Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Gattuccio dalla coda rugosa

Galeus arae

(Nichols, 1927)

Ordine: Carcharhiniformi  Famiglia: Scyliorhinidae  Genere: Galeus

Descrizione

Probabilmente il più piccolo membro del genere, il gattuccio dalla coda rugosa, ha un corpo sottile e una testa leggermente appiattita. Il muso è piuttosto lungo e appuntito, con le narici divise da lembi di pelle triangolari nella parte anteriore. Gli occhi orizzontalmente ovali sono dotati di rudimentali membrane nittitanti, e sono privi di prominenti creste sotto. C'è un piccolo spiracolo dietro ciascun occhio. La bocca è grande e forma un ampio arco, con solchi moderatamente lunghi intorno agli angoli.

Ha 59 - 65 file di piccoli denti nella mascella superiore e 58 - 60 file di denti nella mascella inferiore. Ogni dente ha una sottile cuspide centrale affiancata da 1 - 3 paia di cuspidi su entrambi i lati. Ci sono cinque paia di fessure branchiali. La prima pinna dorsale ha un apice ottuso ed è posizionata sopra la seconda metà delle basi delle pinne pelviche. La seconda pinna dorsale è grande quasi quanto la prima e simili nella forma, e posizionata sopra la seconda metà della base della pinna anale. Le grandi e ampie pinne pettorali hanno angoli arrotondati. Le pinne pelviche e la pinna anale sono basse e angolari.

La base della pinna anale misura circa 10 - 14% della lunghezza totale, superando la distanza tra le pinne pelviche e la pinna anale ed è circa la stessa distanza tra le pinne dorsali. La pinna caudale è bassa, con un piccolo lobo inferiore e una tacca ventrale vicino alla punta del lobo superiore. I denticoli dermici sono piccoli e sovrapposti; ognuno ha una corona a forma di foglia con una cresta orizzontale e tre denti marginali. Vi è una prominente cresta seghettata, formata da denticoli allargati, lungo la parte anteriore del margine dorsale della pinna caudale.

Questa specie è marrone giallastro sul dorso con una colorazione marmorea composta solitamente da meno di 11 selle scure lungo il dorso e la coda. Alcuni squali più piccoli hanno marcature che formano linee orizzontali, mentre alcuni squali più grandi hanno chiazze rotonde lungo i fianchi. Questi segni possono variare da deboli a ben definiti da contorni bianchi. Il ventre è pallido, e l'interno della bocca è nero.

Habitat

E’ una specie demersale abbondante, ma distribuita in modo non uniforme, con alcune zone che ospitano centinaia di squali e con altre aree privi. Gli squali della popolazione settentrionale sono stati registrati ad una profondità di 36 - 732 m, e quelli della popolazione meridionale a 338 - 631 m. Spesso, la temperatura dell’acqua svolge un ruolo più importante rispetto alla profondità dove vivono questi squali.
Sia gli adulti sia i giovani si trovano fino a 450 m di profondità, mentre gli adulti solitamente si trovano in acque più profonde.

Distribuzione

Mentre tutta il suo intero areale deve ancora essere documentato, sembra avere una distribuzione disgiunta che non si sovrappone né con quella del gattuccio delle Antille né con quella del gattuccio dalla coda a sega pinna lunga.

La popolazione settentrionale si trova dal North Carolina a sud di Cuba e nella penisola dello Yucatan, e verso ovest fino al delta del fiume Mississippi. La popolazione meridionale si trova nel Mar dei Caraibi al largo delle coste dell’Honduras, del Nicaragua e del Costa Rica.

Alimentazione

Si nutre prevalentemente di gamberi.

Dimensioni

Cresce non più di 33 cm di lunghezza.

Riproduzione

Una volta erroneamente segnalato per essere viviparo aplacentale, ricerche più recenti hanno confermato che questa specie è in realtà ovipara. Le femmine adulte hanno un solo ovaio funzionale, sulla destra, e due ovidotti funzionali. All’interno di ogni ovidotto matura un singolo uovo alla volta. Le uova sono racchiuse all'interno di dure capsule a forma di fiasco di circa 4,9 - 5,1 cm di lunghezza, 1,2 - 1,4 cm sulla parte superiore e 1,6 cm di diametro sulla parte inferiore.
Gli angoli superiori arrotondati della capsula hanno viticci a spirale. Le zone di riproduzione di questo squalo potrebbero essere terreni molto accidentati. Entrambi i sessi maturi sessualmente a circa 27-33 cm di lunghezza.

Pericoli

Innocuo e di nessun valore commerciale, il gattuccio dalla coda rugosa è troppo piccolo per essere preso dai vari attrezzi da pesca, ma viene catturato incidentalmente dalle reti da traino. L’esperto di squali Stewart Springer riferì nel 1966 che veniva spesso preso nelle reti da traino lungo tutta la costa della Florida.

L'impatto della pesca a strascico su questa specie nelle acque degli Stati Uniti è sconosciuto; la sua profondità e le preferenze ambientali per la deposizione delle uova possono offrirgli una protezione dalla pressione di pesca. Allo stesso modo, la pesca a strascico al largo dell'America Centrale non si estende nelle profondità occupate da questa specie. L'International Union for Conservation of Nature (IUCN) ha pertanto valutato il gattuccio dalla coda rugosa come A Basso rischio.

Note

John T. Nichols dell’American Museum of Natural History originariamente descrisse il gattuccio dalla coda rugosa come Pristiurus arae nel 1927 in un numero del American Museum Novitates. La specie prese il nome dal peschereccio Ara, che raccolse i primi due esemplari, entrambe femmine immature lunghe 16 centimetri femmine immature, al largo di Miami Beach il 31 marzo 1926. In seguito alcuni autori hanno riconosciuto Pristiurus come sinonimo inferiore di Galeus.

Il gattuccio delle Antille (Galeus antillensis) e il gattuccio dalla coda a sega pinna lunga (Galeus cadenati) erano considerati come sottospecie di Galeus arae, finché revisioni tassonomiche furono pubblicate da Hera Konstantinou e colleghi nel 1998 e nel 2000. Le tre specie, insieme al gattuccio dalla coda a sega australe e al gattuccio dalla coda a sega di Springer, sono raggruppate nelle specie complesse Galeus arae.


Immagini

Vai alla galleria immagini

Oppure clicca su ciascuna immagine per ingrandirla


Specie del genere Galeus

   
© 1999-2014 Antonio Nonnis