Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Gattuccio punte nere dalla coda a sega

Galeus sauteri

(Jordan & Richardson, 1909)

Ordine: Carcharhiniformi  Famiglia: Scyliorhinidae  Genere: Galeus

Descrizione

Il suo corpo è sottile e compatto, con la testa che comprende circa un quinto della lunghezza totale. Il muso è piuttosto lungo e appuntito, con grandi narici divise da lembi di pelle triangolari sui loro bordi anteriori. I grandi occhi orizzontalmente ovali hanno rudimentale membrane nittitanti e sono privi di prominenti creste sotto. Dietro a ogni occhio vi è un piccolo spiracolo.

La bocca è grande e forma un lungo e ampio arco; gli angoli della bocca hanno solchi ben sviluppati. Ci sono circa 70 - 78 file di denti nella mascella superiore e 82 file di denti nella mascella inferiore. Ogni dente è piccolo e ha di solito cinque cuspidi, con quella centrale più lunga.

Le cinque paia di fessure branchiali sono brevi, con il quarto e il quinto paio posizionate sopra le basi delle pinne pettorali. Entrambe le pinne dorsali sono arrotondate; la prima è leggermente più grande e posizionata sopra la seconda metà delle basi delle pinne pelviche, mentre la seconda è posizionata sopra la seconda metà della base della pinna anale. Le pinne pettorali sono di medie dimensioni e con punte smussate.

Le piccole pinne pelviche sono basse e angolari; gli pterigopodi dei maschi adulti raggiungono l'origine della pinna anale. Lo spazio tra le origini delle pinne pelviche e la pinna anale è maggiore nei maschi che nelle femmine. La pinna anale è allungata e angolare; la sua base misura 12 - 15% della lunghezza totale, paragonabile alla distanza tra le pinne dorsali.

Il peduncolo caudale è compresso da un lato all'altro, e porta ad una bassa pinna caudale con un piccolo lobo inferiore e una tacca ventrale vicino alla punta del lobo superiore. Il corpo è coperto da piccoli denticoli dermici a forma di foglia leggermente sovrapposti con una cresta mediana e tre denti marginali. Una cresta di denticoli allargati è presente lungo il bordo superiore della pinna caudale.

Questa specie è di un colore ocra uniforme sul dorso e bianco ventralmente, con caratteristiche punte di colore marrone scuro sulle pinne dorsali e sulla caudale; l'interno della bocca è grigio chiaro.

Habitat

Questa specie si trova sopra o vicino al fondo. Nello stretto di Taiwan, è stato registrato a profondità di 60 - 90 m, mentre al largo della Guishan Island è noto a 100 - 200 m.

Distribuzione

Si trova nelle acque intorno a Taiwan, dove è molto comune, e nelle Filippine. Un tempo si pensava che si trovasse anche al largo del Giappone meridionale, ma recenti osservazioni fatte da Kazuhiro Nakaya non l'hanno confermato.

Dimensioni

Raggiunge una lunghezza massima di 46 cm.

Riproduzione

La riproduzione è ovipara e avviene tutto l'anno, senza schemi stagionali ben definiti. Le femmine adulte hanno un solo ovaio funzionale, sulla destra, e due ovidotti funzionali; all'interno di ogni ovidotto matura un singolo uovo alla volta. Le uova sono racchiuse in capsule traslucide marrone dorato a forma di borse di circa 36 - 39 cm di lunghezza e 15 cm di diametro.

La superficie della capsula è liscia e senza righe; ci sono viticci arrotolati sugli angoli anteriori e fasci di lunghe fibre sugli angoli posteriori. La metà di tutti i maschi e le femmine maturano sessualmente rispettivamente a 35 - 36 cm e a 41 - 42 cm di lunghezza.

Pericoli

Un parassita conosciuto di questa specie è la tenia Nakayacestus tanyderus. Nelle acque di Taiwan, gattucci dalla coda a sega pinna nera di varie dimensioni vengono spesso catturati accidentalmente nelle reti a strascico gestite dalla pesca commerciale. Gli squali catturati vengono trasformati in farina di pesce e utilizzati in acquacoltura.

Viene probabilmente anche catturata accidentalmente dai pescherecci a strascico nelle Filippine, come è stato osservato nei mercati. Poiché mancano dati di cattura specifici, l'International Union for Conservation of Nature (IUCN) ha elencato il gattuccio dalla coda a sega pinna nera come Dati insufficienti.

Note

Nel 1906, il Carnegie Museum acquistò una vasta collezione di pesci assemblati dai mercati di Takao (Kaohsiung), a Taiwan da Hans Sauter. Gli ittiologi americani David Starr Jordan e Robert Earl Richardson descrissero diverse nuove specie della collezione in un numero delle Memoirs of the Carnegie Museum del 1909, tra cui un gattuccio del genere Pristiurus che chiamarono in onore di Sauter.

Jordan e Richardson fecero riferimento a sei sintipi di 30 - 36 cm di lunghezza nella loro descrizione, di cui quattro sono sopravvissuti fino ai giorni nostri. In seguito gli autori hanno riconosciuto Pristiurus come sinonimo inferiore del genere Galeus. Uno studio filogenetico del 2005, basato sul DNA mitocondriale e nucleare, ha scoperto che questa specie, il gattuccio geco e il gattuccio dalla coda a sega sottile formano un clade separato dal boccanera e dal gattuccio murino.



Specie del genere Galeus

   
© 1999-2014 Antonio Nonnis