Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Famiglia: Sphyrnidae

Descrizione

La famiglia Sphyrnidae (dal greco sfùra "σφυρί", "martello") comprende 9 specie di grossi pesci d'acqua marina, conosciuti come squali martello, ed appartenenti all'ordine Carcharhiniformes.G
li squali martello sono un gruppo di squali della famiglia Sphyrnidae, così chiamati per la particolare e distintiva struttura delle loro teste, che sono appiattite e lateralmente ampliate in una forma a “martello”. La maggior parte delle specie di squali martello sono collocate nel genere Sphyrna mentre lo squalo martello alato è collocato nel suo genere proprio, Eusphyra.

Molte funzioni, non necessariamente esclusive reciprocamente, sono stati proposti per il “martello”, compresa la ricezione sensoriale, la manovrabilità e la manipolazione della preda. Gli squali martello si trovano nelle calde acque di tutto il mondo lungo le coste e sulle piattaforme continentali. Diversamente dalla maggior parte degli squali, gli squali martello di solito nuotano in branchi. Alcuni di questi branchi si trovano nei pressi di Malpelo Island in Colombia, a Cocos Island, al largo del Costa Rica e vicino Molokai Island, nelle Hawaii. Grossi branchi sono stati visti anche nell’Africa meridionale e orientale.

Le nove specie conosciute variano da 1 m ai 6 m di lunghezza e pesano 200 - 500 kg. Essi sono solitamente di colore grigio chiaro e hanno una tinta verdastra. Il ventre è di colore bianco che permette loro di essere vicini al fondo dell'oceano e di armonizzarsi per avvicinarsi di soppiatto alle loro prede. Le loro teste hanno sporgenze laterali che danno loro una forma “a martello”. Di recente è stato stabilito che la forma della testa si sia evoluta (almeno in parte) per migliorare la visione dell'animale.

Il posizionamento degli occhi, ai lati della testa a martello, danno allo squalo una buona visione binoculare, così come una visione a 360 gradi sul piano verticale, cioè che possono vedere sopra e sotto di loro in ogni momento. La forma della testa precedentemente si pensava servisse per aiutare lo squalo a trovare cibo, aiutandolo nella manovrabilità e permettendogli di compiere veloci svolte senza perdere stabilità , anche se sembra che questa capacità sia assicurata piuttosto dalle vertebre. Da quello che si sa sullo squalo martello alato, sembrerebbe che la forma della testa a martello abbia a che fare con una evoluta funzione sensoriale.

Come tutti gli squali, gli squali martello hanno pori sensoriali elettroricettori chiamati ampolle di Lorenzini. Distribuendo i ricettori su un'area più ampia, gli squali martello possono più efficacemente andare alla ricerca di prede. Questi squali sono in grado di rilevare un segnale elettrico di mezzo miliardesimo di volt. Il martello permette anche alle narici di essere collocate più lontane, aumentando la sua capacità di rilevare gradienti chimici e localizzare la fonte.

Gli squali martello hanno bocche sproporzionatamente piccole e sembrano cacciare molto sul fondo. Essi sono noti anche per formare branchi durante il giorno, a volte in gruppi di più di 100. Di notte, come altri squali, diventano cacciatori solitari. Dal momento che gli squali non hanno ossa mineralizzate e che raramente si fossilizzano, solo i loro denti si trovano comunemente come fossili.

Gli squali martello sembrano strettamente imparentati con i Carcarinidi e i denti degli squali martello assomigliano a quelli di alcuni Carcarinidi. Usando il DNA mitocondriale, Andrew Martin ha costruito un albero filogenetico degli squali martello che ha mostrato lo squalo martello alato come suo membro più basale. Poiché lo squalo martello alato ha proporzionatamente il “martello” più grande, questo suggerisce che i primi squali martello ancestrali avessero martelli di grandi dimensioni.

La riproduzione avviene solo una volta all'anno per gli squali martello e si verifica di solito con il maschio che morde violentemente la femmina fino a che non accetta di accoppiarsi. Gli squali martello presentano una modalità di riproduzione vivipara con le femmine che danno alla luce piccoli vivi. Come altri squali, la fecondazione è interna con il maschio che trasferisce lo sperma nella femmina attraverso uno dei due organi intromettenti chiamati pterigopodi.

Gli embrioni in via di sviluppo vengono nutriti in un primo momento da una sacco vitellino. Quando la fornitura di tuorlo è esaurita, il sacco vitellino impoverito si trasforma in una struttura analoga a una placenta dei mammiferi (chiamato “placenta del sacco vitellino” o “pseudoplacenta”), attraverso la quale la madre fornisce sostentamento fino alla nascita. Una volta che i cuccioli di squalo nascono, non ricevono in alcun modo cure parentali. Di solito nascono da 12 a 15 cuccioli, ad eccezione dello squalo martello maggiore che partorisce da 20 a 40 piccoli.

Questi piccoli squali si stringono l’un l’altro e nuotano verso acque più calde e restano insieme fino a quando non sono più vecchi e più grandi. Nel 2007, si è scoperto che lo squalo martello dal berretto è in grado di riprodursi asessualmente tramite partenogenesi, in cui l’ovulo di una femmina si fonde con un corpo polare per formare un zigote senza la necessità di un maschio. Questo è stato il primo squalo conosciuto a fare questo.

Gli squali martello sono noti per nutrirsi di una vasta gamma di prede tra cui pesci, calamari, polpi, crostacei e altri squali martello. Le pastinache sono particolarmente preferite. Questi squali si trovano molte volte nuotando lungo il fondo del mare, inseguendo le loro prede. La loro unica testa viene usata come arma quando cacciano le prede. Usano le loro teste per individuare le pastinache e mangiare razze quando queste sono deboli e stordite.

C'è una specie di squalo martello che è più aggressivo e di grandi dimensioni: lo squalo martello maggiore. Questi squali tendono ad essere più aggressivi e a mangiare calamari, polpi e altri squali martello. Essi sono anche noti per divorare la propria prole.

Annunci nel giugno del 2006 hanno riportato la scoperta di una possibile nuova specie di squalo martello al largo delle coste del South Carolina. La possibile nuova specie è indicata semplicemente come una specie criptica finché non riceve una denominazione ufficiale e si ritiene che lo “squalo martello smerlato” sia in realtà di due specie diverse. La scoperta che gli squali martello smerlati sono forse due specie è puramente un risultato di test genetici, non dell’identificazione di differenze fisiche.

Delle nove specie conosciute di squali martello, tre possono essere pericolose per l'uomo: lo squalo martello smerlato, lo squalo martello maggiore e lo squalo martello comune. Lo squalo martello maggiore e lo squalo martello smerlato sono elencati nella Lista rossa della IUCN (International Union for Conservation of Nature) A Rischio di estinzione, mentre lo squalo martello stampella è elencato come Vulnerabile. Lo status dato a questi squali è una conseguenza della pesca eccessiva e della domanda per le loro pinne, una costosa delicatezza.

Tra gli altri, gli scienziati hanno espresso la loro preoccupazione circa la situazione dello squalo martello smerlato, presso la riunione annuale dell’American Association for the Advancement of Science a Boston. I giovani per lo più nuotano in acque basse lungo le coste di tutto il mondo per evitare i predatori. Le pinne di squalo sono considerate una prelibatezza, e la pesca eccessiva sta mettendo a rischio di estinzione molti squali martello. I pescatori in genere tagliano le pinne e gettano il resto del pesce, che spesso è ancora in vita, in mare.

Nella cultura dei nativi hawaiani, gli squali sono considerati divinità del mare, note anche come aumakua, protettori degli esseri umani e pulitori dell’eccessiva vita oceanica. Alcuni di questi squali si ritiene siano membri delle famiglie che sono morti e sono stati reincarnati in forma di squalo. Tuttavia, ci sono squali che sono considerati mangiatori di uomini, noti anche come niuhi. Questi squali includono grandi squali bianchi, squali tigre e squali Zambesi. Lo squalo martello, noto anche come mano kihikihi, non è considerato un mangiatore di uomini o niuhi; è considerato uno degli squali più rispettati del mare, un aumakua. Molte famiglie hawaiane credono di avere un aumakua che veglia su di loro e li protegge dai niuhi.

Lo squalo martello si pensa sia essere l'animale distintivo di alcuni bambini. I bambini hawaiani che nascono con lo squalo martello come segno animale sono da ritenersi guerrieri e sono destinati a solcare gli oceani. È estremamente raro che gli squali martello passino attraverso le acque di Maui, ma molti nativi Maui credono che quando gli squali martello passino, è un segno che gli dei stanno proteggendo le famiglie, e gli oceani sono puliti ed equilibrati. Alle Hawaii, se uno viene colto mentre fa male ad uno squalo, è considerato un criminale, perché è dannoso per lo stile di vita hawaiano.


Gli squali


Sphyrna gilbert
Squalo martello della Carolina
Immagine non presente
   
© 1999-2014 Antonio Nonnis