Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Gattuccio dalla coda a sega di Springer

Galeus springeri

(Konstantinou & Cozzi, 1998)

Ordine: Carcharhiniformi  Famiglia: Scyliorhinidae  Genere: Galeus

Descrizione

Ha un corpo snello e una testa leggermente appiattita con un lungo muso appuntito. Gli occhi sono orizzontalmente ovali e dotati di rudimentali membrane nittitanti; sono seguiti da piccoli spiracoli e privi di prominenti creste sotto. Le narici sono divise da lembi di pelle triangolari sui loro bordi anteriori. La grande bocca forma un ampio arco, e ha solchi moderatamente lunghi agli angoli. I denti sono piccoli e hanno una stretta cuspide centrale affiancata da più cuspidi; sono simili in entrambe le mascelle, e tra i sessi.

Ci sono cinque paia di fessure branchiali. La prima pinna dorsale ha un apice ottuso ed è posta sulla parte posteriore delle pinne pelviche. La seconda pinna dorsale è simile per forma e quasi uguale in dimensioni alla prima, ed è posta sulla parte posteriore della pinna anale. Le pinne pettorali sono abbastanza grandi e larghe. Le piccole pinne pelviche sono basse rispetto alle loro basi, e hanno margini angolari. La pinna anale è allungata e posta vicino alle pinne pelviche e alla caudale; la base della pinna anale misura l’11% della lunghezza totale, paragonabile a circa lo spazio tra le pinne dorsali.

La pinna caudale ha un piccolo lobo inferiore e una tacca ventrale vicino alla punta del lobo superiore. Il corpo è coperto da piccoli denticoli dermici sovrapposti, ciascuno con una corona a forma di lacrima con una cresta mediana e tre denti marginali. Ci sono denticoli allargati che formano distintive creste seghettate lungo le parti anteriori di entrambi i margini dorsali e ventrali della pinna caudale.

Questa specie ha un modello dorsale unico, costituito da strisce orizzontali scure bordate di bianco davanti alle pinne dorsali, e una serie di macchie scure simili a selle che vanno dalla base della prima pinna dorsale alla coda, su uno sfondo scuro. Il ventre è uniformemente bianco.

Habitat

Registrato a profondità di 457 - 699 m, questa specie vive sopra o vicino al fondo.

Distribuzione

L'areale del gattuccio dalla coda a sega di Springer è limitato e si sovrappone a quella del simile gattuccio delle Antille; si trova al largo di Cuba, della Giamaica, di Hispaniola, di Puerto Rico, delle Leeward Islands, e probabilmente delle Virgin Islands americane. La piena estensione della sua distribuzione è incerta a causa di confusione con specie affini.

Dimensioni

Il più grande esemplare conosciuto misurava 48 centimetri di lunghezza.

Riproduzione

Poco si sa della biologia del gattuccio dalla coda a sega di Springer. La riproduzione è presumibilmente ovipara. Maschi adulti devono ancora essere catturati; il più grande maschio immaturo misurava 32 cm di lunghezza. Le femmine sono mature ad una lunghezza di 43 cm.

Pericoli

L’International Union for Conservation of Nature ha elencato il gattuccio dalla coda a sega di Springer sotto Dati insufficienti, in quanto vi sono poche informazioni sulle attività di pesca nella sua distribuzione geografica. Dato il suo ristretto areale, può essere influenzato negativamente da qualsiasi espansione delle attività di pesca in acque profonde nella regione. Talvolta viene catturato nelle reti a strascico.

Note

Il gattuccio dalla coda a sega di Springer è stato originariamente considerato come il polimorfismo striato del gattuccio delle Antille (Galeus antillensis, prima Galeus arae antillensis). Il primo esemplare conosciuto aveva risieduto nel National Museum of Natural History per oltre 20 anni, fino a quando un artefatto di conservazione rivelò la caratteristica cresta ventrale di denticoli dermici sulla pinna caudale. La specie è stata descritta in un numero della rivista scientifica Copeia del 1998 da Hera Konstantinou e Joseph Cozzi, che lo chiamò dal tassonomista esperto di squali Stewart Springer. Il tipo nomenclaturale è un maschio immaturo lungo 32 centimetri raccolto l'8 dicembre 1969 nei pressi delle Leeward Islands.



Specie del genere Galeus

   
© 1999-2014 Antonio Nonnis