Torna alla Home Page

Desktop Area riservata


Megamouth numero 4 e numero 9

Dati Scientifici

Elson T. Elizaga - Tratto da EcoNews

Il primo megamouth fu catturato nel 1976 da una nave americana ad Oahu, Hawaii, e dopo ne sono stati trovati soltanto 10. L'ultima segnalazione, precedente alla scoperta delle Filippine, fu del maggio 1997 a Toba, Giappone. Le foto dello squalo sono rare e mostrano generalmente un esemplare morto, ma il fotografo subacqueo Tom Haight ne ha scattata una ad un individuo vivo.

Megamouth 9 in Brasile

Piccola e' la conoscenza del magamouth, ma concordando con  Lee Krystek e la sua  Gallery of Cryptozoological Alumni (1996)* , "Questo squalo estremamente raro e' disarmanto nei confronti dell'uomo. La sua grande bocca e' piena di piccoli denti usati per filtrare l'acqua e trattenere gamberetti e plankton che costituiscono la sua dieta. Due altri membri della famiglia degli squali, lo squalo elefante e lo squalo balena, utilizzano la stessa tecnica di alimentazione".

Un documento del 1996 redatto da Melissa Kim dell'Universita' del Michigan, contiene una descrizione dei movimenti del megamouth. "Questo squalo si comporta similmente ai pesci di profondita', distribuendosi in vari strati. Migra verticalmente durante un ciclo di 24 ore, nuotando a 200 metri sotto la superficie di giorno, e salendo a 10, 15 metri di notte. Egli svanisce in profondita' in pochi minuti se disturbato, e questo spiega il perche' questa specie sia rimasta sconosciuta per un periodo cosi' lungo".

Dove sono le femmine ?

Un fatto misterioso sul megamouth, che concorda con la tabella di distribuzione preparata da Morrissey, e' che cinque dei primi sei esempalri catturati erano maschi, e l'antro risulta indeterminato perche' e' stato buttato. Cosi', quando fu scoperta la prima femmina nel 1994 a Fukuoka, Giappone, un gruppo di entusiasti scienziati internazionali esamino' la carcassa, i cui risultati sono riportati nella Biologia dello Squalo Megamouth .

A dispetto del documento e altre diverse ricerche, resta molto alto l'interesse di trovare e studiare un'altra femmina. Molti esperti di squali da me consultati mi hanno chiesto informazioni dul sesso del megamouth delle Filippine. Qualndo lo chiesi a Kazuhiro Nakaya, un Professore Associato alla  Faculta' della Pesca  dell'Universita' di Hokkaido, egli mi spiego':

"Uno dei nostri grandi interessi e' la scoperta di un embrione nell'utero di un megamouth. Ma non ne abbiamo trovato nessuno nelle due femmine. Cosi' e' conosciuto molto poco dei loro organi riproduttivi, e nulla e noto della loro biologia riproduttiva... Se voi trovate una femmina, dovreste conservarla. Se no, conservate i suoi organi interni. Potete buttar via il fegato per via delle sue dimensioni enormi, ma conservate i suoi organi interni. Per favore tenete questo bene in mente, e cercate un altro megamouth. Saro' felice di aiutarvi per questo o per altri squali nelle Filippine."

Nakaya e' anche uno dei redattori della Biologia dello squalo Megamouth.
Come identificare il sesso ? "Il maschio di Megamouth", d'accordo con Nakaya, " ha un paio di appendici alla base della pinna palvica, e la femmina ne e' priva". George H. Burgess descrive le appendici come "grandi modificazioni della pinna pelvica usati come organi introduttivi durante la copula". Egli scrisse che esistono e sono stati trovati in tutti gli squali maschi. Burgess e' il Direttore dell'  International Shark Attack File, Florida Museum of Natural History, University of Florida.

Megamouth numero 4

Maschio di megamouth che mostra le appendici. La massa grande al centro sono intenstini.

In risposta alla mia richiesta, Nakaya mi ha mandato le fotografie di un maschio e di una femmina di megamouth. Quella del maschio e' stata mostrata ai pescatori a Maggio, con la spiegazione che le appendici nelle femmine sono mancanti. Dissero che avevano visto lo stesso paio di appendici prominenti nel megamouth 11. Cosi', nel totale dei Megamouth scoperti fino ad oggi, sette cono maschi, due femmine e uno di sesso sconosciuto.

   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti