Desktop Area riservata

Torna alla Home Page



Megalodonte: la leggenda degli abissi scomparsa per sempre

La creatura in questione era un gigantesco squalo comparso sulla Terra circa 28 milioni di anni fa ed estintosi durante le fine del Pliocene (1,5 milioni di anni fa) del quale, per via del fatto che di norma lo scheletro dei selacei, essendo completamente cartilagineo, mal si presta al fenomeno della fossilizzazione, conosciamo ancora piuttosto poco per quanto concerne morfologia e parentele. Gran parte delle informazioni e congetture paleonotologiche sul suo conto provengono infatti più che altro dai denti, trovati in numero copioso, che possono raggiungere una diagonale di ben 18 centimentri e che di fatto oltre ad avere dato il nome alla specie (megalodon significa "grandi denti"), sono stati all'origine di una serie di notevoli esagerazioni sul suo conto, come ad esempio una dimensione in vita superiore ai 20 o anche 30 metri.

Una revisione accurata del raro materiale scheletrico disponibile ha però indicato dimensioni di circa 15 metri di lunghezza per un peso stimato di 49 tonnellate (Gottfried 1996). Inoltre, anche se con qualche riserva tra gli studiosi, di norma si ritiene che l'aspetto esteriore del megalodonte dovesse ricordare quello di un moderno squalo bianco (Carcharodon carcharias). Il perché un animale del genere sia stato nel corso degli anni un soggetto alquanto gettonato nel mondo del cinema e dei romanzi d'avventura risulta così piuttosto chiaro. Le sue radici come moderno mito criptozoologico hanno invece trovato linfa grazie a una prassi purtroppo molto diffusa tra gli autori meno scrupolosi (quelli che in genere vendono il maggior numero di libri): citare le fonti che sembrano rendere possibile la propria ipotesi e teoria anche se quest'ultime sono state da tempo considerate non attendibili.

Ecco che ad esempio prendendo in mano Lake Monsters, Sea Serpents, and Other Mistery Denizens of the Deep (Coleman e Huyghe 2003) possiamo apprendere quanto segue:

Gli scienziati considerano il megalodonte estinto. Ma quanto è recente la sua estinzione? Basandoci su un'analisi del 1959 del deposito nel quale un dente di megalodonte fu rinvenuto nel fondale marino a 4.200 metri dal veliero oceanografico Challenger nel 1875, il dente non era più vecchio di 11.000 anni, che geologicamente parlando non è un tempo molto remoto. Se il megalodonte era ancora vivo alla fine del Pleistocene è possibile che la specie sopravviva ancora oggi.

Torneremo però in seguito sull'attendibilità e veridicità di una simile affermazione, prima prenderemo in esame un altro tipo di "prove" che gli entusiasti della sopravvivenza attuale del megalodonte hanno tentato di mettere nel corso degli anni sul piatto della bilancia: presunti avvistamenti di enormi squali non collocabili tra le specie attualmente conosciute.

Nel suo enciclopedico In Search of Prehistoric Survivors (1995), lo zoologo Karl Shuker cita (rigorosamente senza indicare le fonti) due casi che ebbero per protagonisti il noto romanziere Zane Grey e suo figlio Loren. Il primo, mentre si trovava a largo di Rangiroa (Pacifico del Sud) nel 1927 (o 1928) osservò quello che descrisse come un enorme squalo giallo e verde con una testa squadrata, immense pinne pettorali e qualche macchia bianca. L'animale era considerevolmente più lungo dell'imbarcazione di 12 metri sulla quale si trovava.

Qualcosa di molto simile fu in seguito rivisto nel 1933 sempre lungo la costa di Rangiroa, e questa volta era presente anche il figlio di Grey. I due si trovavano sul piroscafo Manguani quando verso le 17:00 osservarono un piccolo stormo di gabbiani in prossimità di un'area di mare giallastra:

All'inizio pensai che si trattasse di una balena, ma quando una grande coda marrone emerse lungo la scia della nave [...] capii immediatamente che si trattava di un mostruoso pescecane. [...] Ritengo che quella enorme [...] creatura fosse lunga almeno 12 - 15 metri. Non era uno squalo balena: gli squali balena hanno una distintiva livrea verde violacea con grandi macchie marroni e una testa molto più stretta. Cos'era quindi, forse un vero mostro preistorico delle profondità?

Sebbene Grey ribadii che non si trattava di uno squalo balena (Rhincodon typus), quest'ultimo sembra invece essere, per una serie di validi motivi, il migliore candidato (o perlomeno le descrizioni collimano maggiormente con quelle di uno squalo balena piuttosto che con un megalodonte). Inoltre l'area di mare giallastra descritta potrebbe essere stata dovuta a una fioritura di fitoplancton. un'occorenza che spesso attira gli squali balena. Descrivendone la "tipica livrea" di colore verde violaceo, Grey dimostra inoltre che non conosceva questi selacei così bene come voleva fare credere al lettore.

L'anneddoto più impressionante, ma ahimè anche inverosimile, rimane però quello citato dall'ittiologo David G. Stead nel suo libro Sharks and Rays of Australian Seas del 1963:

Nel 1918 i pescatori di aragoste di Port Stephens si rifiutarono per parecchi giorni, di recarsi ai loro regolari siti di pesca in vicinanza della Broughton Island. Gli uomini erano andati a lavorare in quelle secche pescose, che sono a grande profondità, quando aveva fatto la propria comparsa un immenso squalo, di dimensioni quasi incredibili, che aveva saccheggiato, un contenitore dopo l'altro, molte aragoste e portato via, come hanno detto gli uomini, "contenitori, funi di attracco e tutto il resto". [...] Gli uomini erano unanimi nel ritenere lo squalo un animale che non avevano visto neppure nei loro peggiori sogni. In compagnia del locale ispettore delle zone di pesca, ho interrogato molti degli uomini e tutti si sono mostrati concordi circa le dimensioni gigantesche della bestia. Ma le lunghezze che gli attribuivano erano, nel complesso, assurde. Tuttavia le riporto, come riprova dello stato d'animo suscitato da quell'insolito gigante. [...] Uno dei membri dell'equipaggio affermò che lo squalo misurava "almeno cento metri!"; altri sostennero che era lungo quanto il molo su cui ci trovavamo: circa 35 metri! [...] Una delle cose che mi colpì fu che erano tutti concordi nell'attribuire all'enorme pesce uno spettrale colore biancastro.

Infine, nel 1999 il fotografo subacqueo Bill Curstinger e il suo compagno di immersioni Heather Perry, dissero di avere osservato uno squalo gigante presso la Baia di Fundy (Canada) in prossimità della punta meridionale di Deer Island. Mentre si apprestavano a tornare da un'immersione udirono un tonfo nell'acqua simile a quello provocato da una balena. Voltandosi verso il rumore osservarono per qualche istante un'enorme appendice lunga dai 2 ai 3 metri, forse una pinna caudale o dorsale, dalla forma allungata e stretta, di colore nero, compiere dei movimenti laterali. L'appendice era simile alla pinna caudale di un enorme squalo volpe (Alopias vulpinus). I due sub stimarono la lunghezza totale dell'animale attorno ai 10 metri. Ma anche se questo avvistamento è stato utilizzato da Coleman per suffragare la sopravvivenza del megalodonte, in realtà non sembra avere davvero nulla di così misterioso. La pinna superiore della coda degli squali volpe è infatti lunga circa la metà del loro corpo e considerando che il record di lunghezza per la specie si attesta a 7,60 metri (Hart 1973), l'appendice lunga dai 2 ai 3 metri descritta dai testimoni rientrerebbe perfettamente nel range accertato per questo squalo.

Ma torniamo ora all'analisi del dente (che in realtà erano due) del 1956, che anche Shuker, alla stregua di Coleman, descrive con grande enfasi:

Quando, nel 1959, questi denti furono datati dallo scienziato russo W. Tschernezky, il mondo scientifico ricevette un considerevole shock. Conoscendo il tasso di formazione dello strato di diossido di manganese che copriva i denti, Tschernezky ne ha misurato lo spessore e dai risultati ottenuti fu in grado di annunciare che un dente aveva solo 24.000 anni e l'altro non più di 11.000

Anche se però Coleman si tiene ben alla larga dallo scriverlo, vi sono due problemi di fondo che hanno indotto gli studiosi a ritenere che queste datazioni siano tutt'altro che attendibili. Il primo è che i denti esaminati da Tschernezky sembrano rappresentare in realtà materiale rielaborato da depositi più vecchi (Applegate 1996), sarebbero stati infatti erosi da depositi del Pleistocene e ridepositati in strati Pleistocenici più recenti. Va infine considerato il fatto che il diossido di manganese non è un indicatore molto accurato delle ere geologiche: i suoi depositi non sono costanti e dipendono da una moltitudine di diversi fattori che spaziano dalla concentrazione di ioni di ferro nell'acqua a quella di fitoplacton.

