Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Gattuccio macchiato

Scyliorhinus meadi

(Springer, 1966)

Ordine: Carcharhiniformi  Famiglia: Scyliorhinidae  Genere: Scyliorhinus

Descrizione

Questo squalo ha una testa e un corpo ampi, che si assottiglia notevolmente verso la coda. I lembi di pelle accanto alle narici sono piccoli e non raggiungono la bocca. I denti della mascella superiore sono esposti quando la bocca è chiusa, e ci sono solchi agli angoli della mascella inferiore. La prima pinna dorsale ha origine sopra le pinne pelviche, mentre la seconda pinna dorsale ha origine sopra la pinna anale. La pinna caudale è quasi orizzontale, con un indistinto lobo inferiore e una prominente tacca vicino alla punta del lobo superiore.

La pelle è relativamente liscia, poiché i denticoli dermici sono piccoli e appiattiti. La colorazione è costituita da un semplice sfondo scuro con 7 - 8 selle scure, più o meno prominenti. Come l’imparentato gattuccio catena, il gattuccio macchiato mostra fluorescenza, con piccole macchie sul dorso di un giallo acceso sotto un blu chiaro.

Habitat

Questo raro squalo si trova ad una profondità di 329 - 548 m. Di natura bentonica, il gattuccio macchiato si trova di solito in acque profonde tra i banchi corallini.

Distribuzione

Si trova dal North Carolina al Canale di Santaren tra la Florida, le Bahamas e Cuba, così come nella Fossa delle Cayman al largo della Giamaica settentrionale, e nel Golfo del Messico a nord della penisola dello Yucatan.

Alimentazione

Si nutre di cefalopodi, gamberi e pesci ossei di dimensioni sorprendentemente grandi.

Dimensioni

Tutti gli esemplari raccolti finora (2010) sono stati immaturi, il più grande maschio misura 49 centimetri di lunghezza e la femmina più grande 43 centimetri di lunghezza.

Riproduzione

La sua anatomia interna suggerisce che depone uova incapsulate come gli altri membri della sua famiglia, anche se questi gusci non sono stati osservati. Le dimensioni degli esemplari immaturi conosciuti suggeriscono che gli adulti sono relativamente grandi.

Pericoli

Innocuo per l'uomo e raramente catturato dai pescherecci, il gattuccio macchiato ha scarso valore economico. È stato valutato come Dati insufficienti da parte dell'International Union for Conservation of Nature (IUCN).

Note

Il gattuccio macchiato fu descritto scientificamente per la prima volta nel 1966 dall’ittiologo americano Stewart Springer, sulla base di un maschio immaturo di 25 cm di lunghezza pescato al largo di Cape Canaveral, in Florida. Gli diede il nome da Giles W. Mead, che portò l’esemplare originale alla sua attenzione. Dal 1970 al 1979, questa specie è stata considerata come una sottospecie del gattuccio catena (Scyliorhinus retifer).



Specie del genere Scyliorhinus

   
© 1999-2014 Antonio Nonnis