Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Capopiatto - Notidiano grigio

Hexanchus griseus

(Bonnaterre, 1788)

Ordine: Hexanchiformi  Famiglia: Hexanchidae  Genere: Hexanchus

Dentizione


Descrizione

Appartiene alla famiglia Hexanchidae. Molti dei membri di questa famiglia sono oggi estinti, mentre gli squali oggi esistenti più vicini geneticamente allo squalo capopiatto sono gli Scyliorhinidae, gli Squalidae, i Dalatiidae ed il Somniosus microcephalus, nonché le altre specie con 6 e 7 fessure branchiali. Si possono comunque trovare molte più specie somiglianti a questa tra i fossili che tra le specie viventi. Alcuni di queste specie estinte risalgono a 200milioni di anni fa, e l'Hexanchus griseus ha caratteristiche peculiari sia primitive che tipiche di squali più moderni.

Sei fessure branchiali; un corpo pesante ma piuttosto flaccido con un muso largo, smussato e arrotondato e piccoli occhi luminosi e verdi. Bocca ampia e largamente arrotondata se vista ventralmente, con (di norma) sei file di denti prominenti simili a pettini nella mascella inferiore. Le cuspidi di questi denti sono relativamente basse.

Possiede una pinna dorsale, situata per lo piu' al di sopra della pinna anale, con l'origine anteriore adiacente o appena dietro l'inserzione della pinna pelvica. Peduncolo caudale corto e spesso circa uguale alla lunghezza della base della pinna dorsale misurata dall'inserzione della medesima all'origine della pinna caudale. Lobo ventrale del ceppo caudale solo moderatamente sviluppato, non molto evidente. Colore da verde-oliva a grigio-marron, sfumante nel pallido del ventre con una distinta linea luminescente lungo i fianchi all'altezza della linea laterale. Nessun segno distintivo sulle pinne sebbene i margini anteriori possano apparire pallidi in esempalari giovani appena catturati.

Habitat

Anche se è stata osservata dalla superficie fino a 2500 metri di profondità, la specie preferisce le acque tra i 180 ed i 1100. In generale gli esemplari più giovani prediligono e poco profonde, gli adulti quelle più fredde. Benché di solito viva in acque profonde, è noto per spostarsi più in superficie durante la notte, spesso per cercare cibo. Può essere osservato a profondità di 30 metri o inferiori durante alcuni periodi dell'anno ed in alcune zone precise come Flora Islet, nei pressi di Hornby Island o durante la bassa marea serale al Whytecliff Park nel Distretto di West Vancouver nella British Columbia, nel Puget Sound, nel Monterey Canyon al largo di Monterey, tra i fiordi in Norvegia.

Distribuzione

La specie vive soprattutto negli oceani. Si trovano in tutto il globo in acque tropicale e temperate.

Nell'Atlantico Occidentale abitano le acque dalla North Carolina alla Florida negli Stati Uniti e dal Golfo del Messico Settentrionale al Nord dell'Argentina.

Nell'Atlantico Orientale invece si trovano dalla zona di Islanda e Norvegia fino alla Namibia, ed anche nel Mediterraneo.

Nell'Oceano Indiano vivono nei pressi di Madagascar e Mozambico fino al Sudafrica.

Nel Pacifico Occidentale vivono dal Giappone alla Nuova Zelanda fino alle Hawaii, in quello Orientale dalle Isole Aleutine in Alaska fino alla Baja California in Messico ed in parte anche in Cile.

Questo enorme areale è giustificato dal fatto che la specie è fortemente migratrice.

Mar Mediterraneano: piuttosto comune da Gibilterra a Creta e in particolare nelle regioni profonde del Canale di Sicilia, a sud ovest di Malta. Presente lungo tutte le coste spagnole , Baleari incluse; anche Costa Azzurra e Mar Ligure; Mar Tirreno, Mar Ionio, ma piuttosto scarso nelle parti alte dell'Adriatico. Occasionale nell'Egeo, spesso in localita' insulari adiacenti alle alte profondita'.

Alimentazione

Sebbene pigro in apparenza, questo squalo e' un predatore abile, potente e cosmopolita di grande efficacia, cacciando un'ampia gamma di pesci teleostei come naselli, molve, passere, triglie, tonni, mammiferi marini, razze e chimere; calamari, polpi, granchi e gamberi. Prede piu' agili (come le foche) potrebbero essere cacciate per imboscata sopra o vicino al fondo, come avviene per il Greenland, squalo di taglia similare. Il pesce vacca e' vorace spazzino di pesci presi all'amo o nelle reti (compresi giovani pesci spada) e probabilmente anche di resti di mammiferi.

Dimensioni

Fino ad almeno 480cm, molto probabili i 500cm; comune tra 200 e 320cm. Taglia alla nascita circa 65-70cm. Il maschio è infatti al massimo lungo tra i 309 ed i 330 cm, mentre la femmina è in media lunga tra i 350 ed i 420 cm. Si sono registrati comunque dei casi di lunghezza pari a 482 cm.

La massa corporea più grande mai misurata è invece di 590 kg. La specie assomiglia a molti dei fossili di squalo del Triassico. Sono infatti più numerosi gli Hexanchus estinti che quelli ancora viventi.

Riproduzione

Non si sa molto sulla riproduzione di questa specie, e quel poco che si sa è fonte di dibattito scientifico. Sembra che la specie sia ovovivipara, cioè i piccoli sono conservati nel corpo materno finché le uova che li accolgono non si schiudono. I cuccioli si sviluppano senza l'aiuto di una placenta.

In questo squalo si sono registrati parti di cucciolate comprese tra i 22 ed i 108 esemplari, ed in genere la femmina mette al mondo circa 100, di dimensioni comprese tra 65 e 74 cm. Quando vengono alla luce, i cuccioli presentano un ventre di colore più chiaro rispetto a quello degli adulti, in un meccanismo di camuffamento che favorisce il mimetismo dei cuccioli.

Le dimensioni della cucciolata permettono di dedurre come il tasso di mortalità nei giovani esemplari sia molto alto. Molti biologi credono che i denti del maschio si siano adattati ai rituali di corteggiamento. Le lunghe cuspidi gli permettono infatti di aggrapparsi alle fessure branchiali della femmina per spingerla all'accoppiamento. Prove di questa teoria sono date dal fatto che sono state osservate femmine con graffi stagionali sulla zona delle fessure branchiali, apparentemente derivanti dall'accoppiamento.

La femmina raggiunge la maturità sessuale tra i 18 ed i 35 anni di età, il maschio molto prima, tra gli 11 ed i 14. Sembra, anche se non è certo, che la coppia si incontri per la riproduzione secondo logiche stagionali nel periodo compreso tra maggio e novembre. Sembra che la gestazione possa durare più di 2 anni.

Pericoli

La specie è considerata molto vulnerabile, la sua carne viene venduta fresca salata o surgelata. Viene anche pescato per ricavarne squalene ed esche. Non è noto per attaccare l'uomo senza motivo.


Notizie su Hexanchus griseus

08-11-2017 Squali capopiatto urtano sottomarino della BBC a 700 metri di profondità

19-06-2017 Capopiatto catturato a Gallipoli da una barca da pesca

10-05-2017 Capopiatto pescato e rilasciato in Irlanda

05-05-2017 Capopiatto pescato a Caulonia (Reggio Calabria) nella fossa di Allaro

19-12-2016 Capopiatto trovato morto in spiaggia ad Arbatax

02-12-2016 Squalo capopiatto pescato all'Argentario

12-11-2016 Capopiatto pescato al largo delle coste abruzzesi

12-10-2016 Capopiatto pescato a Maregrosso (Messina)

30-09-2016 Capopiatto pescato e rilasciato al largo di Margellina, Napoli

31-08-2016 Capopiatto trovato morto sulla costa ionica in provincia di Cosenza

19-05-2016 Capopiatto pescato nelle acque del Cilento, Campania

10-03-2016 Capopiatto spiaggiato a Marina di Grosseto

11-02-2016 Capopiatto spiaggiato a Siculiana Marina (Agrigento)

22-01-2016 Capopiatto pescato nel Cilento, in Campania

03-01-2016 Capopiatto pescato a Perd'e Sali nel sud Sardegna

11-12-2015 Capopiatto pescato a Gioiosa Marea (Messina)

14-01-2015 Capopiatto spiaggiato a Ischia morto con un amo in bocca

07-01-2015 Capopiatto pescato con le reti a Torre Pali in Puglia

30-08-2014 Capopiatto catturato e rilasciato a Reggio Calabria

02-08-2014 Capopiatto trovato morto a Corigliano Calabro

08-07-2014 Capopiatto trovato spiaggiato nella Locride in Calabria

19-06-2014 Capopiatto trovato morto al Giglio

17-06-2014 Capopiatto pescato a Manfredonia

15-06-2014 Capopiatto trovato morto sulla spiaggia di Cannitello nello Stretto di Messina

23-02-2014 Capopiatto pescato e macellato in Algeria

16-11-2013 Squalo di cinque metri pescato a San Benedetto del Tronto, Adriatico

30-10-2013 Recuperata la carcassa di Capopiatto a S.Giovanni Li Cuti (Catania)

26-10-2013 Capopiatto spiaggiato a Lazzaro, Calabria

30-08-2013 Capopiatto spiaggiato a Soverato (Calabria)

28-08-2013 Capopiatto catturato e ucciso a Monopoli (Puglia)

20-08-2013 Squalo vacca nelle reti di un peschereccio a Fasano (Puglia)

21-07-2013 Carcassa di squalo capopiatto ritrovata a Siderno (Calabria)

17-06-2013 Squalo vacca (Hexanchus griseus) Spiaggiato a Torretta (Calabria)

01-04-2013 Due Capopiatto catturati in Turchia a Marzo

18-02-2013 Capopiatto (Hexanchus griseus) di 500 kg pescato a Buggerru, Sardegna sud occidentale

02-02-2013 Cattura di un capopiatto (Hexanchus griseus) a Mola di Bari

07-05-2009 Un Capopiatto pescato in Liguria

02-09-2008 Trovata la carcassa di un capopiatto al Giglio

01-09-2008 Video di Capopiatto a 1000 di profondità

18-12-2004 Pescato uno squalo vacca di 500 kg a Capo Figar, Sardegna

16-03-2001 Squalo vacca in Sardegna

Documenti

 Hexanchus_griseus_olbia_maggio_2000.php

Immagini

Vai alla galleria immagini

Oppure clicca su ciascuna immagine per ingrandirla


Specie del genere Hexanchus

   
© 1999-2014 Antonio Nonnis