Va infine aggiunto che i dati paleontologici indicano nel megalodonte un animale che viveva nelle acque costiere calde e la sua eventuale sopravvivenza in epoca moderna non sarebbe certo passata inosservata anche se la specie fosse particolarmente rara. Si è così ipotizzato che l'animale possa essersi evoluto a una vita nelle profondità abissali, ma una simile congettura può trovare spazio soltanto all'interno di un romanzo di Steve Alten. L'evoluzione, purtroppo, ha regole ben differenti.

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE

APPLEGATE, S. P. (1996), The fossil history of Carcharodon and its possible ancestor, Cretolamna: a study in tooth identification.
GOTTFRIED, M.D., L.J.V. Compagno, & S.C. Bowman (1996), Size and skeletal anatomy of the giant "Megatooth" shark Carcharodon megalodon.
TSCHERNEZKY, W. (1959), Age of Carcharodon megalodon? Nature 184: 1331-1332

... continua a leggere

Ultime notizie

 23-09-2017 Leggi la notizia 

Megalodonte: la leggenda degli abissi scomparsa per sempre

La creatura in questione era un gigantesco squalo comparso sulla Terra circa 28 milioni di anni fa ed estintosi durante le fine del Pliocene (1,5 milioni di anni fa) del quale, per via del fatto che di norma lo scheletro dei selacei, essendo completamente cartilagineo, mal si presta al fenomeno della fossilizzazione, conosciamo ancora piuttosto poco per quanto concerne morfologia e parentele. Gran [...]



 23-09-2017 Leggi la notizia 

Sea Shepherd blocca navi cariche di squali a Timor Est

Il gruppo di attivisti per la difesa dell’oceano, Sea Shepherd, ha comunicato che ha condotto la polizia armata di Timor-Leste verso un peschereccio di proprietà cinese in un raid all’alba e sta custodendo la flotta per la polizia, dopo che è stata scoperta a pescare squali.

Dopo una caccia di due settimane alla flotta Pingtan Marine Enterprises, la barca Sea Shepherd M/Y Ocean Warrior ha [...]



 21-09-2017 Leggi la notizia 

Squali e gechi i modelli per rendere le turbine eoliche più efficienti

In questi ultimi anni il settore dell’energia eolica sta facendo scendere in campo veri e propri mostri: aerogeneratori giganteschi, più alti dei grattacieli e sempre più potenti. Ma la corsa del vento come soluzione chiave della transizione energetica non si gioca solo sulle dimensioni. Alla Texas Tech University, la priorità è riuscire a rendere le turbine eoliche più efficienti grazie a  [...]



 18-09-2017 Leggi la notizia 

Megamouth trovato morto vicino alla riva nelle Filippine

È ben noto che i mari che circondano l'arcipelago filippino hanno una grande diversità di specie marine. Anche i residenti che vivono lì da tutta una vita sono spesso sorpresi dalle creature marine catturate dalle reti da pesca o che arrivano prive di vita sulle loro rive, con una incredibile variabilità di forme, dimensioni, colori e livree. È proprio quello che è successo nei primi giorni  [...]



 16-09-2017 Leggi la notizia 

Verdesca tra i bagnanti a Scauri

La sala operativa della Guardia Costiera di Gaeta ha ricevuto la segnalazione e ha immediatamente inviato sul posto la motovedetta in servizio di polizia marittima e il battello pneumatico. Il personale della Guardia Costiera, arrivato nei pressi del litorale indicato dai bagnanti, è riuscito a trovare e identificare lo squalo, rivelatosi una verdesca, o squalo azzurro.

Essendo a pochi metri d [...]



 12-09-2017 Leggi la notizia 

Attacco in Australia Abe McGrath

SYDNEY - Un grande squalo bianco ha attaccato un surfista Abe McGrath di 35 anni mentre cavalcava le onde con amici presso la spiaggia di Iluka, vicino Yamba, a nord di Sydney all'alba dell'11 settembre. Il giovane è salvo per miracolo dopo essere stato morso a un fianco.

Lo squalo di 3 metri e mezzo aveva colpito da sotto la tavola da surf spaccandola in due e lanciando in aria il surfista.  [...]



 10-09-2017 Leggi la notizia 

Scoperto il sottomarino che affondò l’Indianapolis

Tra i sottomarini giapponesi affondati e scomparsi c’era fino a qualche giorno fa I-58, famoso per aver affondato l'Indianapolis statunitense quando la guerra volgeva al termine, il 30 luglio 1945.

L’Indianapolis era un incrociatore pesante della Marina Militare Usa e i giapponesi lo colpirono perché ritenevano trasportasse ancora il materiale per costruire la bomba atomica.

Il capitano [...]



 10-09-2017 Leggi la notizia 

Trovati 10 squali nella piscina di un'abitazione a New York

Dieci piccoli squali, di cui tre morti, sono stati scoperti in una piscina in un'abitazione a Lagrangeville, vicino a New York.

I pesci probabilmente erano allevati per rivenderli, ma le condizioni in cui vivevano erano pessime e la vasca era di appena quattro metri di diametro.

Essendo allevati e detenuti illegalmente, sono stati sequestrati e presi in custodia dall'acquario di Long Island. [...]



 07-09-2017 Leggi la notizia 

Nasce all' Isola di Pasqua il parco oceanico più grande del Sud America

La nuova area marina protetta si estenderà per 720 mila chilometri quadrati, un'estensione paragonabile ai mari che circondano l'Italia (Adriatico, Ionio, Tirreno e Ligure) messi insieme.

Nascerà intorno all'Isola di Pasqua il più vasto parco oceanico del Sud America. I Rapa Nui, la popolazione locale della remota isola del Pacifico, hanno approvato in accordo con il governo cileno l'estensi [...]



 03-09-2017 Leggi la notizia 

Attacco in Spagna a una ragazzina di 11 anni

Una ragazzina di 11 anni è stata ricoverata in ospedale per una insolita ferita durante una vacanza in un villaggio turistico spagnolo a Benicassim, in Catalogna.

Si è tuffata a largo di Graco de Moncofa e ha riportato una profonda ferita al piede che non smetteva di sanguinare, costringendola così ad andare all'ospedale.

L'ipotesi più probabile, visti i segni lasciati sul piede, è che  [...]


Selezione di articoli

CUBA: Giardini della Regina e Cayo Largo

Anni fa iniziava l’avventura di un gruppo di italiani che, innamoratisi dei Giardini della Regina, decisero di trasformare l’area in un parco marino protetto.

Ocean Ramsey a Isla Guadalupe nell'Ottobre 2013

Resoconto di Ocean appena tornata dall'Isola di Guadalupe. Guadalupe è un posto speciale e estremamente importante per i grandi squali bianchi

Miami: una vergognosa attività in Florida

Nel mondo occidentale ci stupiamo della facilità con cui in oriente sterminano gli squali, ma qui siamo a Miami e questo psicopatico ha fatto show businness con la pesca (e uccisione) degli squali.

Ancora sulle tracce di umanoidi acquatici

Non ci crediamo, ma ci crediamo. Non possiamo fare a meno di essere affascinati. Lo sapeva bene P.T. Barnum, che nel XIX secolo fondò uno dei più famosi circhi itineranti dell’America del nord. Negli anni ’40 di quel secolo, i cosiddetti "fenomeni da baraccone", la facevano da padrona. L’uomo più piccolo, i gemelli siamesi, il gigante, la sirena delle Fiji ecc...

Il Grande squalo bianco Carcharodon carcharias

Sotto vari sinonimi (come mangiatore di uomini e la morte bianca), lo squalo bianco e' stato a lungo oggetto dell'attenzione negativa dei media, a causa di alcuni attacchi mortali a umani, o diretti verso imbarcazioni. Come conseguenza di questa tipica tendenza umana all'esagerazione e allo status leggendario di grande pesce, la specie e' stata obiettivo di pesca sportiva e di caccia per procurars

Bahamas: Spedizione italiana del 2012 in cerca di squali.

L’avevo vista tante volte sul web ed ora che l’avevo davanti mi sembrava impossibile. E’ il 9 novembre, il giorno prima dell’imbarco per la spedizione con Jim Abernethy sui banchi delle isole Bahamas.

Interazioni con gli squali in Mediterraneo

Nonostante gli avvistamenti di cetorini e le catture di capopiatto sembra che gli incontri con grossi squali in Mediterraneo siano ormai un ricordo. Questo non può che significare una drastica diminuzione del loro numero.

I pescatori di squali di Lamalera

Lamalera è l ultimo villaggio della terra dove gli esseri umani cacciano ancora le balene, gli squali, le orche e i delfini con arpioni di bambù, un modo di pescare e vivere pericoloso e selvaggio

Attacchi di squalo nel Mar Mediterraneo

Sebbene la maggior parte delle interazioni riportate dal Mediterraneo si riferiscano alle coste Italiane, c'e' da rilevare la scarsità di notizie su molto di cio' che accade nelle coste del Mediterraneo del Sud (Nord Africa), magari per via dei pregiudizi dei media verso le Nazioni piu' occidentali della regione, dove gli attacchi generano un piu' grande interesse popolare.

Le code degli squali

La maggio parte degli squali possiedono una pinna caudale eterocerca la cui parte dorsale è di solito molto più grande di quella ventrale. Ciò è dovuto al fatto che la colonna vertebrale dello squalo si estende per l'appunto fino alla porzione dorsale, dando una maggiore area superficiale ai legamenti dei muscoli, in modo da fornire un metodo di locomozione molto efficiente e da compensare la catt

Ordine degli Hexanchiformi

Questo e' uno degli ordini piu' antichi, con la caratteristica piu' tipica di possedere 6 o 7 fessure branchiali. Questo e' considerato un carattere molto primitivo rispetto agli squali piu' moderni che ne possiedono soltanto 5. Comparati con gli appartenenti agli altri ordini, hanno solo una pinna dorsale. Sono distribuiti ampiamente nel mondo e vivono preferibilmente in acque profonde. La conosc

Ordine degli Orectolobiformi

Nel loro insieme, gli squali dell'ordine (per alcuni autori sottordine) Orectolobiformes (Applegate, 1806), sono a volte chiamati squali tappeto, in quanto molti di loro sono caratterizzati da segni sul corpo che ricordano le decorazioni dei tappeti. L'ordine include alcuni degli squali più diffusi: gli squali nutrice, gli squali ciechi ed infine gli squali balena. Gli orectolobiformi presentano

Ordine degli Squaliformi

Squaliformi è un ordine di squali che include 130 specie in sette famiglie. I membri dell'ordine hanno due pinne dorsali, che di solito possiedono spine, nessuna pinna anale o membrana nittitante, e cinque fessure branchiali. In molti altri aspetti, tuttavia, sono molto variabili per forma e dimensione. Si trovano in tutto il mondo, dalle acque polari a quelle tropicali, e dai mari costieri poco p

Diving di Cipro organizza caccia e uccisione di squali

Si tratta del A.A.K. Larnaca Napa Sea Cruises, autentici assasini di squali e di qualunque altra cosa nuoti, sebbene tenuti alla "cattura e rilascio" ... li rilasciano morti!

Il Megalodonte

Il megalodonte (Carcharodon megalodon o Carcharocles megalodon Louis Agassiz, 1843) è una specie estinta di squalo di notevoli dimensioni, noto per i grandi denti fossili, alcuni dei quali ritrovati anche in Sardegna. Il nome scientifico megalodon deriva dal greco e significa appunto "grande dente". I fossili di C. megalodon si trovano in sedimenti dall'Eocene al Pliocene(55 - 1,8 mln di annni fa)

Spiagge con più attacchi

Gli compaiono pià spesso nelle calde acque oceaniche, probabilmente attirati dalla grande abbondanza di pesce. Il primato assoluto di aggressioni all’uomo spetta alle spiagge di New Smyrna Beach, località della Florida che si trova nella contea di Volusia (nel nord est dello stato). Nel 2008 si sono verificate ben 38 attacchi, quindi sarebbe meglio non farci il bagno. larga da questi lidi.

I grigi dello Scoglio di Lampione

Il subacqueo e fotografo Roberto Merlo documentò sul mensile 'Mondo Sommerso' nell'agosto del 1964 la presenza degli squali grigi nelle acque dell'isolotto deserto del Canale di Sicilia, al largo di Lampedusa. Secondo Merlo, ad attirare questi pesci predatori - tuttora presenti a Lampione - sarebbe stata anche la pesca con il tritolo praticata allora dai pescatori lampedusani.

Le schede descrittive degli squali

Questa lista contiene i nomi scientifici degli squali che possiedono una descrizione su squali.com, sarà aggiornata man mano che verranno inserite nuove schede di specie di squalo.

Attachi di squalo a partire dall'8 marzo 2001

E' necessario distinguere tra attacchi provocati e non provocati. Si definisce attacco di squalo non provocato un incidente nel quale l'animale all'interno del suo habitat naturale attacchi un uomo ancora in vita senza essere stato in precedenza provocato.

Quadri con squali

Breve panoramica di quadri che hanno gli squali come soggetto


Link su squali - biologia - conservazione della natura

CSIRO - Agenzia scientifica australiana

Il Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation, è l'agenzia scientifica australiana e una delle più grandi e diversificate agenzie di ricerca del mondo.

Elasmo.com - Fossili di squalo del nord America

Il sito è in linea dal 1996 con l'obiettivo di migliorare la conoscenza degli squali fossili del Nord America. Sebbene alcune pagine più vecchie avrebbero bisogno di aggiornamento, resta un riferimento importante per gli appassionati.

Elasmodiver - Di Andy Murch

Andy Murch è un fotografo di squali freelance dello Shark Diver Magazine. Egli è anche il creatore di Elasmodiver.com che è una delle più grandi fonti di informazione su squali e razze su internet.

FAO - Pesca e Acquacultura

Agenzia delle Nazioni Unite per il cibo e l'agricoltura. Il Dipartimento Pesca e Acquacultura propone l'uso responsabile e sostenibile delle risorse ittiche, squali compresi.

FishBase - Database sui pesci in inglese

Contiene 32900 Specie, 303000 nomi comuni, 54800 immagini, 51400 Referimenti, aggiornato da 2150 collaboratori. Riceve 800.000 visite al mese. E' il punto di riferimento di Squali.com per la collocazione tassonomica degli squali.

IUCN - Sito ufficiale italiano

Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, aiuta il mondo a trovare soluzioni pragmatiche per le sfide ambientali e di sviluppo più urgenti

IUCN - Sito ufficiale mondiale

Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, aiuta il mondo a trovare soluzioni pragmatiche per le sfide ambientali e di sviluppo più urgenti

Pesci dell'Australia

Bel sito per informazioni sulla diversità biologica delle specie marine e d'acqua dolce dell'Australia

Shark diver magazine

ELI MARTINEZ è il fondatore della rivista e un eccezionale protagonista delle immersioni con gli squali. Il suo modo di interagire con loro ha contribuito a cambiare l'opinione che la gente ha di questi animali.

Shark-References, database del Bavarian State Collection of ...

Bibliografia scientifica sui squali, razze e chimere recenti e fossili (pesci cartilaginei, Chondrichthyes). La banca dati è online da Giugno 2009 con un archivio di dati di circa 1.000 citazioni scientifiche. Oggi detiene più di 19.000 fonti e pubblicazioni.

SharkAcademy: il sito di Riccardo Sturla Avogadri

Riccardo è il fondatore della Sharkacademy e una delle persone più appassionate e operative del settore. Credo abbia la più grande collezione al mondo sugli squali, dai reperti biologici ai denti fossili, dalle pubblicazioni alle riproduzioni di specie a grandezza naturale. Organizza viaggi e corsi con rilascio di brevetti, cura vari progetti di ricerca e non mancherà di sorprendervi.

ZOOTAXA : la grande rivista della tassonomia animale

Zootaxa è una rivista internazionale per una rapida pubblicazione di documenti di alta qualità su qualsiasi aspetto di zoologia sistematica, con una preferenza per le grandi opere tassonomiche quali monografie e revisioni. Contiene documenti su animali sia vivi che fossili, e considera tutti gli aspetti tassonomici, tra cui teorie e metodi di sistematica e filogenesi, monografie tassonomiche ...


   
© 1999-2017 Squali.com  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti