Torna alla Home Page

Desktop Area riservata



Come ridurre i rischi di attacco di squalo

Il rischio relativo di un attacco da parte di uno squalo e' molto piccolo, ma dovrebbe essere ridotto ulteriormente laddove e' possibile.

Ecco qualche accorgimento:

Restare sempre in gruppo

infatti gli squali preferiscono attaccare individui isolati.

Non vagare troppo distanti dalla barca

perche' oltre ad essere isolati si e' troppo lontani per un eventuale soccorso.

Evitare di entrare in acqua durante la notte o all'imbrunire

quando gli squali sono particolamente attivi e dotati di un indubbio vantaggio sensoriale.

Non entrare in acqua se sanguinanti

da una ferita aperta o durante le mestruazioni: l'olfatto degli squali e' molto acuto. <

E' sconsigliato indossare gioelli

perche' i loro riflessi assomigliano a quelli delle squame dei pesci.

Evitare acque con fogne o immondizia

e quelle usate per la pesca sportiva o commerciale, specialmente se sono presenti esche o sono state pasturate. La presenza di uccelli marini e' indicativa di queste zone.

Gli avvistamenti dei delfini

non indicano l'assenza di squali: spesso si trovano a mangiare nelle stesse zone lo stesso cibo.

Usare molta cautela quando le acque sono torbide

ed evitare di indossare abbigliamento troppo colorato: gli squali vedono i contrasti particolarmente bene.

Trattenersi da gesti troppo bruschi

e non cedere al nervosismo per evitare movimenti scoordinati.

Porre cautela in acqua

nelle vicinanze dei litorali sabbiosi e rive scoscese, sono tra i luoghi preferiti dagli squali.

Non entrare in acqua

se e' nota la presenza di squali, ed uscite immediatamente se ne avvistano uno.

E, naturalmente, se ne vedete uno, non infastiditelo.

   
© 1999-2017 Squali.com  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti