Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Gattuccio delle Antille

Galeus antillensis

(Springer, 1979)

Ordine: Carcharhiniformi  Famiglia: Scyliorhinidae  Genere: Galeus

Descrizione

Il gattuccio delle Antille è una specie comune di gattuccio ma poco conosciuta, della famiglia Scyliorhinidae. E' più grande del gattuccio dalla coda rugosa e del gattuccio dalla coda a sega pinna lunga, ha il corpo sottile e una testa un po’ appiattita con un lungo muso appuntito. Gli occhi orizzontalmente ovali sono dotati di rudimentali membrane nittitanti, e sono seguiti da piccoli spiracoli. Non ci sono creste prominenti sotto gli occhi. Le narici sono divise da lembi di pelle triangolari sui loro bordi anteriori. La bocca è corta, larga e curva, e ha solchi piuttosto lunghi agli angoli.

Ci sono circa 56 file di denti nella mascella superiore e 52 file di denti nella mascella inferiore; ogni dente ha una lunga cuspide centrale affiancata da una o due cuspidi più piccole ai lati. Ci sono cinque paia di fessure branchiali. Le punte delle due pinne dorsali sono smussate, con la prima che ha origine dietro il punto medio delle basi delle pinne pelviche. La seconda pinna dorsale è quasi grande quanto la prima, e ha origine dietro il punto medio della base della pinna anale. Le pinne pettorali sono piuttosto grandi e ampie, con gli angoli arrotondati. Le pinne pelviche e la pinna anale sono basse e angolari.

La base della pinna anale misura circa 8 - 14% della lunghezza totale, paragonabile a circa lo spazio tra le pinne dorsali. La pinna caudale ha un piccolo lobo inferiore e una tacca ventrale vicino alla punta del lobo superiore. Il corpo è coperto da piccoli denticoli dermici sovrapposti, ognuno ha una corona a forma di foglia recante una cresta orizzontale e tre denti marginali. C'è un prominente cresta seghettata formata da denticoli allargati lungo la parte anteriore del bordo dorsale della pinna caudale.

Questa specie ha un modello di colore marmoreo composto solitamente da meno di 11 selle e / o macchie marroni scure lungo il dorso e la coda, su uno sfondo scuro; le macchie possono variare da deboli a ben definite da un contorno chiaro. Alcuni individui hanno anche una caratteristica macchia scura con tre punte rivolte all'indietro in cima alla testa. Il ventre è biancastro. L'interno della bocca è scuro.

Habitat

Questa abbondante specie demersale vive ad una profondità di 293 - 695 metri.

Distribuzione

Si trova nello Stretto della Florida, nelle acque vicino alla Giamaica, a Hispaniola, a Puerto Rico, alle Isole Leeward e alla Martinica. Il suo areale può essere più esteso di quanto si conosce attualmente e si sovrappone a quello del gattuccio dalla coda a sega di Springer, ma non a quello del gattuccio dalla coda rugosa o del gattuccio dalla coda a sega pinna lunga.

Alimentazione

Si nutre principalmente di gamberetti.

Dimensioni

Raggiunge una lunghezza massima conosciuta di 46 cm.

Riproduzione

È oviparo, le femmine adulte hanno un ovario funzionale indipendente, sulla destra, e due ovidotti funzionali. All’interno di ogni ovidotto matura un singolo uovo alla volta. L'uovo è contenuto in una capsula a forma di fiasco che misura circa 4,9 - 5,1 cm di lunghezza, 1,2 - 1,4 cm di diametro sopra e 1,6 cm di diametro sotto; ci sono filamenti a spirale sui due angoli in alto. I maschi e le femmine raggiungono la maturità sessuale rispettivamente a circa 33 - 36 cm e 34 - 46 cm di lunghezza.

Pericoli

L'International Union for Conservation of Nature (IUCN) ha elencato il gattuccio delle Antille sotto Dati insufficienti, in quanto poco si sa delle attività di pesca nel suo areale. È forse troppo piccolo per essere catturato da alcuni tipi di attrezzi da pesca, anche se la sua distribuzione limitata con l’aumento della pesca all'interno del suo habitat può suscitare preoccupazione.

Note

L’esperto di squali Stewart Springer descrisse originariamente il gattuccio delle Antille come una sottospecie isolana del gattuccio dalla coda rugosa, in un rapporto tecnico della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) del 1979. Il tipo nomenclaturale è stato raccolto al largo di Saint Kitts nelle Leeward Islands. Nel 1998 e nel 2000, Hera Konstantinou e colleghi hanno pubblicato revisioni del gattuccio dalla coda rugosa, in cui hanno elevato la sottospecie Galeus arae antillensis e Galeus arae cadenati a specie piene, e descrissero quello che era stato considerato il polimorfismo striato di Galeus arae antillensis come una nuova specie, Galeus springeri. La distinzione tassonomica tra questa specie e la recentemente descritta Galeus mincaronei del Brasile meridionale merita ulteriori indagini.



Specie del genere Galeus

   
© 1999-2014 Antonio Nonnis