Desktop Area riservata

Torna alla Home Page





Un altro squalo bianco morto in Sudafrica, ma stavolta le orche non c'entrano

di Remo Sabatini

Un altro squalo bianco è stato trovato morto ieri mattina sulla spiaggia Dias di Mosselbaai, una cittadina a sud di George, in Sudafrica. È, questo, il quarto grande squalo bianco rinvenuto privo di vita lungo la costa sudafricana nelle ultime settimane. L'esemplare, una femmina di 3 metri e venti, contrariamente agli altri tre casi dei giorni scorsi, non presentava segni di attacco da parte di orche.

Tutto, fin dai primissimi rilevamenti avvenuti sul posto, ed effettuati dal dott Enrico Gennari di Oceans Research, aveva fatto propendere per un altro predatore di squali, ben più pericoloso: l'uomo. L'animale, infatti, come evidenziato dalle immagini scattate di Oceans Research, non presentava segni di traumi evidenti, se si escludono le due serie di ami che ancora pendevano dalla mascella. Niente orche, quindi. Qualcuno aveva tentato di pescarlo? "Lo squalo, spiega Gennari, e' stato probabilmente vittima di un tentativo di pesca da parte di qualcuno.

L'episodio è grave. Lo squalo bianco è una specie protetta". Iniziate le analisi di rito presso la sede di Oceans Research, i dati sembrano confermare quanto anticipato. "L'animale, prima del tentativo di cattura, illustra il dott Gennari, era in ottime condizioni. Le analisi che misurano lo stress e il fatto che nel suo stomaco ci fosse un leone marino tagliato in tre parti, sono a dimostrarlo. Gli ami, prosegue, erano due, uno conficcato nella mascella, l'altro nello stomaco". Durante la notte, gli squali bianchi sono molto attivi.

L'isola delle foche, popolata da migliaia di leoni marini, mammiferi di cui sono ghiotti, è proprio di fronte, a poche centinaia di metri dal punto del ritrovamento. "Credo che sia andata così, conclude Gennari, qualcuno, chissà per quale motivo, ha preso all'amo lo squalo durante la notte. La lotta per la sopravvivenza che lo squalo ha ingaggiato è stata talmente dura da farlo soccombere.

Quella di oggi è, senza dubbio, una grave perdita". In Sudafrica, lo squalo bianco è protetto dal 1991. Pena prevista per i bracconieri di questa specie, 5 anni di galera. Leon Bekker fu il primo "cacciatore di squali bianchi" ad essere processato per questo reato. Colto sul fatto, proprio dal team di Oceans Research, fu condannato a 12 mesi di prigione. Era il febbraio del 2013.

Martedì 23 Maggio 2017, 16:42 - Ultimo aggiornamento: 23-05-2017 16:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA

... continua a leggere

Ultime notizie

 25-05-2017 Leggi la notizia 

Un altro squalo bianco morto in Sudafrica, ma stavolta le orche non c'entrano

di Remo Sabatini

Un altro squalo bianco è stato trovato morto ieri mattina sulla spiaggia Dias di Mosselbaai, una cittadina a sud di George, in Sudafrica. È, questo, il quarto grande squalo bianco rinvenuto privo di vita lungo la costa sudafricana nelle ultime settimane. L'esemplare, una femmina di 3 metri e venti, contrariamente agli altri tre casi dei giorni scorsi, non presentava segni di  [...]



 19-05-2017 Leggi la notizia 

Uss Indianapolis: il ragazzino che gli ha ridato l'onore

«Non ho ancora visto il film con Nicolas Cage» dice Hunter Scott, ufficiale e pilota di elicotteri dell'Us Navy di stanza in Giappone. Hunter rappresenta il seguito della terribile ordalia dell'Uss Indianapolis, una storia ancora da raccontare.

È il 29 luglio 1945. L’incrociatore pesante Indianapolis dell'Us Navy sta navigando nel Mare delle Filippine, di ritorno da Tinian, dove ha consegn [...]



 18-05-2017 Leggi la notizia 

Verdesca spiaggiata a Santa Margherita di Pula, Sardegna

È stato trovato la mattina presto del 17 maggio da alcuni bagnanti che passeggiavano sulla spiaggia di Santa Margherita di Pula: si tratta di un esemplare di verdesca (o squalo azzurro) di circa due metri.

L'animale era sulla battigia oramai privo di vita. Il ritrovamento è avvenuto all'altezza della spiaggia dell'Abamar. Subito è stata allertata la Capitaneria di porto di Sarroch. [...]



