Desktop Area riservata

Torna alla Home Page



Arriva empurau, l’alternativa malaysiana alle zuppa di pinne di squalo

La carne degli empurau è molto pregiata e i piatti a base di questo pesce possono arrivare a costare fino a 400 dollari a porzione.

"Lo Stato di Sabah è pronto a vietare la pesca degli squali entro la fine dell’anno" ha esordito Datuk Seri Masidi Manjun, Ministro del Turismo, della Cultura e dell’Ambiente malaysiano, alla conferenza stampa per la presentazione della Shark Fin Soup Exhibition, che si terrà nella capitale Kota Kinabalu, il prossimo 11 novembre. L’evento, organizzato dalla Sabah Shark Protection Association (SSPA) e dalla Royal Empurau, ha lo scopo di mostrare l’insostenibilità (e brutalità) dello spinnamento degli squali (o shark finning) e darà al pubblico la possibilità di assaggiare la zuppa di pesce Empurau, un piatto che rappresenta la migliore alternativa alla zuppa di pinne di squalo.

La pratica dello shark finning consiste nel tagliare le pinne degli squali mentre questi sono ancora vivi; il resto del corpo viene poi rigettato in mare, dove l’animale agonizza per giorni prima della morte. Le pinne vengono essiccate e vendute, per lo più illegalmente. Il mercato delle pinne “pesa” 8 tonnellate/anno, e le pinne possono essere vendute a più di mille dollari/kg.

Un singolo squalo vivo può avere invece un valore turistico di 800 mila dollari, soprattutto grazie al crescente numero di escursionisti che richiedono immersioni adrenaliniche. Per questo, le Autorità dello Stato malaysiano nel nord del Borneo già da tempo si battono per modificare la legislazione nazionale in materia di pesca, per bandire lo shark finning e limitare la pesca delle specie di squali vulnerabili. Il divieto in questione, tuttavia, riguarderebbe solo i sei parchi marini nazionali, che coprono un’area totale di circa 1 milione di ettari, corrispondenti al 7,4% delle acque di Sabah.

“È un imperativo ecologico ed economico proteggere gli squali nelle nostre acque: con il turismo, gli animali vivi e allo stato brado generano più reddito che come alimento“. Le pinne di squalo hanno un importante valore culturale: vengono utilizzate in un tradizionale piatto cinese, la zuppa di pinne di squalo o “zuppa di ali di pesce”, popolare sin dai tempi della dinastia Ming. In passato, la pietanza veniva offerta dall’Imperatore agli ospiti illustri. Il suo consumo ha risentito dell’aumento della popolazione asiatica, in particolare delle classi più agiate, ed è ancora uno status symbol servirla durante le cene di rappresentanza e i matrimoni. La zuppa è insapore e non ha particolari proprietà nutrienti, ma è il suo valore culturale a decretarne il prezzo: da 50 a 400 dollari/porzione.

Negli ultimi due decenni la pratica dello spinnamento è stata largamente discussa a livello locale e internazionale, e ovunque nel mondo, si stanno creando spontaneamente movimenti per la salvaguardia degli squali. Anche la Cina (il più grande importatore e consumatore nel mondo) si è schierata dalla parte dei predatori dei mari e, dal 2013, ha proibito la zuppa di pinne durante le cene ufficiali di Stato: il popolare piatto ha visto crollare le richieste sul mercato dell’82% circa, ma rimane una pietanza ambita. Dall’altra parte del mondo, l’Europa è uno dei maggiori esportatori di pinne verso l’Asia: Spagna, Francia, Inghilterra e Portogallo sono tra i primi 20 Paesi per la cattura degli squali, e complessivamente sono secondi solo all’Indonesia.

Aderick Chong, cofondatore della SSPA, ha dichiarato che un gran numero di ristoranti che servivano ancora zuppa di pinne di squalo nel 2015, stanno ora cambiando rotta. “Comprendiamo la sensibilità della gente, specialmente delle generazioni più anziane, che credono nella tradizione e nel cerimoniale associato a questo piatto popolare. Ma il movimento anti-spinnamento ha guadagnato consensi a livello mondiale, dove molti ristoranti e alberghi importanti hanno tolto la zuppa dai loro menu. Negli ultimi anni è accresciuta la consapevolezza anche tra i sabahans e, soprattutto le nuove generazioni, cercano attivamente alternative culinarie“.

Punta di diamante del meeting di novembre sarà la presentazione di un piatto che incoraggia gli sforzi contro il consumo della carne di squalo. Mikhail Razak Harris, CEO di Go Seafood, afferma di aver collaborato con executive chef pluristellati per ideare una portata alternativa alla zuppa di pinne di pescecane. L’ingrediente principale è l’empurau, un pesce d’acqua dolce del sud-est asiatico, considerato una risorsa sostenibile, prestigiosa e redditizia. È infatti noto come uno dei cibi più costosi del Paese: può costare fino a 400 euro/porzione.

"È una sfida difficile ma penso che abbiamo creato qualcosa che sorprenderà i presenti, nonché futuri clienti – ha affermato Harris – Coloro che vogliono offrire una ricca zuppa per il loro matrimonio, possono servire costosi pesci di acquacoltura, come l’empurau". Molto simili alle carpe, i grandi empurau hanno una carne ricca e delicata, grazie a una dieta a base di frutti selvatici che cadono direttamente dagli alberi nei fiumi. Oggi questi pesci non fanno più parte della dieta dei pescatori nativi e sono pescati solo per profitto: un solo empurau può valere mesi di guadagno. I tentativi di acquacoltura sembrano avere un buon potenziale e la LTT Aquaculture ha ricevuto un finanziamento governativo nel 2012 per la ricerca sugli empurau in cattività.

Ogni anno vengono uccisi nel mondo 90/110 milioni di squali e uno dei maggiori responsabili è il mercato delle pinne, con circa 70/80 milioni di esemplari/anno. Sono 20 le specie di squalo tra gli animali iscritti nella lista a rischio estinzione: la speranza è che un pesce allevato in acque dolci possa allentare la fragilità biologica del più temibile predatore marino.

... continua a leggere

Ultime notizie

 30-09-2017 Leggi la notizia 

Arriva empurau, l’alternativa malaysiana alle zuppa di pinne di squalo

La carne degli empurau è molto pregiata e i piatti a base di questo pesce possono arrivare a costare fino a 400 dollari a porzione.

"Lo Stato di Sabah è pronto a vietare la pesca degli squali entro la fine dell’anno" ha esordito Datuk Seri Masidi Manjun, Ministro del Turismo, della Cultura e dell’Ambiente malaysiano, alla conferenza stampa per la presentazione della Shark Fin Soup Exhibit [...]



 30-09-2017 Leggi la notizia 

Gli squali vivono il doppio del previsto: ecco come è stato scoperto

Gli squali e le razze vivono il doppio di quanto creduto sino ad oggi, e la ragione risiede in una sistematica sottovalutazione della loro età da parte dei ricercatori. A determinarlo è stato il dottor Alastair Varley Harry, un biologo marino dell'Università James Cook di Cairns, Australia, che ha effettuato una revisione dei metodi utilizzati normalmente per valutare la longevità dei pesci ca [...]



 27-09-2017 Leggi la notizia 

Megalodonte: la leggenda degli abissi scomparsa per sempre

 [...]



 23-09-2017 Leggi la notizia 

Sea Shepherd blocca navi cariche di squali a Timor Est

Il gruppo di attivisti per la difesa dell’oceano, Sea Shepherd, ha comunicato che ha condotto la polizia armata di Timor-Leste verso un peschereccio di proprietà cinese in un raid all’alba e sta custodendo la flotta per la polizia, dopo che è stata scoperta a pescare squali.

Dopo una caccia di due settimane alla flotta Pingtan Marine Enterprises, la barca Sea Shepherd M/Y Ocean Warrior ha [...]



 21-09-2017 Leggi la notizia 

Squali e gechi i modelli per rendere le turbine eoliche più efficienti

In questi ultimi anni il settore dell’energia eolica sta facendo scendere in campo veri e propri mostri: aerogeneratori giganteschi, più alti dei grattacieli e sempre più potenti. Ma la corsa del vento come soluzione chiave della transizione energetica non si gioca solo sulle dimensioni. Alla Texas Tech University, la priorità è riuscire a rendere le turbine eoliche più efficienti grazie a  [...]



 18-09-2017 Leggi la notizia 

Megamouth trovato morto vicino alla riva nelle Filippine

È ben noto che i mari che circondano l'arcipelago filippino hanno una grande diversità di specie marine. Anche i residenti che vivono lì da tutta una vita sono spesso sorpresi dalle creature marine catturate dalle reti da pesca o che arrivano prive di vita sulle loro rive, con una incredibile variabilità di forme, dimensioni, colori e livree. È proprio quello che è successo nei primi giorni  [...]



 16-09-2017 Leggi la notizia 

Verdesca tra i bagnanti a Scauri

La sala operativa della Guardia Costiera di Gaeta ha ricevuto la segnalazione e ha immediatamente inviato sul posto la motovedetta in servizio di polizia marittima e il battello pneumatico. Il personale della Guardia Costiera, arrivato nei pressi del litorale indicato dai bagnanti, è riuscito a trovare e identificare lo squalo, rivelatosi una verdesca, o squalo azzurro.

Essendo a pochi metri d [...]



 12-09-2017 Leggi la notizia 

Attacco in Australia Abe McGrath

SYDNEY - Un grande squalo bianco ha attaccato un surfista Abe McGrath di 35 anni mentre cavalcava le onde con amici presso la spiaggia di Iluka, vicino Yamba, a nord di Sydney all'alba dell'11 settembre. Il giovane è salvo per miracolo dopo essere stato morso a un fianco.

Lo squalo di 3 metri e mezzo aveva colpito da sotto la tavola da surf spaccandola in due e lanciando in aria il surfista.  [...]



 10-09-2017 Leggi la notizia 

Scoperto il sottomarino che affondò l’Indianapolis

Tra i sottomarini giapponesi affondati e scomparsi c’era fino a qualche giorno fa I-58, famoso per aver affondato l'Indianapolis statunitense quando la guerra volgeva al termine, il 30 luglio 1945.

L’Indianapolis era un incrociatore pesante della Marina Militare Usa e i giapponesi lo colpirono perché ritenevano trasportasse ancora il materiale per costruire la bomba atomica.

Il capitano [...]



 10-09-2017 Leggi la notizia 

Trovati 10 squali nella piscina di un'abitazione a New York

Dieci piccoli squali, di cui tre morti, sono stati scoperti in una piscina in un'abitazione a Lagrangeville, vicino a New York.

I pesci probabilmente erano allevati per rivenderli, ma le condizioni in cui vivevano erano pessime e la vasca era di appena quattro metri di diametro.

Essendo allevati e detenuti illegalmente, sono stati sequestrati e presi in custodia dall'acquario di Long Island. [...]


Selezione di articoli

Un aiuto per identificare il vostro dente fossile

Avete comprato un dente fossile in un mercatino o ne avete trovato uno e non sapete a quale specie appartiene? In questa pagina troverete un valido supporto per identificarlo.

Il Bull shark Carcharhinus leucas

Il nome "bullshark", utilizzato esclusivamente nei Paesi di lingua anglosassone, deriva dalla forma tozza di questa specie, dal muso corto e appiattito e dal suo comportamento imprevedibile e aggressivo. In India questo squalo viene spesso confuso con lo «squalo del Gange» o dei «Sundarbans». In Africa viene chiamato comunemente «squalo dello Zambesi» o semplicemente «zambi».

10 cose da sapere sugli squali

Soltanto alcune specie di squali sono ovipare, ossia depongono uova come tutti gli altri pesci. La gran parte degli squali sono invece ovivipare. In queste specie l’uovo resta all’interno del corpo della femmina, mentre lo squalo cresce cibandosi dell’uovo stesso. Quando giunge a maturazione viene “partorito” ed è perfettamente autonomo.

Le code degli squali

La maggio parte degli squali possiedono una pinna caudale eterocerca la cui parte dorsale è di solito molto più grande di quella ventrale. Ciò è dovuto al fatto che la colonna vertebrale dello squalo si estende per l'appunto fino alla porzione dorsale, dando una maggiore area superficiale ai legamenti dei muscoli, in modo da fornire un metodo di locomozione molto efficiente e da compensare la catt

Il Grande squalo bianco Carcharodon carcharias

Sotto vari sinonimi (come mangiatore di uomini e la morte bianca), lo squalo bianco e' stato a lungo oggetto dell'attenzione negativa dei media, a causa di alcuni attacchi mortali a umani, o diretti verso imbarcazioni. Come conseguenza di questa tipica tendenza umana all'esagerazione e allo status leggendario di grande pesce, la specie e' stata obiettivo di pesca sportiva e di caccia per procurars

Le mascelle degli squali

Aggiornamento della pagina sulle mascelle degli squali, arricchita da tante immagini identificate col nome scientifico della specie di appartenenza.

Il mercato degli squali di Bentota

Cerchiamo di arrivare al porto di prima mattina, ma non siamo bravi a svegliarci prima del sorgere del sole: se fossimo arrivati attorno alle 6 e 30 del mattino, ne avremmo visti a centinaia, non a decine. Alle otto e mezza, ne sono rimasti relativamente pochi. Pochi, ma sempre tantissimi rispetto a quanti siamo abituati a vederne normalmente.

Il Megalodonte

Il megalodonte (Carcharodon megalodon o Carcharocles megalodon Louis Agassiz, 1843) è una specie estinta di squalo di notevoli dimensioni, noto per i grandi denti fossili, alcuni dei quali ritrovati anche in Sardegna. Il nome scientifico megalodon deriva dal greco e significa appunto "grande dente". I fossili di C. megalodon si trovano in sedimenti dall'Eocene al Pliocene(55 - 1,8 mln di annni fa)

Le schede descrittive degli squali

Questa lista contiene i nomi scientifici degli squali che possiedono una descrizione su squali.com, sarà aggiornata man mano che verranno inserite nuove schede di specie di squalo.

Le sirene: uccisione di squali bianchi con lance rudimentali

Da Discovery channel una serie infinita di domande. Le punte di lancia conficcate nella carne di squali bianchi appartengono a una razza di umanoidi acquatici che ne sono prede?

Lo Squalo dal collare Chlamydoselachus anguineus

Questo squalo, o un presunto parente gigante, è stato indicato come fonte di notizie sui serpenti marini. Lo squalo dal collare fu scientificamente riconosciuto dall'ittiologo tedesco Ludwig Doderlein, che visitò il Giappone tra il 1879 e il 1881 e portò due esemplari a Vienna. Tuttavia, il suo manoscritto che descrive la specie è stato perso, e così la prima descrizione dello squalo dal collare f

Lo Squalo megamouth Megachasma pelagios

Era 15 Novembre del 1976, la nave oceanografica del Naval Ocean System Center (Nocs) americano, aveva messo in mare due grosse ancore gallegianti, 26 miglia al largo dell'isola di Oahu, Hawaii. Poco dopo l'equipaggio si accorse che qualcosa si era impigliato in una cima: era sicuramente un animale, e anche molto grosso, perche' recuperarlo con il winch si rivelo' un'impresa tuttaltro che facile. A

Lo squalo del Borneo, dichiarato estinto e riscoperto nel 20 ...

Fino a poco tempo fa erano noti solamente cinque esemplari di squalo del Borneo, tutti quanti catturati prima del 1937. Studi successivi sul campo non riscontrarono alcuna presenza della specie nelle acque del Borneo e quindi venne dichiarata estinta, ma nel 2007 i ricercatori dell'Universiti Malaysia Sabah ne riscoprirono alcuni esemplari nelle pescherie del Sabah e del Sarawak.

Quadri con squali

Breve panoramica di quadri che hanno gli squali come soggetto

Miami: una vergognosa attività in Florida

Nel mondo occidentale ci stupiamo della facilità con cui in oriente sterminano gli squali, ma qui siamo a Miami e questo psicopatico ha fatto show businness con la pesca (e uccisione) degli squali.

CUBA: Giardini della Regina e Cayo Largo

Anni fa iniziava l’avventura di un gruppo di italiani che, innamoratisi dei Giardini della Regina, decisero di trasformare l’area in un parco marino protetto.

Archivio degli attacchi di squalo

La Marina degli Stati Uniti ha avuto tradizionalmente molto piu' che un interesse transitorio nei confronti degli attacchi di squali da quando il suo personale, ha affrontato piu' di altri i rischi relativi. Molti casi di attacchi durante la seconda guerra mondiale suggerirono la nascita di un archivio che li documentasse.

Ancora sulle tracce di umanoidi acquatici

Non ci crediamo, ma ci crediamo. Non possiamo fare a meno di essere affascinati. Lo sapeva bene P.T. Barnum, che nel XIX secolo fondò uno dei più famosi circhi itineranti dell’America del nord. Negli anni ’40 di quel secolo, i cosiddetti "fenomeni da baraccone", la facevano da padrona. L’uomo più piccolo, i gemelli siamesi, il gigante, la sirena delle Fiji ecc...

Sudafrica: immersioni a Gansbaai con gli squali

Con i suoi 3500 Km di spiagge è la destinazione ideale per gli amanti della natura, dei grandi spazi e del mare dove è possibile immergersi per incontrare faccia a faccia il Grande Squalo Bianco

I denti degli squali

I denti di squalo sono reliquie dell’evoluzione e della biologia degli squali, e siccome sono spesso le uniche parti dello squalo che sopravvivono alla fossilizzazione, rappresentano gran parte dei fossili ritrovati


Link su squali - biologia - conservazione della natura

CSIRO - Agenzia scientifica australiana

Il Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation, è l'agenzia scientifica australiana e una delle più grandi e diversificate agenzie di ricerca del mondo.

Elasmo.com - Fossili di squalo del nord America

Il sito è in linea dal 1996 con l'obiettivo di migliorare la conoscenza degli squali fossili del Nord America. Sebbene alcune pagine più vecchie avrebbero bisogno di aggiornamento, resta un riferimento importante per gli appassionati.

Elasmodiver - Di Andy Murch

Andy Murch è un fotografo di squali freelance dello Shark Diver Magazine. Egli è anche il creatore di Elasmodiver.com che è una delle più grandi fonti di informazione su squali e razze su internet.

FAO - Pesca e Acquacultura

Agenzia delle Nazioni Unite per il cibo e l'agricoltura. Il Dipartimento Pesca e Acquacultura propone l'uso responsabile e sostenibile delle risorse ittiche, squali compresi.

FishBase - Database sui pesci in inglese

Contiene 32900 Specie, 303000 nomi comuni, 54800 immagini, 51400 Referimenti, aggiornato da 2150 collaboratori. Riceve 800.000 visite al mese. E' il punto di riferimento di Squali.com per la collocazione tassonomica degli squali.

IUCN - Sito ufficiale italiano

Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, aiuta il mondo a trovare soluzioni pragmatiche per le sfide ambientali e di sviluppo più urgenti

IUCN - Sito ufficiale mondiale

Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, aiuta il mondo a trovare soluzioni pragmatiche per le sfide ambientali e di sviluppo più urgenti

Pesci dell'Australia

Bel sito per informazioni sulla diversità biologica delle specie marine e d'acqua dolce dell'Australia

Shark diver magazine

ELI MARTINEZ è il fondatore della rivista e un eccezionale protagonista delle immersioni con gli squali. Il suo modo di interagire con loro ha contribuito a cambiare l'opinione che la gente ha di questi animali.

Shark-References, database del Bavarian State Collection of ...

Bibliografia scientifica sui squali, razze e chimere recenti e fossili (pesci cartilaginei, Chondrichthyes). La banca dati è online da Giugno 2009 con un archivio di dati di circa 1.000 citazioni scientifiche. Oggi detiene più di 19.000 fonti e pubblicazioni.

SharkAcademy: il sito di Riccardo Sturla Avogadri

Riccardo è il fondatore della Sharkacademy e una delle persone più appassionate e operative del settore. Credo abbia la più grande collezione al mondo sugli squali, dai reperti biologici ai denti fossili, dalle pubblicazioni alle riproduzioni di specie a grandezza naturale. Organizza viaggi e corsi con rilascio di brevetti, cura vari progetti di ricerca e non mancherà di sorprendervi.

ZOOTAXA : la grande rivista della tassonomia animale

Zootaxa è una rivista internazionale per una rapida pubblicazione di documenti di alta qualità su qualsiasi aspetto di zoologia sistematica, con una preferenza per le grandi opere tassonomiche quali monografie e revisioni. Contiene documenti su animali sia vivi che fossili, e considera tutti gli aspetti tassonomici, tra cui teorie e metodi di sistematica e filogenesi, monografie tassonomiche ...


   
© 1999-2017 Squali.com  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti