Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Selezione di contenuti
 CUBA: Giardini della Regina e Cayo Largo
 Ocean Ramsey a Isla Guadalupe nell'Ottobre 2013
 Miami: una vergognosa attività in Florida
 Ancora sulle tracce di umanoidi acquatici
 Il Grande squalo bianco Carcharodon carcharias
www.squali.com - scheda dell' Ordine Squaliformi

Squaliformi

Ordine degli Squaliformi

Squali pescecane
Quest'ordine rappresenta il secondo gruppo piu' esteso, includendo 3 famiglie e circa 85 specie che hanno come caratteristica principale:

assenza della pinna anale.

Alcune specie possiedono una spina posizionata frontalmente sulla prima pinna frontale, la maggior parte vive in acque profonde ed alcune possiedono organi luminescenti.
Certe specie possono raggiungere grandi dimensioni, come lo squalo della Groenlandia (Somniosus microcephalus), che arriva ai 21 piedi di lunghezza.
Gli scienziati concordano che la specie piu' abbondante di squali ad oggi conosciuta sia lo spinarolo (Squalus acanthias),
la piu' apprezzata per il "fish & chips".

Squali Pescecane del Mediterraneo
del dott. Ian Fergusson

La classificazione di questo grande e diversificato gruppo di squali e' in uno stato di continuo mutamento, anche perche' molte specie hanno caratteristiche talmente strettamente sovrapposte che la loro appartenenza ad una posizione tassonomica e' spesso motivo di dibattito. Forse il piu' frequente in queste discussioni e' il familiare genere Squalus (spinaroli), il quale potrebbe contenere un numero di varieta' senza nome sotto molti aspetti vicine a specie di gia' descritte e titolate. Percio' la nomenclatura seguita in questo website per gli Squaliformi - che dovrebbe essere definita come "tradizionale", seguendo il FAO Species Catalogue di L.J.V. Compagno (1984) - potrebbe essere considerata in futuro come suscettibile di alterazioni forse molto radicali. La fauna Squaloide nella regione del N.E. Atlantico e' ricca. Include uno dei piu' piccoli squali viventi - lo Squaliolus laticaudus, che raggiunge poco piu' di 20 cm - e uno dei piu' grandi - il Somniosus microcephalus che puo' raggiungere i sei metri. La maggior parte degli Squaloidi abitano in acque profonde, alcuni visti o catturati di rado, con la conseguenza che molti aspetti della loro biologia resta un enigma. In quest'ordine sono presenti alcuni degli squali oceanici piu' bizzarri, come l'inimitabile Isistius brasiliensis, un semi parassita specializzato la cui piccola taglia nasconde un morso potente. Ci sono diversi altri rappresentanti che si notano per l'aspetto bizzarro, per esempio il Echinorhinus brucus, un animale affascinante in triste diminuzione, e l'inconfondibile Oxynotus centrina, con la pinna dorsale a forma di vela. Trovandosi in tutto il mondo, questi squali occupano una vasta gamma di ambienti, sia costieri che d'alto mare, in acquei sia fredde che tropicali. Il piu' grande del gruppo, il Greenland, e' limitato alle zone boreali e acque Artiche/Sub Antartiche, dove e' stato segnalato perfino in un posto dove mai si pensava di trovare uno squalo: al di sotto di lastre di ghiaccio galleggianti. Alcuni come il Centrophorus granulosus, vivono bene a profondita' superiori ai 1000 metri, mentre altri come lo Squalus acanthias preferiscono ambienti poco profondi di scogliere a fior d'acqua e acque costiere penetrando perfino nella linea di marea.

Chiavi di identificazione

Identificazione dell'Ordine
Squali da piccoli a giganti senza pinna anale. Due pinne dorsali, che spesso includono una spina aguzza nel loro margine anteriore; la loro posizione reciproca e' altamente variabile. Hanno cinque fessure branchiali. Il corpo non e' appiattito come le razze e non hanno estensioni del muso a guisa di sega. Non hanno membrana nittitante negli occhi. Solchi labiali ben sviluppati in entrambe le mascelle.

Identificazione delle famiglie

Echinorhinidae. La prima pinna dorsale origina dietro l'origine della pinna pelvica. La pelle e' largamente cosparsa di denticoli simili a spine: Echinorhinus brucus.

Oxynotidae. La prima pinna dorsale origina in avanti rispetto all'origine della pinna pelvica. Corpo notevolmente alto, con gobba posteriore; compresso e quasi triangolare visto lateralmente; pinna dorsale visibilmente grande e a forma di vela; pelle ruvida; bocca molto piccola : Oxynotus centrina

Squalidae. Corpo essenzialmente affusolato, cilindrico in sezione trasversale. Pinne dorsale non eccessivamente sviluppate e a forma di vela: Squalus spp.

Altri documenti

--

Immagini


--
     
© 1999-2015 Antonio Nonnis
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti