Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Squalo testa di toro giapponese

Heterodontus japonicus

(Maclay & Macleay, 1884)

Ordine: Heterodontiformi  Famiglia: Heterodontidae  Genere: Heterodontus

Descrizione

Ha un corpo cilindrico con una testa corta e ampia e un muso smussato, simile a quello dei maiali, tipico degli squali testa di toro. Gli occhi sono privi di membrana nittitante e sono seguiti da minuscoli spiracoli. Le basse creste sono presenti sopra gli occhi, e lo spazio tra di loro è leggermente concavo. Le narici sono divisi in aperture di afflusso e di deflusso da lunghi lembi di pelle che raggiungono la bocca; l'apertura di afflusso è circondata da una scanalatura, mentre un’altra scanalatura corre dall'apertura di deflusso fino alla bocca.

La piccola bocca è posizionata quasi all'estremità del muso; i denti frontali sono piccoli, con una tagliente cuspide centrale fiancheggiata da una coppia di cuspidi laterali, mentre i denti posteriori sono ampi e arrotondati. Ci sono profondi solchi agli angoli della bocca, che si estendono su entrambe le mascelle.

La prima pinna dorsale è molto grande e alta, e un po’ falcata (forma di falce); ha origine sopra le basi delle pinne pettorali. La seconda pinna dorsale è molto più piccola della prima ma simile nella forma e ha origine sopra le punte posteriori delle pinne pelviche. Entrambe le pinne dorsali hanno robuste spine. Le pinne pettorali sono grandi; le pinne pelviche sono molto più piccole della prima pinna dorsale. La pinna anale è posizionata davanti alla pinna caudale, che è larga con un breve lobo inferiore e un lungo lobo superiore recante una prominente tacca ventrale vicino alla punta.

I denticoli dermici sono grandi e ruvidi, in particolare ai lati del corpo. La colorazione è marrone chiara, con una serie di ampie bande più scure intervallate da strisce più strette dal muso alla coda, 11-14 in tutto. C'è una banda più chiara sulla sommità della testa tra gli occhi, e una macchia più scura sotto ogni occhio.

Habitat

Vive nella piattaforma continentale a una profondità tra i 6 e i 37 m, preferendo zone coperte da rocce, scogliere rocciose o kelp.

Distribuzione

Si trova dal Giappone alla Penisola coreana e verso sud lungo la costa della Cina, fino a Taiwan. C'è una sola documentazione, apparentemente errata, al largo dell’Africa orientale.

Alimentazione

E' un predatore lento che si nutre di crostacei, molluschi, piccoli pesci e ricci di mare, spesso cacciandoli “camminando” lungo il fondale con il movimento alternante delle pinne pettorali e pelviche. Quando viene individuata la preda, essa viene frantumata dalle potenti mascelle ridotta in pezzi dai denti posteriori simili a molari.

Dimensioni

Raggiunge una lunghezza massima di 1 m e 20 cm.

Riproduzione

Come gli altri membri della sua famiglia, è oviparo. Le femmine producono grosse uova aventi sottili flange a spirali sulla parte esterna e un paio di corti viticci sulla punta. Le uova vengono depositate tra gli 8 e i 9 m di profondità tra le rocce o kelp.

Varie femmine possono condividere lo stesso “nido”, che può contenere fino a 15 uova, sebbene le femmine abbandonino il sito poco dopo. Nelle acque giapponesi, le femmine depositano un paio di uova 6-12 volte tra Marzo e Settembre, con un picco in Marzo e Aprile. Le uova ci impiegano un anno a schiudersi; i neonati misurano 18 cm.

I giovani squali hanno pinne dorsali proporzionatamente più alte e una colorazione simile ma più chiara rispetto agli adulti. I maschi raggiungono la maturità sessuale verso i 69 cm.

Pericoli

Noti parassiti di questa specie includono il copepode Dissonus pastinum e il protozoo Haemogregarina heterodontii.

Innocuo per l’uomo, lo squalo testa di toro giapponese può essere facilmente catturato a mano dai subacquei. È di scarso interesse per la pesca, ma viene esposto negli acquari pubblici giapponesi.

Lo stato di conservazione di questa specie non è stato valutato dall’International Union for Conservation of Nature (IUCN). Sembra essere scomparso dalle acque del mar di Bohai, forse dovuto al cambiamento climatico.

Note

Lo squalo testa di toro giapponese fu originariamente descritto come Cestracion japonicus dagli ittiologi Nicholas Miklouho-Maclay e William John Macleay, in un volume dei Proceedings of the Linnean Society of New South Wales del 1884.

Il tipo nomenclaturale è una femmina catturata al largo di Tokyo, in Giappone. Altri nomi comuni utilizzati per questa specie sono testa di toro, gattuccio, squalo cornuto giapponese e squalo di Port Jackson (che di solito si riferisce all’Heterodontus portusjacksoni).



Specie del genere Heterodontus

   
© 1999-2014 Antonio Nonnis