Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

I denti degli squali

I denti di squalo sono reliquie dell’evoluzione e della biologia degli squali, e siccome sono spesso le uniche parti dello squalo che sopravvivono alla fossilizzazione, rappresentano gran parte della documentazione fossile del superordine Selachimorpha, che risalgono a centinaia di milioni di anni.
I tipi più antichi di squali risalgono a 450 milioni di anni fa, durante il periodo del tardo Ordoviciano, e sono per lo più conosciuti dai loro denti fossilizzati. I più comuni, tuttavia, sono del Cenozoico (65 milioni di anni fa).

Gli squali perdono continuamente i denti, e alcuni Carcharhiniformes possono perdere circa 35.000 denti in una vita. Gli squali, così come altri Condritti, hanno una dentizione polifiodonte, in cui i vecchi denti cadono continuamente per tutta la vita del pesce, e quelli nuovi ruotano in posizione su una struttura simile a un nastro trasportatore.

I denti di squalo, attraverso lo stesso meccanismo delle scaglie della pelle degli squali, si sviluppano lungo la superficie interna della cartilagine della mandibola, e sono attaccati alla membrana dentale. Quando i denti si formano nel tessuto gengivale, la corona si sviluppa per prima, seguita dalla radice. I denti risultanti sono composti da una radice di dentina, coperta da uno strato di smalto. La radice e lo smalto della lama possono essere a volte separati da una sottile fascia di smalto. A seconda della specie di squalo, la lama del dente può o non può essere dentato, e può mostrare seghettature grosse o finissime, irregolari o regolari. Anche in questo caso a seconda della specie di squali, possono essere presenti cuspidi su uno o due lati della lama.

I denti degli squali non sono attaccati alla mandibola, ma incorporati nella carne, e in molte specie sono costantemente sostituiti per tutta la vita dello squalo. Quando perdono un dente, sarà sostituito dal dente successivo dietro di esso. Tutti gli squali hanno più file di denti lungo i bordi delle loro mascelle superiori e inferiori.
Nuovi denti crescono continuamente in un solco appena dentro la bocca e avanzano da dentro la bocca su un “nastro trasportatore” costituito da pelle cui sono ancorati. In genere uno squalo ha da 2 a 3 file di denti con da 20 a 30 denti in ogni fila, anche se uno squalo balena ha circa 300 denti in ogni fila.
Il tasso di sostituzione non è stato misurata in molti squali, ma normalmente i denti sembrano essere sostituiti ogni due settimane. Lo squalo limone sostituisce i denti ogni 8 - 10 giorni, e il grande squalo bianco sostituisce i denti ogni 100 giorni per gli squali giovani e circa ogni 230 giorni per gli squali vecchi.

La maggior parte degli squali perdono singoli denti, ma lo squalo cookiecutter perde l’intera mascella inferiore in una volta. La forma di un dente di squalo dipende dalla sua dieta; quelli che si nutrono di molluschi e crostacei hanno denti appiattiti per la frantumazione, quelli che si nutrono di pesci hanno denti aghiformi per afferrare, e quelli che si nutrono di grandi prede come i mammiferi hanno denti inferiori appuntiti per afferrare e denti superiori triangolari con bordi seghettati per tagliare. I denti degli squali planctofagi, come lo squalo elefante sono molto ridotti e non funzionali.
I più antichi documenti conosciuti di denti fossili di squalo sono stati trovati da Plinio il Vecchio, il quale credeva che questi oggetti triangolari cadessero dal cielo durante le eclissi lunari. Secondo i racconti del Rinascimento, grandi denti fossili triangolari si trovavano spesso incorporati in formazioni rocciose che una volta erano ritenute lingue pietrificate, chiamate lingue di pietra o Glossopetrae, di draghi e serpenti.
Le Glossopetrae comunemente si pensava che fossero un rimedio o una cura per diversi veleni e tossine, tra cui aiutare nel trattamento di morsi di serpente. A causa di questa convinzione radicata, molti nobili e reali indossavano queste “lingue di pietra” pendenti o li tenevano in tasca come portafortuna.
Questa interpretazione è stata corretta nel 1667 dal naturalista danese Nicolaus Steno, che li riconobbe come denti di un antico squalo e produsse meravigliosamente una raffigurazione della testa di uno squalo che aveva denti di questo tipo. Menzionò le sue conclusioni in un libro, The Head of a Shark Dissected, che conteneva anche l'illustrazione di un dente di Carcharodon Megalodon, in precedenza considerato una lingua di pietra.

Poiché una specie si evolve in un’altra, i suoi denti possono diventare difficili da classificare, presentando caratteristiche in entrambe le specie. Ad esempio, i denti del Carcharocles auriculatus poi evolutosi nel Carcharocles angustidens, sono difficili da identificare definitivamente poiché provenienti da entrambe le specie.
Un passaggio comunemente consultato è l'evoluzione dell’Isurus hastalis, l’estinto mako gigante, nel grande squalo bianco, Carcharodon carcharias. Esistono denti che si ritiene rappresentino la transizione tra le due specie. Questi denti, delle specie del genere Carcharodon, sono caratterizzati da corone più ampie e piatte dell’estinto mako gigante. Tuttavia, essi mostrano anche seghettature parziali che sono più pronunciate vicino alla radice, e spariscono verso la punta del dente – seghettature trovate nei grandi squali bianchi, ma non nell’estinto mako gigante.
I denti del Megalodon sono i più grandi di qualsiasi squalo, estinto o vivente, e sono tra i denti di squalo più ricercati al mondo. Questo squalo visse durante l'epoca del tardo Oligocene e il periodo Neogene, approssimativamente da circa 25 a 1,5 milioni anni fa. I denti più piccoli misurano solo 1,2 cm di altezza, mentre i denti più grandi sono superiori ai 17,7 cm di altezza massima. Questi denti sono in fortissima domanda da parte di collezionisti e investitori privati, e possono avere prezzi esorbitanti.

I denti di squalo non possono essere raccolti da nessun tipo di roccia. Qualsiasi fossile, tra cui i denti fossili di squalo, è conservato nelle rocce sedimentarie. I denti di squalo sono stati trovati più comunemente tra il Cretaceo superiore e il Terziario.
Denti fossili di squalo si trovano spesso all'interno o in prossimità degli argini dei fiumi, in cave di sabbia e sulle spiagge. Questi denti sono tipicamente consumati, perché sono stati spesso spostati e ridepositati in aree diverse prima di stabilirsi. Altre località, invece, hanno fornito denti perfetti quasi non fossero stati spostati durante i secoli. Questi denti sono tipicamente delicati, e si dovrebbe avere una gran cura durante la loro estrazione.

Le cavità di fosfato, che contengono soprattutto ossa e denti, o fosse di caolino, sono luoghi ideali per cercare denti fossili di squalo. Una delle più importanti miniere di fosfato è nella Florida centrale, a Polk County, ed è nota come Bone Valley.
Vicino alla Nuova Caledonia, fino a quando la pratica è stata vietata, i pescatori e le navi mercantili solitamente dragavano il fondo del mare alla ricerca di denti di Megalodon.
In Oceania e in America, i denti di squalo erano comunemente usati per gli attrezzi, in particolare per le armi come bastoni e pugnali, ma anche per intagliare il legno e come strumenti per la preparazione dei cibi. Per esempio, varie armi bordate con denti di squalo sono state utilizzate dai nativi hawaiani, che li hanno chiamate leiomano. Alcuni tipi erano riservate ai reali.

I Guaitaca (Weittaka) del litorale del Brasile ricoprivano la punta delle loro frecce con denti di squalo. I resti delle armi bordate con denti di squalo, così come le repliche di denti di squalo, sono stati trovati nella montagna Cahokia della valle della zona superiore del fiume Mississippi, a più di 1.000 km dal mare. È stato riferito che le tavolette di Rongorongo dell'Isola di Pasqua sono stati dapprima modellati e poi incisi con un dente di squalo.

Notizie relative ai denti di squalo:

Alcune tipologie di denti

Vedi immagine
Alopias pelagicus
Vedi immagine
Alopias superciliosus
Vedi immagine
Alopias vulpinus
Vedi immagine
Carcharhinus altimus
Vedi immagine
Carcharhinus brachyurus
Vedi immagine
Carcharhinus falciformis
Vedi immagine
Carcharhinus galapagensis
Vedi immagine
Carcharhinus leucas
Vedi immagine
Carcharhinus limbatus
Vedi immagine
Carcharhinus longimanus
Vedi immagine
Carcharhinus obscurus
Vedi immagine
Carcharhinus plumbeus
Vedi immagine
Carcharhinus porosus
Vedi immagine
Eusphyra blochii
Vedi immagine
Sphyrna corona
Vedi immagine
Carcharodon carcharias
Vedi immagine
Cephaloscyllium zebrum
Vedi immagine
Echinorhinus cookei
Vedi immagine
Mollisquama parini
Vedi immagine
Galeocerdo cuvier
Vedi immagine
Ginglymostoma cirratum
Vedi immagine
Heptranchias perlo
Vedi immagine
Heterodontus francisci
Vedi immagine
Heterodontus mexicanus
Vedi immagine
Heterodontus quoyi
Vedi immagine
Isistius brasiliensis
Vedi immagine
Isurus oxyrinchus
Vedi immagine
Isurus paucus
Vedi immagine
Negaprion brevirostris
Vedi immagine
Prionace glauca
Vedi immagine
Rhizoprionodon longurio
Vedi immagine
Triaenodon obesus
Vedi immagine
Apristurus laurussonii
Vedi immagine
Carcharhinus acronotus
Vedi immagine
Carcharhinus albimarginatus
Vedi immagine
Carcharhinus amblyrhynchoides
Vedi immagine
Carcharhinus amboinensis
Vedi immagine
Carcharhinus borneensis
Vedi immagine
Carcharhinus brevipinna
Vedi immagine
Carcharhinus cautus
Vedi immagine
Carcharhinus dussumieri
Vedi immagine
Carcharhinus fitzroyensis
Vedi immagine
Carcharhinus isodon
Vedi immagine
Carcharhinus macloti
Vedi immagine
Carcharhinus melanopterus
Vedi immagine
Carcharhinus perezi
Vedi immagine
Carcharhinus sealei
Vedi immagine
Carcharhinus signatus
Vedi immagine
Carcharhinus sorrah
Vedi immagine
Carcharias taurus
Vedi immagine
Centrophorus granulosus
Vedi immagine
Centrophorus squamosus
Vedi immagine
Centroscyllium fabricii
Vedi immagine
Centroscymnus coelolepis
Vedi immagine
Centroselachus crepidater
Vedi immagine
Cephaloscyllium ventriosum
Vedi immagine
Cetorhinus maximus
Vedi immagine
Chaenogaleus macrostoma
Vedi immagine
Chiloscyllium griseum
Vedi immagine
Chiloscyllium punctatum
Vedi immagine
Cirrhigaleus barbifer
Vedi immagine
Dalatias licha
Vedi immagine
Deania calcea
Vedi immagine
Deania hystricosum
Vedi immagine
Echinorhinus brucus
Vedi immagine
Eridacnis sinuans
Vedi immagine
Etmopterus baxteri
Vedi immagine
Etmopterus bigelowi
Vedi immagine
Furgaleus macki
Vedi immagine
Galeorhinus galeus
Vedi immagine
Galeus melastomus
Vedi immagine
Glyphis gangeticus
Vedi immagine
Glyphis glyphis
Vedi immagine
Gollum attenuatus
Vedi immagine
Halaelurus natalensis
Vedi immagine
Hemigaleus microstoma
Vedi immagine
Hemipristis elongatus
Vedi immagine
Hemitriakis japanica
Vedi immagine
Heterodontus portusjacksoni
Vedi immagine
Heterodontus zebra
Vedi immagine
Hexanchus vitulus
Vedi immagine
Hypogaleus hyugaensis
Vedi immagine
Iago garricki
Vedi immagine
Isogomphodon oxyrhynchus
Vedi immagine
Lamiopsis temminckii
Vedi immagine
Lamna ditropis
Vedi immagine
Lamna nasus
Vedi immagine
Leptocharias smithii
Vedi immagine
Loxodon macrorhinus
Vedi immagine
Mustelus antarcticus
Vedi immagine
Mustelus californicus
Vedi immagine
Mustelus manazo
Vedi immagine
Mustelus mustelus
Vedi immagine
Nasolamia velox
Vedi immagine
Nebrius ferrugineus
Vedi immagine
Negaprion acutidens
Vedi immagine
Notorynchus cepedianus
Vedi immagine
Odontaspis ferox
Vedi immagine
Odontaspis noronhai
Vedi immagine
Orectolobus japonicus
Vedi immagine
Orectolobus maculatus
Vedi immagine
Orectolobus ornatus
Vedi immagine
Oxynotus bruniensis
Vedi immagine
Oxynotus paradoxus
Vedi immagine
Paragaleus pectoralis
Vedi immagine
Paragaleus randalli
Vedi immagine
Parascyllium variolatum
Vedi immagine
Parmaturus xaniurus
Vedi immagine
Pristiophorus cirratus
Vedi immagine
Pristiophorus nudipinnis
Vedi immagine
Pseudocarcharias kamoharai
Vedi immagine
Pseudotriakis microdon
Vedi immagine
Rhincodon typus
Vedi immagine
Rhizoprionodon acutus
Vedi immagine
Rhizoprionodon terranovae
Vedi immagine
Scyliorhinus canicula
Vedi immagine
Scylliogaleus quecketti
Vedi immagine
Somniosus microcephalus
Vedi immagine
Somniosus pacificus
Vedi immagine
Somniosus rostratus
Vedi immagine
Sphyrna lewini
Vedi immagine
Sphyrna media
Vedi immagine
Sphyrna mokarran
Vedi immagine
Sphyrna tiburo
Vedi immagine
Sphyrna zygaena
Vedi immagine
Squalus cubensis
Vedi immagine
Squalus melanurus
Vedi immagine
Squalus mitsukurii
Vedi immagine
Squatina australis
Vedi immagine
Squatina californica
Vedi immagine
Squatina dumeril
Vedi immagine
Squatina japonica
Vedi immagine
Squatina nebulosa
Vedi immagine
Squatina tergocellata
Vedi immagine
Stegostoma fasciatum
Vedi immagine
Sutorectus tentaculatus
Vedi immagine
Triakis semifasciata
   
© 1999-2016 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti