Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Centroforo ottuso

Centrophorus harrissoni

(McCulloch, 1915)

Ordine: Squaliformi  Famiglia: Centrophoridae  Genere: Centrophorus

Descrizione

Il centroforo ottuso è un raro pescecane delle acque profonde con grandi occhi verdi che lo aiutano a vedere a 250 - 385 metri di profondità. È grigiastro chiaro sul dorso e più chiaro ventralmente con una prominente striscia scura sul margine superiore delle pinne dorsali e una macchia più diffusa sulla coda.

Ha la pelle liscia con denticoli dermici a forma di blocchi e ampiamente spaziati ma non sovrapposti, il muso è lungo, stretto e piatto. Le punte posteriori delle pinne pettorali sono strettamente angolari e molto allungate. La prima pinna dorsale è corta e alta, la seconda è più bassa con la spina sopra i margini interiori o sulle punte posteriori delle pinne pelviche. Gli adulti hanno una forte tacca postventrale sul margine della pinna caudale e il lobo inferiore è moderatamente lungo. Nell’aspetto è molto simile ad altre specie di centroforo.

Habitat

Il suo habitat è situato sulla parte media e superiore della piattaforma continentale. Vive in acque profonde, normalmente a circa 290 - 790 metri.

Distribuzione

Riportato attorno a Taiwan e lungo la costa orientale dell'Australia nel Nuovo Galles del Sud, nel Queensland e in Tasmania. E' stato registrato anche al largo della Nuova Zelanda.

Alimentazione

Questi squali mangiano pesci più piccoli e crostacei.

Dimensioni

Può crescere fino a 1 m e 09 centimetri di lunghezza.

Riproduzione

Le femmine producono circa uno o due cuccioli all’anno o ogni due anni. La loro età media è di 46 anni ma possono anche vivere di più.

Pericoli

La dimensione della popolazione è sconosciuta, ma nel 1970 c'è stata una diminuzione della popolazione di almeno il 99% all'interno di alcune aree. Questa specie viene pescata per l'olio di fegato e la carne, ma il basso tasso riproduttivo, la tarda età di maturità e la lunga durata della vita tipica di questi squali indicano che specie come il centroforo ottuso non sono in grado di riprendersi velocemente da uno sfruttamento eccessivo dovuto alla pesca a strascico demersale (in prossimità del fondo).

Ci sono azioni adottate per preservare il centroforo ottuso che sono integrate nell’Environmental Protection and Biodiversity Conservation (EPBC) Act, il che significa che ci deve essere un piano per conservare questa specie.

Note

È anche conosciuto come pescecane di Harrison.


Immagini

Vai alla galleria immagini

Oppure clicca su ciascuna immagine per ingrandirla


Specie del genere Centrophorus

   
© 1999-2014 Antonio Nonnis