Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Squalo lanterna liscio

Etmopterus pusillus

(Lowe, 1839)

Ordine: Squaliformi  Famiglia: Etmopteridae  Genere: Etmopterus

Descrizione

Lo squalo lanterna liscio è una specie di pescecane della famiglia Etmopteridae, ha una grande testa con un muso appuntito, grandi occhi ovali, e narici con brevi lembi cutanei anteriori. Ci sono 22 - 31 file di denti nella mascella superiore e 30 - 53 file di denti nella mascella inferiore.

Ogni dente superiore ha una stretta cuspide centrale dal bordo liscio affiancata da 1 - 2 piccole cuspidi; i maschi maturi di oltre 38 cm di lunghezza sviluppano coppie supplementari di cuspidi laterali con l'età. I denti inferiori sono lisci, come coltelli, e angolati, con le loro basi incastrate fino a formare una continua superficie tagliente.

Le cinque paia di fessure branchiali sono lunghe. La prima pinna dorsale ha una robusta spina di fronte e ha origine oltre le punte posteriori delle pinne pettorali arrotondate. La seconda pinna dorsale è molto più grande rispetto alla prima ed ha una spina più lunga. Le pinne pelviche sono basse e angolari, e non c'è pinna anale. La pinna caudale è corta e larga, con un ben sviluppato lobo inferiore e una tacca ventrale vicino alla punta del lobo superiore. La pelle è ricoperta da molti denticoli molto distanziati non disposti in file regolari, dandogli un aspetto levigato.

La colorazione è bruno scuro uniforme, con una debole macchia nera sopra le basi delle pinne pelviche che si estende su tutto il fianco. Lo squalo lanterna liscio è molto simile ma più piccola dello squalo lanterna di Bigelow, raggiungendo una lunghezza di 50 cm. Le due specie si differenziano per una serie di caratteristiche anatomiche, ma possono essere più correttamente distinte per il numero di curve del loro intestino a spirale (10 – 13 nello squalo lanterna liscio rispetto ai 16 – 19 nello squalo lanterna di Bigelow).

Habitat

Lo squalo lanterna liscio si trova di solito sopra o vicino al fondo sulle piattaforme e scarpate continentali e insulari a una profondità di 274 – 1.000 m, ed eventualmente a 1.998 m di profondità. I dati di cattura al largo del Portogallo meridionale indicano che questa specie ha una preferenza per i substrati rocciosi, e può condurre una migrazione verticale. Nel Sud Atlantico, questo squalo abita anche il mare aperto dalla superficie fino a una profondità di 708 m. E’ stato osservato nuotare su sorgenti idrotermali.

Distribuzione

Nell'oceano Atlantico, lo squalo lanterna liscio si trova dal Golfo del Messico all’Argentina nella parte occidentale, dal Portogallo al Sudafrica (tra cui Capo Verde e le Azzorre) nella parte orientale, e sulla Dorsale Medio Atlantica.

Nell'oceano Indiano, si trova al largo del KwaZulu-Natal e del Madagascar.

Nell'oceano Pacifico, è stato segnalato dal Mar Cinese Orientale a sud del Giappone, nella zona della Catena sottomarina Hawaii-Emperor, al largo dell'Australia e della Nuova Zelanda, e oltre la placca di Nazca (compreso l’Amber Seamount e al largo dell’Isla Salas y Gómez).

Alimentazione

Si nutre di calamari, pesci lanterna, gattucci più piccoli e uova di pesci.

Dimensioni

Raggiunge i 50 cm di lunghezza.

Riproduzione

Questa specie è ovovivipara, con gli embrioni in via di sviluppo sostenuti da un sacco vitellino. Le femmine producono una media di 10 piccoli per ogni ciclo riproduttivo. I maschi raggiungono la maturità sessuale a una lunghezza di 31 - 39 cm, e le femmine a una lunghezza di 38 - 47 cm.

La lunghezza alla maturità varia con la regione geografica, gli squali dell'Atlantico occidentale crescono di più rispetto a quelli al largo del KwaZulu-Natal. Questa specie cresce a un ritmo lento, con il corpo che diventa relativamente più lungo con l'età. Al largo del Portogallo meridionale, i maschi vivono per almeno 13 anni di età, e le femmine di almeno 17 anni.

Pericoli

Un gran numero di questi squali, prevalentemente giovani, vengono catturati accidentalmente dai palangari commerciali, e, in misura minore, in reti a strascico e nelle reti fisse sul fondo, nell'Atlantico orientale e al largo del Giappone. Questo è uno dei tre squali più comuni presi come catture accidentali nella pesca in acque profonde al largo del Portogallo meridionale, insieme con il sagrì nero o moretto (Etmopterus spinax) e al boccanera (Galeus melastomus). La maggior parte degli squali catturati vengono scartati, anche se alcuni possono essere venduti essiccati e salati per il consumo umano o trasformati in farina di pesce. I lenti tassi di riproduzione e di crescita dello squalo lanterna liscio possono renderlo vulnerabile al crollo della popolazione sotto la pressione della pesca sostenibile.

Tuttavia, i tassi di cattura al momento non mostrano alcuna prova di questo evento, che, insieme all’ampio areale geografico dello squalo lanterna liscio, ha portato l’International Union for Conservation of Nature (IUCN) a valutarlo a Basso rischio.

Note

La prima descrizione scientifica dello squalo lanterna liscio, come Acanthidium pusillum, fu pubblicata dal biologo inglese Richard Thomas Lowe, in un numero della rivista scientifica Transactions of the Zoological Society of London del 1839. Questa specie è stata successivamente trasferita al genere Etmopterus. Il nome specifico pusillus significa “debole” in latino.

Lo squalo lanterna liscio forma un gruppo di specie con lo squalo lanterna di Bigelow (Etmopterus bigelowi); queste due specie si distinguono dagli altri squali lanterna per i loro denticoli dermici disposti in modo irregolare e troncati (che terminano con una corona piatta, come se le punte fossero tagliate).


Immagini

Vai alla galleria immagini

Oppure clicca su ciascuna immagine per ingrandirla


Specie del genere Etmopterus

Squalo lanterna guancia biancaEtmopterus alphusEbert, Straube, Leslie e Weingmann, 2016
squalo lanterna della Nuova ZelandaEtmopterus baxteriGarrick, 1957
Squalo ninjaEtmopterus benchleyVasquez, 2015
Squalo lanterna di BigelowEtmopterus bigelowiShirai e Tachikawa, 1993
Squalo lanterna coda cortaEtmopterus brachyurusSmith e Radcliffe, 1912
Squalo lanterna rugosoEtmopterus bullisiBigelow e Schroeder, 1957
Squalo lanterna cilindricoEtmopterus carteriSpringer e Burgess, 1985
Squalo lanterna coda macchiataEtmopterus caudistigmusLast, Burgess e Séret, 2002
Squalo lanterna brunoEtmopterus compagnoiFricke& Koch, 1990
Squalo lanterna dai denti a pettineEtmopterus decacuspidatusChan, 1966
Squalo lanterna rosaEtmopterus dianthusLast, Burgess e Séret, 2002
Squalo lanterna rigatoEtmopterus dislineatusLast, Burgess & Séret, 2002)
Squalo lanterna bocca neraEtmopterus evansiLast, Burgess e Séret, 2002
Squalo lanterna pigmeoEtmopterus fususLast, Burgess e Séret, 2002
Squalo lanterna bande largheEtmopterus gracilispinisKrefft, 1968
Squalo lanterna australeEtmopterus granulosusGünther, 1880
Squalo lanterna caraibicoEtmopterus hillianusPoey, 1861
Squalo lanterna di LailaEtmopterus lailaeEbert,Papastamatiou,Kajiura & Wetherbee, 2017
Squalo lanterna occhio piccoloEtmopterus litvinoviParin e Kotlyar, 1990
Squalo lanterna ventre neroEtmopterus luciferJordan e Snyder, 1902
Squalo lanterna coda sottileEtmopterus molleriWhitley, 1939
Squalo lanterna nanoEtmopterus perryiSpringer & Burgess, 1985
Squalo lanterna africanoEtmopterus polliBigelow, Schroeder e Springer, 1953
Squalo lanterna maggioreEtmopterus princepsCollett, 1904
Falso squalo lanternaEtmopterus pseudosqualiolusLast, Burgess & Séret, 2002
Squalo lanterna liscioEtmopterus pusillusLowe, 1839
Squalo lanterna squame lisceEtmopterus pycnolepisKotlyar, 1990
Squalo lanterna delle Indie OccidentaliEtmopterus robinsiSchofield e Burgess, 1997
Squalo lanterna pinna frangiataEtmopterus schultziBigelow, Schroeder e Springer, 1953
Squalo lanterna spinosoEtmopterus sentosusBass, D'Aubrey & Kistnasamy, 1976
Squalo lanterna ventre di vellutoEtmopterus spinaxLinnaeus, 1758
Squalo lanterna splendidoEtmopterus splendidusYano, 1988
Squalo lanterna della TasmaniaEtmopterus tasmaniensisMyagkov & Pavlov in Gubanov, Kondyurin & Myagkov,
Squalo lanterna brunoEtmopterus unicolorEngelhardt, 1912
Squalo lanterna hawaianoEtmopterus villosusGilbert, 1905
Squalo lanterna verdeEtmopterus virensBigelow, Schroeder & Springer, 1953
   
© 1999-2014 Antonio Nonnis