Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Gattuccio geco

Galeus eastmani

(Jordan & Snyder, 1904)

Ordine: Carcharhiniformi  Famiglia: Scyliorhinidae  Genere: Galeus

Descrizione

Il gattuccio geco ha un corpo sottile e una testa abbastanza breve che comprende meno di un quinto della lunghezza totale. Il muso è appiattito con una punta smussata. Le narici sono grandi e divise da lembi di pelle triangolare sui loro bordi anteriori. Gli occhi sono grandi e orizzontalmente ovali, con rudimentali membrane nittitanti e indistinte creste sotto. La bocca è di considerevoli dimensioni e forma un lungo arco; ci sono solchi ben sviluppati intorno agli angoli. Ci sono circa 47 file di piccoli denti nella mascella superiore e 50 file nella mascella inferiore; ognuno ha una stretta cuspide centrale e in genere due coppie di piccole cuspidi ai lati.

Le cinque paia di fessure branchiali sono brevi, con il quarto paio sopra le origini delle pinne pettorali. La prima pinna dorsale ha un apice ottuso ed è posizionata sopra la seconda metà delle basi delle pinne pelviche. La seconda pinna dorsale somiglia alla prima, ma è leggermente più piccola ed è posizionata sopra l'ultimo terzo della base della pinna anale. Le pinne pettorali sono piuttosto grandi e larghe, con gli angoli arrotondati. Le pinne pelviche sono piccole con margini angolari; gli pterigopodi dei maschi adulti sono brevi e non raggiungono la pinna anale.

La base della pinna anale misura circa 12% della lunghezza totale, più corta della distanza tra le pinne dorsali, ma più lunga della distanza tra le pinne pelviche e la pinna anale. Il peduncolo caudale è quasi cilindrico, e porta ad una bassa pinna caudale con un sottile lobo inferiore e una tacca ventrale vicino alla punta del lobo superiore.

La pelle è ricoperta da piccoli denticoli dermici sovrapposti, ognuno con una corona a forma di foglia recante una cresta orizzontale e tre denti marginali. Vi è una cresta di denticoli dermici allargati lungo il bordo superiore della pinna caudale. Questa specie è grigiastra sul dorso e modellata con selle e macchie più scure dai bordi sfocati lungo il corpo e la coda. Il ventre, i bordi delle pinne dorsali e della pinna caudale finale e gli interni della bocca sono bianchi.

Habitat

Vive a 100 - 900 m di profondità, sopra o vicino al fondo.

Distribuzione

L’areale del gattuccio geco si estende dal sud del Giappone, in cui si trova al largo delle prefetture di Shizuoka e Mie di Honshu e delle principali isole di Shikoku e Kyushu, al Mar Cinese Orientale tra cui Taiwan. È estremamente abbondante nelle acque giapponesi. Ulteriori avvistamenti al largo del Vietnam potrebbero essere errati.

Alimentazione

Si nutre opportunisticamente di una vasta gamma di pesci ossei (tra cui pesci lanterna), cefalopodi (compresi seppie e calamari) e crostacei (tra cui isopodi, anfipodi, krill e decapodi). L'importanza relativa delle tre categorie di prede varia a seconda delle aree geografiche e delle stagioni, probabilmente su ciò che è più disponibile nell'ambiente.

Dimensioni

Raggiunge 40 cm, forse 50 cm di lunghezza.

Riproduzione

Questa specie è ovipara; le femmine adulte hanno un solo ovaio funzionale, sulla destra, e due ovidotti funzionali. All’interno di ogni ovidotto matura un singolo uovo alla volta. Le uova mature sono contenute all'interno di capsule gialle lisce, traslucide e a forma di vaso misuranti circa 6 cm di lunghezza e 1,6 cm di diametro.

Uno studio nella Suruga Bay riportò femmine con uova di grandi dimensioni all'interno dell'ovaio, ma nella parte occidentale della baia sono state trovate femmine che portavano solo i gusci delle uova da ottobre a gennaio, suggerendo che l'intervallo tra le deposizioni delle uova è più breve.

I maschi e femmine raggiungono la maturità sessuale rispettivamente a circa 31 - 32 cm e a 36 - 37 cm di lunghezza. Tuttavia, c'è un rapporto di Taiwan di un maschio immaturo di 38 cm.

Pericoli

Un numero incerto di gattucci geco viene catturato accidentalmente dalle reti a strascico. A Taiwan, viene a volte portato sul mercato e trasformato in farina di pesce per l'utilizzo di acquacoltura. La piccola dimensione di questa specie e la sua modalità di riproduzione ovipara lo possono rendere più resistente alla pressione della pesca rispetto ad altri squali. Poiché il gattuccio geco rimane comune al largo del Giappone e può essere protetto dalla pesca nelle parti più profonde del suo areale, l’International Union for Conservation of Nature (IUCN) lo ha valutato A Basso rischio.

Note

Il primo esemplare conosciuto di gattuccio geco, una femmina di 35 cm catturata al largo della penisola di Izu in Giappone, è stato presentato agli ittiologi americani David Starr Jordan e John Otterbein Snyder da Alan Owston, un capitano di Yokohama. Jordan e Snyder descrissero la specie come Pristiurus eastmani in un volume della rivista scientifica Smithsonian Miscellaneous Collections nel 1904.

In seguito gli autori hanno riconosciuto Pristiurus come un sinonimo inferiore di Galeus. Un’analisi filogenetica del 2005, basata sul DNA mitocondriale e nucleare, ha rivelato che questa specie, il gattuccio dalla coda a sega sottile e il gattuccio dalla coda a sega pinna nera formano un clade a parte con il boccanera e il gattuccio murino.



Specie del genere Galeus

   
© 1999-2014 Antonio Nonnis