Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Squalo martello comune o liscio

Sphyrna zygaena

(Linnaeus, 1758)

Ordine: Carcharhiniformi  Famiglia: Sphyrnidae  Genere: Sphyrna

Dentizione


Descrizione

Lo squalo martello comune o liscio è una specie di squalo martello, della famiglia Sphyrnidae, così chiamato per la caratteristica forma della testa, che è appiattita e estesa lateralmente a forma di martello, senza rientranze nel mezzo del margine anteriore (da cui "liscio"). Il martello è ampio ma corto, misurando il 26 - 29% della lunghezza del corpo. Le narici si trovano vicino ai bordi del martello, con lunghe scanalature che corrono verso il centro.

Ci sono 26 - 32 file di denti nella mascella superiore e 25 - 30 file di denti nella mascella inferiore. Ogni dente è di forma triangolare, con bordi lisci o poco seghettati. Il corpo è snello, senza una cresta dorsale tra le due pinne dorsali. La prima pinna dorsale è alta e moderatamente falcata (a forma di falce), con una punta arrotondata. Le pinne pettorali e pelviche non sono falcate, avendo piuttosto margini posteriori quasi dritti.

La pinna anale è più grande della seconda pinna dorsale, con una lunga punta posteriore e una forte tacca sul margine posteriore. I denticoli dermici sono densamente ammassati, ciascuno con 5 - 7 creste orizzontali (3 nei giovani) che portano ad un margine posteriore a forma di W. Il dorso va dal grigio brunastro scuro al color oliva, in contrasto con il marrone semplice della maggior parte degli altri squali martello, diventando più chiaro sui fianchi. Il ventre è bianco, e qualche volta le pinne pettorali hanno bordi inferiori scuri.

Habitat

Tra tutti gli squali martello, lo squalo martello comune è la specie più tollerante all’acqua temperata, e rispetto allo squalo martello smerlato e allo squalo martello maggiore, rimane più vicino alla superficie, in acque a meno di 20 m di profondità. Tuttavia, è stato registrato a una profondità di 200 m. Predilige acque costiere, come baie ed estuari, ma talvolta si trova in mare aperto sulla piattaforma continentale, e intorno alle isole oceaniche.

E’ stato segnalato anche in habitat d'acqua dolce, come nell'Indian River in Florida. In estate, gli squali martello comuni migrano verso i poli per rimanere in acque più fredde, per tornare verso l'equatore in inverno.

Gli adulti sono solitari o formano piccoli gruppi. Possono riunirsi in gran numero durante le loro migrazioni annuali; branchi di oltre un centinaio di giovani lunghi meno di 1 m e 50 cm di lunghezza sono stati osservati al largo del Capo orientale del Sudafrica, e migliaia di branchi sono stati avvistati al largo della California. Durante la calda stagione estiva, possono essere avvistati nuotando appena sotto la superficie con le pinne dorsali esposte.

Distribuzione

Si trova in tutto il mondo a latitudini più alte rispetto a qualsiasi altra specie. Nell'Atlantico, si trova dalla Nuova Scozia alle Isole Vergini e dal Brasile all'Argentina meridionale a ovest, e dalle Isole Britanniche alla Costa d'Avorio, incluso il Mar Mediterraneo, a est. Grandi gruppi di questi squali sono stati ripetutamente osservati dai sub attorno a Lampedusa, nel canale di Sicilia.

Nell'Oceano Indiano, si trova al largo del Sudafrica, dell’India e dello Sri Lanka. Nel Pacifico occidentale, si trova dal Golfo del Tonchino al Giappone meridionale e in Siberia, così come al largo dell’Australia e della Nuova Zelanda.

Nel Pacifico centrale e orientale, si trova al largo delle isole Hawaii, in California, a Panama, nelle Isole Galapagos, in Ecuador e nel Cile.

Questa specie è solitamente considerata anfitemperata (assente dai tropici) nella distribuzione, anche se ci sono stati rari casi provenienti da acque tropicali come nel Golfo di Mannar al largo dell'India, e al largo del Mozambico meridionale. È difficile determinare la sua presenza nei tropici a causa della confusione con altre specie di squali martello.

Alimentazione

E’ un attivo predatore che si nutre di pesci ossei, razze, squali (compresi quelli della sua stessa specie), cefalopodi, e in misura minore crostacei, come gamberetti, granchi, e cirripedi. In alcune zone, le razze sono le prede preferite e costituiscono la maggior parte della sua dieta. Gli aculei velenosi delle razze si trovano spesso depositati dentro e intorno alla bocca di questi squali; un esemplare esaminato aveva 95 di queste spine.

Nel nord Europa, lo squalo martello comune si nutre di aringhe e spigole, mentre nel Nord America si nutre di maccarelli reali maculati e di Menhaden. Al largo del Sudafrica, gli squali martello comuni si nutrono di calamari come il Loligo vulgaris e di piccoli pesci come sardine sopra le barriere coralline ai margini della piattaforma continentale, con gli individui lunghi più di 2 m di lunghezza che catturano piccoli squali e razze. Al largo dell’Australia, i calamari sono le prede più importanti, seguiti dai pesci ossei.

Dimensioni

Essendo la seconda specie di squalo martello più grande dopo lo squalo martello maggiore, lo squalo martello comune misura tipicamente 2 m e 50 – 3 m e 50 cm di lunghezza, con una lunghezza e un peso massimi registrati rispettivamente di 5 m e 400 kg.

Uno dei più grandi esemplari registrati nel Mediterraneo, una femmina di 3 m e 60 cm, è stato catturato nel golfo di Genova. Il più piccolo esemplare mai registrato, di 46 cm, è stato catturato al largo della costa algerina.

Riproduzione

Come gli altri squali martello, lo squalo martello comune è viviparo: una volta che i piccoli esauriscono la loro riserva di tuorlo, il vuoto sacco vitellino viene convertito in un collegamento placentare attraverso il quale la madre offre nutrimento. Le femmine partoriscono 20 - 50 cuccioli dopo un periodo di gestazione di 10 - 11 mesi. Il parto avviene in nursery costiere poco profonde, come la Bulls Bay nel North Carolina. I piccoli misurano alla nascita 50 - 61 cm di lunghezza; le femmine raggiungono la maturità a 2 m e 70 cm di lunghezza e i maschi a 2 m e 10 – 2 m e 50 cm di lunghezza, a seconda della località.

Al largo del Sudafrica, le femmine appena accoppiate vengono catturate nel mese di febbraio e le femmine con embrioni a termine nel mese di novembre; al largo della costa orientale dell'Australia, il parto avviene tra gennaio e marzo, con l'ovulazione che avviene nello stesso periodo. Si pensa che questo squalo possa vivere per 20 anni o più.

Pericoli

I giovani sono prede di squali più grandi come lo squalo bruno (Carcharhinus obscurus); sono stati osservati adulti che venivano mangiati dalle orche (Orcinus orca) al largo della Nuova Zelanda. Noti parassiti dello squalo martello comune includono i nematodi Parascarophis sphyrnae e Contracaecum spp.

Lo squalo martello comune è potenzialmente pericoloso per l'uomo. Dal 2008, l'International Shark Attack File elenca 34 attacchi attribuibili agli squali martello di grandi dimensioni, 17 dei quali non provocati (1 fatale). Tuttavia, poiché lo squalo martello comune si trova nelle regioni temperate dove difficilmente le persone entrano in acqua, probabilmente è responsabile di una minoranza di questi attacchi. Al largo della California meridionale, questa specie è stata segnalata per rubare le catture dai pescatori sportivi e dei subacquei.

Gli squali martello comuni vengono catturati dai pescherecci commerciali in tutto il mondo, compresi quelli al largo degli Stati Uniti (coste orientali e occidentali), del Brasile, della Spagna, di Taiwan, delle Filippine, dell'Australia sud - occidentale e dell’Africa occidentale, principalmente utilizzando reti a strascico e palangari. Le catture sono difficili da quantificare poiché è difficile distinguere questa specie dagli altri grandi squali martello.

La carne viene venduta fresca, secca e salata o affumicata, anche se nella maggior parte dei mercati viene considerato indesiderabile e ci sono segnalazioni di avvelenamento. Molto più importanti sono le pinne, che sono molto richieste per l’utilizzo per la zuppa di pinne di squalo e spesso per questo gli squali catturati vengono spinnati (privati delle pinne) in mare. Inoltre, l'olio di fegato viene usato per le vitamine, la pelle per il cuoio e le frattaglie per la farina di pesce. Questo squalo viene usato anche nella medicina cinese.

Vengono catturati anche accidentalmente e dai pescatori sportivi e sono uccisi anche nelle reti antisqualo utilizzate per proteggere le spiagge. Dal 1978 al 1990 sono stati catturati meno di 10 squali martello comuni nelle reti al largo del KwaZulu-Natal, in Sudafrica. Al contrario, nelle reti al largo del Nuovo Galles del Sud, in Australia, gli squali martello comuni hanno rappresentato il 50% dei 4.715 squali catturati dal 1972 al 1990.

Al momento, questa specie è relativamente comune ed è stato valutato “A Basso rischio / Prossimo alla minaccia” dalla World Conservation Union. Al largo della Nuova Zelanda, è una proibita specie mirata ed è lo squalo più abbondante lungo la costa nord - occidentale. Inoltre non sembrano essere stati influenzati negativamente dalla pesca al largo del sud dell’Australia.

Al largo degli Stati Uniti orientali, le catture di questa specie sono regolate dalla National Marine Fisheries Service (NMFS) e dal Atlantic Shark Fishery Management Plan (FMP), in cui è classificato come un grande squalo costiero.

Note

Il naturalista svedese Carlo Linneo, conosciuto come il “padre della tassonomia”, descrisse originariamente lo squalo martello comune come Squalus zygaena nella decima edizione del Systema Naturae del 1758, senza designare un tipo nomenclaturale. Il nome fu poi cambiato in Sphyrna zygaena. Il nome specifico zygaena deriva dalla parola greca zygon, che significa “giogo”, in riferimento alla forma della testa.

Altri nomi comuni per questa specie sono squalo martello comune liscio, squalo martello dalla testa rotonda o semplicemente squalo martello. Analisi filogenetiche basate sulla morfologia, gli isoenzimi e il DNA mitocondriale dimostrano che lo squalo martello smerlato (Sphyrna lewini) è la specie sorella dello squalo martello comune, e che i due formano un clade con lo squalo martello maggiore (Sphyrna mokarran).


Notizie su Sphyrna zygaena

Immagini

Vai alla galleria immagini

Oppure clicca su ciascuna immagine per ingrandirla


Specie del genere Sphyrna

   
© 1999-2014 Antonio Nonnis