Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Gattuccio delle Galapagos

Bythaelurus giddingsi

(McCosker, Long & Baldwin, 2012)

Ordine: Carcharhiniformi  Famiglia: Scyliorhinidae  Genere: Bythaelurus

Descrizione

Il gattuccio delle Galapagos è marrone sulla parte superiore con macchie chiare disposte in uno schema asimmetrico. Il ventre dello squalo è più chiaro. La sua testa è corta, rappresenta tra il 21% e il 24% della lunghezza totale dello squalo. La parte anteriore del suo muso è appuntito e rotondo. Ha due pinne dorsali alte e strette e una pinna anale bassa e ampie. Le pinne pettorali e le pinne pelviche hanno una forma leggermente triangolare. Ha una pinna caudale stretta e asimmetrica.

Habitat

È stato trovato a profondità che vanno dai 428 ai 562 metri. Vive in aree relativamente pianeggianti sia con sabbia o una miscela di substrati sabbiosi e fangosi. Come gli altri gattucci, il gattuccio delle Galapagos vive vicino al fondo.

Distribuzione

Il gattuccio delle Galapagos è noto solo nelle acque che circondano molte delle isole Galapagos, tra cui la San Cristobal Island, la Darwin Island, la Marchena Island e la Fernandina Island.

Alimentazione

Si nutre di pesci.

Dimensioni

E' lungo 30 cm.

Pericoli

Secondo John McCosker, "poiché l’areale di questo gattuccio è limitato alle Galapagos, la sua popolazione è probabilmente limitata nelle dimensioni, il che lo rende più vulnerabile rispetto alle specie con una distribuzione più ampia".

Note

La specie è stata scoperta nel 1995 durante una spedizione alle isole Galapagos condotta da John McCosker della California Academy of Sciences. Lo scopo della spedizione era quello di girare un documentario sulle isole Galapagos per la Discovery Channel, che andò in onda nel 1996. Douglas Long è stato il primo a notare la nuova specie di squalo mentre stava tagliando dei campioni di pesce raccolti durante la spedizione. La nuova specie è stata ufficialmente descritta in un articolo di McCosker, Long e Carole Baldwin che è stato pubblicato in Zootaxa nel marzo 2012. Il nome della specie prende il nome dal fotografo subacqueo Al Giddings.


Notizie su Bythaelurus giddingsi

Immagini

Vai alla galleria immagini

Oppure clicca su ciascuna immagine per ingrandirla


Specie del genere Bythaelurus

   
© 1999-2014 Antonio Nonnis