 18-05-2017 Leggi la notizia 

Attacco ad Amalfi a Ida Wurm, una storia di squali vecchia di 66 anni

Era il mese di Settembre del 1951 quando Amalfi fu scossa dalla terribile notizia di una turista letteralmente scomparsa in seguito all'attacco di uno squalo, che di lei non aveva lasciato nulla, né vestiti, né brandelli di corpo, né scie di sangue, né ossa. L'aveva ingoiata tutta intera? Scopriamo oggi la verità su quella misteriosa vicenda.

La turista in questione si chiamava Anna Wurm e [...]



 16-05-2017 Leggi la notizia 

Verdesca partorisce sulla spiaggia a Villapiana (Cosenza)

Scene più uniche che rare sulla spiaggia di Villapiana Lido, nel cosentino, dove una femmina di verdesca ha partorito circa quaranta piccoli. L'esemplare, già segnalato da qualche giorno nelle vicinanze della costa, si è arenato sulla spiaggia stremato e ha cominciato a partorire, assistita dai veterinari dell'Asp di Trebisacce Bruno Romanelli, Giulio Elmo, Cataldo Labonia e Graziella Pugliese. [...]



 12-05-2017 Leggi la notizia 

Boicottate i ristoranti di Jimmy John Liautaud, la catena Jimmy John

Sarebbe Jimmy John Liautaud, celebre cacciatore famoso per mostrarsi accanto agli animali appena uccisi, l’uomo che dopo aver catturato uno squalo si è messo in posa sopra di esso completamente nudo. Tuttavia, il bracconiere continua a negare l’accusa di essere lui quello immortalato nella foto, nonostante in tanti, in queste ore, notino la somiglianza e abbiano postato altri scatti che lo ri [...]



 10-05-2017 Leggi la notizia 

Capopiatto pescato e rilasciato in Irlanda

E' lo squalo più grande pescato finora in Europa con la canna da pesca. Vengono riportati 7,5 metri per 680 chili. La lunghezza è esagerata, questa specie arriva forse a 5 metri.

E' stato catturato al largo dell'Irlanda da un pescatore britannico di 26 anni di nome Ben Bond, che racconta di aver combattuto per un'ora e mezza prima di riuscire ad avvicinarlo alla barca. Lo squalo è stato poi  [...]



 09-05-2017 Leggi la notizia 

Sudafrica, orche uccidono un altro squalo bianco

Domenica 7 Maggio 2017, 14:56

di Remo Sabatini

È una vera e propria strage, quella che si sta consumando ai danni degli squali bianchi nelle acque sudafricane, ad opera delle orche. È, infatti, di poche ore fa la notizia di un nuovo macabro ritrovamento. Un altro grande squalo bianco lungo circa quattro metri, è stato rinvenuto sulla spiaggia di Struisbaai, pochi chilometri ad est di L'Ag [...]



 08-05-2017 Leggi la notizia 

Attacco in Florida a Molly Cavalli (probabile montatura)

Molly Cavalli era impegnata in un servizio fotografico nell'acqua dell'oceano ed è stata morsa al piede da uno squalo. La protagonista di questa disavventura nel mare della Florida è una pornostar e lavorava per la CamSoda's, azienda che realizza servizi hard, con cui la donna stava preparando un video per YouTube.

Molly si si tuffa con un costume bianco da un'imbarcazione in alto mare e vien [...]



 07-05-2017 Leggi la notizia 

Sudafrica: orche attaccano e uccidono due squali bianchi

Due grandi squali bianchi sono stati attaccati e uccisi da una o più orche in Sudafrica. Questo è il risultato più plausibile dato dalle autopsie sugli animali ancora in corso. L'eccezionale episodio è avvenuto a Kleinbaai, 160 km ad est di Città del Capo.

Erano le 7 del mattino quando lungo la spiaggia di Franskraal era rinvenuto uno squalo bianco di 5 metri con ferite sotto le pinne pett [...]


Selezione di articoli

Lo squalo del Borneo, dichiarato estinto e riscoperto nel 20 ...

Fino a poco tempo fa erano noti solamente cinque esemplari di squalo del Borneo, tutti quanti catturati prima del 1937. Studi successivi sul campo non riscontrarono alcuna presenza della specie nelle acque del Borneo e quindi venne dichiarata estinta, ma nel 2007 i ricercatori dell'Universiti Malaysia Sabah ne riscoprirono alcuni esemplari nelle pescherie del Sabah e del Sarawak.

Il Bull shark Carcharhinus leucas

Il nome "bullshark", utilizzato esclusivamente nei Paesi di lingua anglosassone, deriva dalla forma tozza di questa specie, dal muso corto e appiattito e dal suo comportamento imprevedibile e aggressivo. In India questo squalo viene spesso confuso con lo «squalo del Gange» o dei «Sundarbans». In Africa viene chiamato comunemente «squalo dello Zambesi» o semplicemente «zambi».

Lo Squalo dal collare Chlamydoselachus anguineus

Questo squalo, o un presunto parente gigante, è stato indicato come fonte di notizie sui serpenti marini. Lo squalo dal collare fu scientificamente riconosciuto dall'ittiologo tedesco Ludwig Doderlein, che visitò il Giappone tra il 1879 e il 1881 e portò due esemplari a Vienna. Tuttavia, il suo manoscritto che descrive la specie è stato perso, e così la prima descrizione dello squalo dal collare f

Gli squali di Damien Hirst

Hirst domina la scena artistica britannica durante gli anni novanta, portandola alla ribalta internazionale. La sua veloce ascesa in quel periodo è strettamente legata alla vicinanza e promozione da parte del collezionista e pubblicitario anglo-iracheno Charles Saatchi, anche se le continue frizioni tra i due portarono nel 2003 alla fine della proficua collaborazione.

Cattura di un grande squalo bianco nel 1956 al Circeo

Era un venerdì sera del settembre 1956. Avevo finito da poco di lavorare e m'ero precipitato in macchina al Circeo perché il mio amico Marcello Sarra m'aveva indicato un pescatore, Felice, il quale conosceva un buon punto della secca del Faro, un miglio e mezzo fuori del Circeo.

I grigi dello Scoglio di Lampione

Il subacqueo e fotografo Roberto Merlo documentò sul mensile 'Mondo Sommerso' nell'agosto del 1964 la presenza degli squali grigi nelle acque dell'isolotto deserto del Canale di Sicilia, al largo di Lampedusa. Secondo Merlo, ad attirare questi pesci predatori - tuttora presenti a Lampione - sarebbe stata anche la pesca con il tritolo praticata allora dai pescatori lampedusani.

I denti degli squali

I denti di squalo sono reliquie dell’evoluzione e della biologia degli squali, e siccome sono spesso le uniche parti dello squalo che sopravvivono alla fossilizzazione, rappresentano gran parte dei fossili ritrovati

Le code degli squali

La maggio parte degli squali possiedono una pinna caudale eterocerca la cui parte dorsale è di solito molto più grande di quella ventrale. Ciò è dovuto al fatto che la colonna vertebrale dello squalo si estende per l'appunto fino alla porzione dorsale, dando una maggiore area superficiale ai legamenti dei muscoli, in modo da fornire un metodo di locomozione molto efficiente e da compensare la catt

Ocean Ramsey a Isla Guadalupe nell'Ottobre 2013

Resoconto di Ocean appena tornata dall'Isola di Guadalupe. Guadalupe è un posto speciale e estremamente importante per i grandi squali bianchi

Maurizio Sarra, ucciso da uno squalo nel 1962

Non è stato possibile stabilire, né allora né in seguito, l'esatta meccanica dell'attacco né tantomeno conoscere la specie di squalo responsabile della morte di Sarra.

Criminali a caccia di squali in Messico

Si chiama Humberto Anduze Trujillo e si definisce "un buen pescador, trabajador y honesto" ma non ci vuole molto a definirlo criminale. Le foto che seguono sono state prese dal suo profilo Facebook.

FAQ sugli squali del Mediterraneo

Quante specie di squali vivono nel Mar Mediterraneo ? Qual'e' lo squalo piu' grande del Mediterraneo ? ... Queste e altre le domande che più frequentemente vengono poste sugli squali del Mar Mediterraneo.

Il Grande squalo bianco Carcharodon carcharias

Sotto vari sinonimi (come mangiatore di uomini e la morte bianca), lo squalo bianco e' stato a lungo oggetto dell'attenzione negativa dei media, a causa di alcuni attacchi mortali a umani, o diretti verso imbarcazioni. Come conseguenza di questa tipica tendenza umana all'esagerazione e allo status leggendario di grande pesce, la specie e' stata obiettivo di pesca sportiva e di caccia per procurars

Lo Squalo megamouth Megachasma pelagios

Era 15 Novembre del 1976, la nave oceanografica del Naval Ocean System Center (Nocs) americano, aveva messo in mare due grosse ancore gallegianti, 26 miglia al largo dell'isola di Oahu, Hawaii. Poco dopo l'equipaggio si accorse che qualcosa si era impigliato in una cima: era sicuramente un animale, e anche molto grosso, perche' recuperarlo con il winch si rivelo' un'impresa tuttaltro che facile. A

Famiglia Megachasmidae

Unico rappresentante della famiglia Megachasmidae è lo squalo bocca grande (Megachasma pelagios Taylor, Compagno & Struhsaker, 1983), un pesce cartiliagineo dell'ordine dei Lamniformi. Può raggiungere i 5 metri di lunghezza e la tonnellata di massa corporea. E' chiamato squalo bocca grande a in base alla traduzione dall'inglese megamouth shark.

Squali oceanici nel triangolo d'oro del Mar Rosso

Tanto si é detto delle Isole Brothers', "El Akhawain" in lingua araba, "i fratelli" in italiano. Tanto si é parlato di Daedalus Reef, "Abu Kizan" in lingua araba.

Le sirene: uccisione di squali bianchi con lance rudimentali

Da Discovery channel una serie infinita di domande. Le punte di lancia conficcate nella carne di squali bianchi appartengono a una razza di umanoidi acquatici che ne sono prede?

Reportage da Coco Island, la Galapagos costaricana

L’isola, detta anche la Galapagos costaricana, per la sua dimensione, isolamento e stato di conservazione, costituisce uno dei siti naturali privilegiati a livello mondiale.

Le schede descrittive degli squali

Questa lista contiene i nomi scientifici degli squali che possiedono una descrizione su squali.com, sarà aggiornata man mano che verranno inserite nuove schede di specie di squalo.

Il Megalodonte

Il megalodonte (Carcharodon megalodon o Carcharocles megalodon Louis Agassiz, 1843) è una specie estinta di squalo di notevoli dimensioni, noto per i grandi denti fossili, alcuni dei quali ritrovati anche in Sardegna. Il nome scientifico megalodon deriva dal greco e significa appunto "grande dente". I fossili di C. megalodon si trovano in sedimenti dall'Eocene al Pliocene(55 - 1,8 mln di annni fa)


Link su squali - biologia - conservazione della natura

CSIRO - Agenzia scientifica australiana

Il Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation, è l'agenzia scientifica australiana e una delle più grandi e diversificate agenzie di ricerca del mondo.

Elasmo.com - Fossili di squalo del nord America

Il sito è in linea dal 1996 con l'obiettivo di migliorare la conoscenza degli squali fossili del Nord America. Sebbene alcune pagine più vecchie avrebbero bisogno di aggiornamento, resta un riferimento importante per gli appassionati.

Elasmodiver - Di Andy Murch

Andy Murch è un fotografo di squali freelance dello Shark Diver Magazine. Egli è anche il creatore di Elasmodiver.com che è una delle più grandi fonti di informazione su squali e razze su internet.

FAO - Pesca e Acquacultura

Agenzia delle Nazioni Unite per il cibo e l'agricoltura. Il Dipartimento Pesca e Acquacultura propone l'uso responsabile e sostenibile delle risorse ittiche, squali compresi.

FishBase - Database sui pesci in inglese

Contiene 32900 Specie, 303000 nomi comuni, 54800 immagini, 51400 Referimenti, aggiornato da 2150 collaboratori. Riceve 800.000 visite al mese. E' il punto di riferimento di Squali.com per la collocazione tassonomica degli squali.

IUCN - Sito ufficiale italiano

Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, aiuta il mondo a trovare soluzioni pragmatiche per le sfide ambientali e di sviluppo più urgenti

IUCN - Sito ufficiale mondiale

Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, aiuta il mondo a trovare soluzioni pragmatiche per le sfide ambientali e di sviluppo più urgenti

Pesci dell'Australia

Bel sito per informazioni sulla diversità biologica delle specie marine e d'acqua dolce dell'Australia

Shark diver magazine

ELI MARTINEZ è il fondatore della rivista e un eccezionale protagonista delle immersioni con gli squali. Il suo modo di interagire con loro ha contribuito a cambiare l'opinione che la gente ha di questi animali.

Shark-References, database del Bavarian State Collection of ...

Bibliografia scientifica sui squali, razze e chimere recenti e fossili (pesci cartilaginei, Chondrichthyes). La banca dati è online da Giugno 2009 con un archivio di dati di circa 1.000 citazioni scientifiche. Oggi detiene più di 19.000 fonti e pubblicazioni.

SharkAcademy: il sito di Riccardo Sturla Avogadri

Riccardo è il fondatore della Sharkacademy e una delle persone più appassionate e operative del settore. Credo abbia la più grande collezione al mondo sugli squali, dai reperti biologici ai denti fossili, dalle pubblicazioni alle riproduzioni di specie a grandezza naturale. Organizza viaggi e corsi con rilascio di brevetti, cura vari progetti di ricerca e non mancherà di sorprendervi.

ZOOTAXA : la grande rivista della tassonomia animale

Zootaxa è una rivista internazionale per una rapida pubblicazione di documenti di alta qualità su qualsiasi aspetto di zoologia sistematica, con una preferenza per le grandi opere tassonomiche quali monografie e revisioni. Contiene documenti su animali sia vivi che fossili, e considera tutti gli aspetti tassonomici, tra cui teorie e metodi di sistematica e filogenesi, monografie tassonomiche ...

   
© 1999-2016 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti