie di squali sono ovipare, ossia depongono uova come tutti gli altri pesci. La gran parte degli squali sono invece ovivipare. In queste specie l’uovo resta all’interno del corpo della femmina, mentre lo squalo cresce cibandosi dell’uovo stesso. Quando giunge a maturazione viene “partorito” ed è perfettamente autonomo.

Squali dei mari italiani

Elenco delle specie di squalo presenti in Mediterraneo, in particolare nei mari italiani

Famiglia Squatinidae

La famiglia Squatinidae (Bonaparte, 1938) appartiene dell'ordine Squatiniformes (Buen, 1926). Comprende un unico genere (Squatina Duméril, 1806) con 16 specie, caratterizzate da corpi grossi e pinne pettorali ampie, che li fanno assomigliare a delle razze più che a degli squali. Gli Squali angelo sono presenti su diverse zone del mondo caratterizzate da mari tropicali e temperati. La maggior parte

Criminali a caccia di squali in Messico

Si chiama Humberto Anduze Trujillo e si definisce "un buen pescador, trabajador y honesto" ma non ci vuole molto a definirlo criminale. Le foto che seguono sono state prese dal suo profilo Facebook.

Le sirene: uccisione di squali bianchi con lance rudimentali

Da Discovery channel una serie infinita di domande. Le punte di lancia conficcate nella carne di squali bianchi appartengono a una razza di umanoidi acquatici che ne sono prede?

Caratteristiche degli squali

Fino al 16 ° secolo, gli squali erano noti ai marinai come “cani di mare”. Secondo l'Oxford English Dictionary la parola “squalo” entrò in uso dopo che i marinai di Sir John Hawkins ne esposero uno a Londra nel 1569 usando la parola per indicare i grandi squali del Mar dei Caraibi, e poi come un termine generale per tutti gli squali.

Interazioni con gli squali in Mediterraneo

Nonostante gli avvistamenti di cetorini e le catture di capopiatto sembra che gli incontri con grossi squali in Mediterraneo siano ormai un ricordo. Questo non può che significare una drastica diminuzione del loro numero.

Famiglia Orectolobidae

Gli Orectolobidae (Gill, 1896) sono una famiglia di squali dell'ordine Orectolobiformes. A volte sono chiamati squali tappeto. Si trovano nelle acque poco profonde temperate e tropicali dell'Oceano Pacifico Occidentale e dell'Oceano Indiano Orientale. In particolare vivono nelle acque al largo di Australia ed Indonesia, anche se una specie (l'Orectolobus japonicus) abita le acque del Giappone.

Le mascelle degli squali

Aggiornamento della pagina sulle mascelle degli squali, arricchita da tante immagini identificate col nome scientifico della specie di appartenenza.

I pescatori di squali di Lamalera

Lamalera è l ultimo villaggio della terra dove gli esseri umani cacciano ancora le balene, gli squali, le orche e i delfini con arpioni di bambù, un modo di pescare e vivere pericoloso e selvaggio


Link su squali - biologia - conservazione della natura

CSIRO - Agenzia scientifica australiana

Il Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation, è l'agenzia scientifica australiana e una delle più grandi e diversificate agenzie di ricerca del mondo.

Elasmo.com - Fossili di squalo del nord America

Il sito è in linea dal 1996 con l'obiettivo di migliorare la conoscenza degli squali fossili del Nord America. Sebbene alcune pagine più vecchie avrebbero bisogno di aggiornamento, resta un riferimento importante per gli appassionati.

Elasmodiver - Di Andy Murch

Andy Murch è un fotografo di squali freelance dello Shark Diver Magazine. Egli è anche il creatore di Elasmodiver.com che è una delle più grandi fonti di informazione su squali e razze su internet.

FAO - Pesca e Acquacultura

Agenzia delle Nazioni Unite per il cibo e l'agricoltura. Il Dipartimento Pesca e Acquacultura propone l'uso responsabile e sostenibile delle risorse ittiche, squali compresi.

FishBase - Database sui pesci in inglese

Contiene 32900 Specie, 303000 nomi comuni, 54800 immagini, 51400 Referimenti, aggiornato da 2150 collaboratori. Riceve 800.000 visite al mese. E' il punto di riferimento di Squali.com per la collocazione tassonomica degli squali.

IUCN - Sito ufficiale italiano

Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, aiuta il mondo a trovare soluzioni pragmatiche per le sfide ambientali e di sviluppo più urgenti

IUCN - Sito ufficiale mondiale

Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, aiuta il mondo a trovare soluzioni pragmatiche per le sfide ambientali e di sviluppo più urgenti

Pesci dell'Australia

Bel sito per informazioni sulla diversità biologica delle specie marine e d'acqua dolce dell'Australia

Shark diver magazine

ELI MARTINEZ è il fondatore della rivista e un eccezionale protagonista delle immersioni con gli squali. Il suo modo di interagire con loro ha contribuito a cambiare l'opinione che la gente ha di questi animali.

Shark-References, database del Bavarian State Collection of ...

Bibliografia scientifica sui squali, razze e chimere recenti e fossili (pesci cartilaginei, Chondrichthyes). La banca dati è online da Giugno 2009 con un archivio di dati di circa 1.000 citazioni scientifiche. Oggi detiene più di 19.000 fonti e pubblicazioni.

SharkAcademy: il sito di Riccardo Sturla Avogadri

Riccardo è il fondatore della Sharkacademy e una delle persone più appassionate e operative del settore. Credo abbia la più grande collezione al mondo sugli squali, dai reperti biologici ai denti fossili, dalle pubblicazioni alle riproduzioni di specie a grandezza naturale. Organizza viaggi e corsi con rilascio di brevetti, cura vari progetti di ricerca e non mancherà di sorprendervi.

ZOOTAXA : la grande rivista della tassonomia animale

Zootaxa è una rivista internazionale per una rapida pubblicazione di documenti di alta qualità su qualsiasi aspetto di zoologia sistematica, con una preferenza per le grandi opere tassonomiche quali monografie e revisioni. Contiene documenti su animali sia vivi che fossili, e considera tutti gli aspetti tassonomici, tra cui teorie e metodi di sistematica e filogenesi, monografie tassonomiche ...


   
© 1999-2019 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti