Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

La riproduzione sessuata degli squali

Gli squali praticano la fecondazione interna. La parte posteriore delle pinne pelviche di uno squalo maschio sono modificate in un paio di organi chiamati pterigopodi, analoghi al pene dei mammiferi, uno dei quali è usato per trasferire sperma nella femmina.

L'accoppiamento tra squali è stato osservato raramente in maniera diretta, e tra le varie specie ci sono delle differenze non trascurabili in questa pratica. I piccoli gattucci ad esempio, si accoppiano arrotolandosi intorno al corpo della femmina, mentre nelle specie più grandi e meno flessibili, maschio e femmina nuotano paralleli uno all'altra finché il primo non inserisce uno degli pterigopodi nell'ovidotto della femmina.

Molte femmine delle specie più grandi presentano segni di morso che derivano loro dal tentativo del maschio di mantenere la posizione corretta durante l'accoppiamento. I segni possono derivare anche dalle pratiche di corteggiamento, durante le quali il maschio può mordere la femmina per dimostrare il suo interesse.
In alcune specie la femmina ha sviluppato una pelle più robusta proprio per ovviare a questo problema.

   
© 1999-2016 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti