Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Squalo elegante australiano

Cephaloscyllium laticeps

(Duméril, 1853)

Ordine: Carcharhiniformi  Famiglia: Scyliorhinidae  Genere: Cephaloscyllium

Descrizione

Lo squalo elegante australiano ha un corpo tozzo e arrotondato che si assottiglia in modo significativo al corto peduncolo caudale. La testa è ampia e moderatamente appiattita, con un muso molto corto, spesso e smussato. Le narici sono divise in piccole aperture di afflusso e deflusso da brevi lembi di pelle triangolari che non raggiungono la bocca. La bocca è molto grande, senza solchi agli angoli. I denti sono numerosi e di piccole dimensioni con cuspidi multiple; i denti superiori sono esposti quando la bocca è chiusa. I grandi occhi ovali sono posti un po’ sopra la testa, e hanno rudimentali membrane nittitanti.

Ci sono due pinne dorsali, la prima è molto più grande della seconda. La prima dorsale ha origine sulla metà delle basi delle pinne pelviche, mentre la seconda si trova sopra la pinna anale. Le pinne pettorali sono grandi e larghe, e la pinna anale è più grande della seconda pinna dorsale. La pinna caudale, corta e larga, ha un indistinto lobo inferiore e una forte tacca ventrale vicino alla punta del lobo superiore. La pelle è spessa e coperta da denticoli dermici ben calcificati a forma di freccia, che sono più sparsi nei giovani.

Il dorso e i fianchi sono di color grigio chiaro o marrone, con un disegno irregolare di selle e macchie ravvicinate scure insieme a molti punti scuri (a volte chiari), e una striscia scura da sotto l'occhio alle origini delle pinne pettorali. Il ventre è di color crema, con alcune chiazze sulle pinne e spesso una striscia scura che corre al centro negli adulti.

Habitat

Vive nella piattaforma continentale, comunemente vicino al fondo, tra scogliere o letti di alghe, fino ad una profondità di 220 m. La specie di gattuccio più abbondante delle acque costiere dell'Australia meridionale, lo squalo elegante australiano è generalmente un nuotatore lento che è più attivo durante la notte. Durante il giorno, si trova spesso a riposo singolarmente o in gruppi sotto sporgenze o all'interno di grotte. Studi di localizzazione hanno dimostrato che alcuni individui sono costantemente attivi per mesi, mentre altre alternano a periodi di riposo stazionari che durano fino a cinque giorni.

Molti squali elegante australiani presenti all'interno di una determinata regione tendono a rimanerci tutto l'anno, frequentando aree di alimentazione stabilite o habitat preferiti. D'altra parte, è stata registrata una minoranza di squali che copriva distanze fino a 300 km. Questa specie estremamente resistente è in grado di sopravvivere per più di un giorno fuori dall'acqua.

Distribuzione

Si trova nell'Australia meridionale, dal Recherche Archipelago al largo dell’Australia occidentale a Jervis Bay nel Nuovo Galles del Sud, compresa la Tasmania.

Alimentazione

Uno dei predatori di livello superiore all'interno del suo ecosistema, si nutre di crostacei (in particolare granchi e aragoste), cefalopodi (inclusi calamari e polpi) e piccoli pesci. Tendono a inghiottire intere anche grandi prede; i lunghi periodi di riposo mostrati da alcuni squali possono riguardare la digestione.

Dimensioni

La lunghezza massima conosciuta è di 1 m e 50 cm, anche se pochi superano 1 m.

Riproduzione

Lo squalo elegante è oviparo. I maschi hanno denti più grandi rispetto alle femmine, con i quali le mordono e le trattengono per la copulazione. Non si sa se esiste una specifica stagione degli accoppiamenti, anche se in termini di produzione di sperma i maschi sono in grado di riprodursi tutto l'anno. Le femmine hanno un ovario funzionale indipendente e due ovidotti, ovulando un singolo uovo ogni volta. Possono conservare lo sperma per almeno 15 mesi.

Le femmine producono uova tutto l'anno, deponendole un paio alla volta ogni 20 giorni da gennaio a giugno, e uno alla volta ogni 30 giorni il resto dell'anno. Il secondo uovo viene depositato 12 - 24 ore dopo il primo. Le uova, pallide e a forma di fiasco, misurano 13 cm di lunghezza e 5 cm di diametro, e hanno 19 - 27 creste trasversali. Ci sono lunghi viticci a spirale ai quattro angoli, che permettono alla femmina di attaccare le uova ad alghe o ad altre strutture sul fondo.

In cattività, l'embrione sviluppa branchie esterne a due mesi di età, che vengono conservate fino ai cinque mesi, momento in cui compaiono le branchie interne e appare la prima pigmentazione. A sei mesi, la crescita embrionale accelera e il sacco vitellino comincia a restringersi, sparendo a 9 - 10 mesi di età. La schiusa avviene di solito a 11 - 12 mesi; i giovani appena nati sono versioni in miniatura degli adulti misurando 14 cm di lunghezza. I maschi maturano sessualmente a una lunghezza di 71 - 87 cm, e le femmine a 75 - 86 cm.

Pericoli

Come gli altri membri del suo genere, questo squalo è in grado di gonfiare rapidamente il suo corpo prendendo acqua o aria nel suo stomaco, come difesa contro i predatori. Tra questi vi sono lo squalo sette branchie naso largo (Notorynchus cepedianus) e mammiferi marini. Gonfiandosi, lo squalo potrebbe essere in grado di infilarsi all'interno di fessure, rendendosi più difficile da digerire, o semplicemente per intimidire un potenziale predatore.

Le lumache marine sono note per depredare le uova di questo squalo che inoltre fa da ospite per un certo numero di parassiti, ma questi sono scarsamente documentati.

Lo squalo elegante australiano è innocuo per l'uomo e raramente utilizzato, anche se di recente in alcune aree della Tasmania stanno cominciando a essere commercializzati. È considerato una seccatura dai pescatori di aragoste a causa della sua abitudine di entrare nelle trappole per mangiare il contenuto. Ogni anno, un numero consistente di squali elegante australiani vengono catturati accidentalmente nei tramagli nell’Australia meridionale, e più nelle reti a strascico e nei palangari. Questi animali vengono di solito rilasciati, e probabilmente soffrono di mortalità minima a causa della loro resistenza.

Dal momento che questa specie allo stato attuale affronta pochi rischi dalla pesca, l'International Union for Conservation of Nature (IUCN) lo ha valutato A Basso rischio. Anche se la pesca commerciale ha riportato un calo nelle catture dello squalo elegante australiano dal 1973 al 1976 e dal 1998 al 2001, queste sembravano essere il risultato di cambiamenti delle abitudini di pesca piuttosto che una diminuzione della popolazione reale. Tuttavia, come precauzione il governo della Tasmania ha istituito un limite di possesso di due squali a persona o cinque squali a barca al giorno.

Note

La prima descrizione scientifica dello squalo elegante australiano, come Scyllium laticeps, fu pubblicata nel 1853 dallo zoologo francese Auguste Duméril, sulla rivista scientifica Revue et Magasin de Zoologie. Il tipo nomenclaturale è stato un maschio lungo 79 centimetri catturato al largo della Tasmania. Il nome specifico laticeps deriva dal latino latus, che significa “ampio”, con il suffisso ceps, che significa “testa”.

Altri nomi comuni per questa specie sono squalo elegante di Isabella, squalo schiaccianoci, squalo delle rocce e squalo elegante maculato. Questa specie è quasi identica al gattuccio fasciato (Cephaloscyllium isabellum) della Nuova Zelanda; le due specie si differenziano per la colorazione e la forma delle loro uova (crestate nello squalo elegante australiano mentre sono lisce nel gattuccio fasciato).


Immagini

Vai alla galleria immagini

Oppure clicca su ciascuna immagine per ingrandirla


Specie del genere Cephaloscyllium

   
© 1999-2014 Antonio Nonnis