Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Squalo testa di toro crestato

Heterodontus galeatus

(Günther, 1870)

Ordine: Heterodontiformi  Famiglia: Heterodontidae  Genere: Heterodontus

Descrizione

Lo squalo testa di toro crestato è una rara specie di squalo della famiglia Heterodontidae., Questo squalo può essere distinto dagli altri membri della sua famiglia dalle grandi dimensioni delle creste sopra gli occhi e dal suo manto colorato di grandi macchie scure. La testa è corta e larga, con un muso smussato, simile a quello di un maiale.

Gli occhi sono posti in alti sulla testa e privi di membrana nittitante. Le narici sono separate in aperture di afflusso e di deflusso da un lungo lembo di pelle che raggiunge la bocca. Un solco circonda l'apertura di afflusso e un altro solco corre dall'apertura di deflusso fino alla bocca, che si trova quasi sulla punta del muso.

I denti nella parte anteriore delle mascelle sono piccoli e appuntiti con una cuspide centrale e due cuspidi laterali, mentre quelli nella parte posteriore sono grandi e simili a molari. Ci sono profondi solchi agli angoli della bocca, che si estendono su entrambe le mascelle.

Le pinne pettorali sono grandi e arrotondate, mentre le pinne anali e pelviche sono più piccole e più angolari. La prima pinna dorsale è moderatamente alta con un apice arrotondato o angolare e una robusta spina, e ha origine dietro le pinne pettorali. La seconda pinna dorsale somiglia alla prima ed è quasi altrettanto grande e si trova tra le pinne pelviche e quelle anali. La pinna caudale è ampia, con una forte tacca ventrale vicino alla punta del lobo superiore.

I denticoli dermici sono grandi e ruvidi, specialmente sui fianchi. La colorazione è costituita da cinque selle marroni o nere diffusamente bordate su uno sfondo marrone chiaro. Ci sono segni scuri sulla sommità della testa tra le creste e sotto ogni occhio.

A differenza dello squalo di Port Jackson, lo squalo testa di toro crestato non forma grandi aggregazioni.

Habitat

Vive dalla costa fino a una profondità di 93 metri. Di natura bentonica, lo squalo testa di toro crestato vive sulla piattaforma continentale dalla zona intertidale ed è più comune in acque più profonde. Preferisce scogliere rocciose, stuoie e letti di alghe.

Distribuzione

L’areale dello squalo testa di toro crestato è limitato alle calde acque temperate lungo la costa orientale dell'Australia, da Cape Moreton, nel Queensland, alla Batemans Bay, nel Nuovo Galles del Sud. Ci sono anche dubbi rapporti di questa specie al largo della penisola di Capo York a nord e nelle acque della Tasmania a sud. Questa specie condivide il suo areale con l’imparentato squalo di Port Jackson (H. portusjacksoni), ma è generalmente molto più raro tranne al largo del Queensland meridionale e del Nuovo Galles del sud settentrionale, dove tende a sostituirsi alle altre specie.

Alimentazione

E' una specie lenta e notturna, spesso osservata con la testa tra le rocce in cerca di cibo. Si nutre principalmente dei ricci di mare Centrostephanus rodgersii e Heliocardis erythrogramma, ma è anche conosciuto per nutrirsi di una varietà di altri invertebrati e piccoli pesci.

Una dieta costante di ricci di mare può macchiare di un viola rosato i denti di questo squalo. Lo squalo testa di toro crestato è anche un grande predatore delle uova di squalo di Port Jackson, che sono stagionalmente disponibile e ricco di sostanze nutritive.

Alcuni individui sono stati osservati che prendevano le uova e masticavano il duro involucro, rompendolo e consentendo di risucchiarne il contenuto; le uova possono anche essere ingerite intere.

Dimensioni

La maggior parte misura non più di 1 m e 20 cm di lunghezza, ma pochi possono raggiungere 1 m e 50 cm.

Riproduzione

Gli squali testa di toro crestati sono ovipari con un ciclo riproduttivo forse annuo. Le femmine producono 10-16 uova all'anno durante il tardo inverno in luglio e agosto, anche se Michael, nel 1993, osservò che la deposizione delle uova può continuare per tutto l'anno. Le uova misurano circa 11 cm di lunghezza, con un paio di sottili flange a spirale all'esterno e due sottili viticci di 2 m ad una estremità, utilizzata per attaccare la capsula alle alghe o alle spugne. Le capsule sono di solito depositate a una profondità di 20-30 m, molto più in profondità rispetto allo squalo di Port Jackson, anche se c'è un singolo rapporto di un uovo trovato solo a 8.6 m verso il fondo.

Il tempo della schiusa è stato variamente riportato di 5 e 8-9 mesi; i giovani appena nati misurano 17 cm e somigliano agli adulti. Last e Stevens, nel 1994, riportarono le lunghezze dei maschi e delle femmine alla maturità, rispettivamente di 60 e 70 cm, anche se tempo dopo al largo del Queensland sono stati trovati piccoli maschi maturi di 53,5 cm di lunghezza.

La crescita e l'invecchiamento sono stati documentati su una femmina in cattività al Taronga Park Aquarium, che crebbe a una media di 5 cm all'anno e non depose uova fino ai suoi 12 anni di età.

Pericoli

Innocuo verso gli esseri umani, lo squalo testa di toro crestato è di scarso valore per la pesca sportiva o commerciale. Raramente viene catturato con amo e lenza, ma a volte è obiettivo dei pescatori con l’arpione.

La pesca commerciale operante al largo del Queensland e del Nuovo Galles del Sud prende questa specie come cattura accidentale; l'impatto di queste attività sulla popolazione è incerto poiché questa specie non è registrata separatamente dallo squalo di Port Jackson.

Tuttavia, molti catturati in queste attività di pesca sopravvivono per essere rilasciati vivi. Vengono probabilmente catturati anche nelle maglie delle reti anti squalo utilizzati per proteggere le spiagge; ancora una volta, la maggior parte di essi sono in grado di sopravvivere all'esperienza.

A causa della limitata mortalità subita da questa specie per le varie attività umane, l'International Union for Conservation of Nature (IUCN) ha valutato questa specie a Rischio minimo, anche se dovrebbe essere attentamente monitorato dato la sua distribuzione limitata e soprattutto la sua rarità.

L’areale dello squalo testa di toro crestato si sovrappone con diverse Aree Marine Protette; inoltre, esso è stato listato come un animale dichiarato nel programma 3 del Queensland Marine Parks (Moreton Bay) Zoning Plan del 1997, che regola il suo prelievo nel Moreton Bay Marine Park.

Note

Lo zoologo britannico Albert Günther originariamente descrisse lo squalo testa di toro crestato come Cestracion galeatus nell’ottavo volume del Catalogue of the Fishes in the British Museum del 1870. Scelse il nome specifico galeatus dal latino che significa “con l’elmo”, riferendosi alle prominente creste sopra gli occhi dello squalo che gli da anche il nome comune.

Autori successivi spostarono questa specie ai generi Gyropleurodus e Molochophrys prima di piazzarla nel genere Heterodontus. il tipo nomenclaturale è una femmina di 68 cm catturata al largo dell’Australia. Questo squalo può anche essere denominato squalo crestato, squalo Zambesi crestato, squalo cornuto crestato e squalo di Port Jackson crestato.



Specie del genere Heterodontus

   
© 1999-2014 Antonio Nonnis