Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Palombo dalle bande

Triakis scyllium

(Müller & Henle, 1839)

Ordine: Carcharhiniformi  Famiglia: Triakidae  Genere: Triakis

Descrizione

Il palombo dalle bande è una specie dal corpo moderatamente sottile, il muso è corto, largo e arrotondato; le narici, molto distanziate, sono precedute ognuna da un lembo di pelle che non raggiunge la bocca. Gli occhi orizzontalmente ovali sono posizionati in alto sulla testa; essi sono dotati di rudimentali membrane nittitanti e hanno prominenti creste sotto. La bocca forma un breve ma ampio arco e ha lunghi solchi agli angoli che si estendono su entrambe le mascelle. Ogni dente ha una cuspide centrale dritta o obliqua simile ad un coltello affiancata da forti cuspidi. Possiede cinque paia di fessure branchiali.

La maggior parte delle pinne sono abbastanza strette; negli adulti le pinne pettorali sono ampie e quasi triangolari. La prima pinna dorsale, moderatamente alta, è posizionata quasi a metà strada tra le pinne pettorali e le pinne pelviche, e il suo margine finale è quasi verticale vicino all'apice. La seconda pinna dorsale è alta quasi tre quarti della prima e più grande della pinna anale. La pinna caudale ha una lobo inferiore ben sviluppato e una prominente tacca ventrale vicino alla punta del lobo superiore; negli squali giovani il lobo inferiore è molto meno distinto.

Questa specie è grigio sul dorso, con selle più scure e macchie nere sparse che sfumano con l'età; il ventre è di colore bianco.

Habitat

Bentonico, vive oltre le piattaforme continentali e insulari, per lo più in prossimità della costa, ma anche ad una profondità di 150 m. Frequenta appartamenti di sabbia e letti di alghe; inoltre è tollerante all'acqua salmastra ed entra negli estuari e nelle baie. E' notturno e generalmente solitario, anche se diversi individui possono riposare insieme, a volte accatastati uno sopra l'altro all'interno di una grotta.

Distribuzione

E' nativo del Pacifico nord - occidentale, si trova dalla Russia meridionale a Taiwan, incluso il Giappone, la Corea e la Cina orientale; sono discutibili rapporti dalle Filippine.

Alimentazione

Si nutre principalmente di crostacei (tra cui gamberi, granchi, paguri e canocchie), cefalopodi (polpi compresi) e Echiuroidei; vengono catturati anche policheti, tunicati, sipunculidi e piccoli pesci ossei che vivono sul fondo (tra cui pesci piatti, gronghi, aringhe, carangidi, scienidi e emulidi). Gamberi e Echiuroidei sono prede importanti per gli squali lunghi fino a 70 cm di lunghezza; i cefalopodi predominano nella dieta degli squali più grandi.

Dimensioni

Cresce fino a 1 m e 50 cm di lunghezza.

Riproduzione

E' ovoviviparo aplacentale. L'accoppiamento avviene durante l'estate, e coinvolge il maschio nuotando parallelo alla femmina e afferra le sue pinne pettorali con i suoi denti; poi gira il suo corpo per inserire uno pterigopodio nella sua cloaca per la copula. Il palombo dalle bande è viviparo aplacentale, in cui gli embrioni in via di sviluppo sono sostenuti alla nascita dal tuorlo.

Le femmine partoriscono 9 - 26 cuccioli, dopo un periodo di gestazione di 9 - 12 mesi, anche se sono stati registrate cucciolate di 42 piccoli. I neonati misurano 18 - 20 cm di lunghezza. I maschi maturano sessualmente a 5 - 6 anni, quando misurano 93 cm – 1 m e 6 cm di lunghezza, e vivono fino a 15 anni. Le femmine maturano sessualmente a 6 - 7 anni, quando misurano 1 m e 6 cm – 1 m e 7 cm di lunghezza, e vivono fino a 18 anni.

Pericoli

Noti parassiti di questa specie sono le tenie Callitetrarhynchus gracilis, Onchobothrium triacis e Phyllobothrium serratum, la sanguisuga Stibarobdella macrothela e i copepodi Achtheinus impenderus, Caligus punctatus, Kroyeria triakos e Pseudopandarus scyllii.

Innocuo per l'uomo, il palombo dalle bande viene comunemente esposto negli acquari pubblici in Cina e in Giappone, e ha partorito in cattività. Gli esemplari sono sopravvissuti in cattività per più di cinque anni.

Questa specie viene spesso pescata accidentalmente al largo del Giappone nei tramagli e nelle reti da pesca; la carne a volte viene venduta, ma è considerata di qualità inferiore rispetto a quella di altri palombi della regione. Viene catturato in minor numero al largo di Taiwan, e probabilmente viene pescato anche al largo della Corea e della Cina settentrionale.

L'International Union for Conservation of Nature (IUCN) ha valutato il palombo dalle bande A Basso rischio, poiché rimane abbondante in tutto il suo areale. Al largo del Giappone, lo si può trovare nelle zone rocciose che gli offrono rifugio dalla pressione della pesca.

Note

La prima descrizione scientifica del palombo dalle bande fu fratta dai biologi tedeschi Johannes Peter Müller e Friedrich Gustav Jakob Henle, sulla base di un esemplare essiccato del Giappone, nella loro Systematische Beschreibung der Plagiostomendel 1838 - 41. Gli diedero il nome specifico scyllium, derivante dal greco antico skylion (“pescecane”), e lo misero nel genere Triakis. All'interno del genere, viene posto nel sottogenere Triakis insieme con lo squalo leopardo (Triakis semifasciata).


Notizie su Triakis scyllium


Specie del genere Triakis

   
© 1999-2014 Antonio Nonnis