Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


05-07-2014 - I vendettariani si vendicano sui carnivori, squali compresi, mangiandoli

Ovviamente non è vero, ma un interessante articolo di Gianni Zoccheddu su Lercio.it disegna uno scenario che, visto gli squilibrati che bazzicano i social network, potrebbe improvvisamente bucare gli schermi dei nostri pc, tablet, smartphone e sconvolgere le aspettative di animalisti, protezionisti, e via dicendo, in particolare quelli che da anni si battono per la salvaguardia degli squali. Nel frattempo facciamoci due risate, leggetevi l'articolo e incrociate le dita. ...a proposito notate che il leader italiano del movimento si chiamerebbe Rocco Squartafiere ...

di Gianni Zoccheddu da Lercio.it

Da tempo internet e i social network sono diventati le piazze virtuali dove persone da tutto il mondo possono incontrarsi, condividere idee e creare tendenze. Ed è proprio su Fb che è nato un nuovo movimento dalle ferree pratiche alimentari: il Vendettarianesimo.
Il suo fondatore, lo statunitense Joseph Hoes, è un noto pranoterapeuta per giraffe che lavora nel Central Park Zoo di New York, ma in appena 2 mesi ha già ricevuto centinaia di migliaia di adesioni da tutto il mondo, Italia inclusa.

I seguaci di questa filosofia rivendicano il diritto di cibarsi di carne, ma solo di animali che se lo meritano veramente. Niente creature che si nutrono di vegetali, dunque. Nessuna violenza contro poveri coniglietti ghiotti di carote e verdure, nessuna su ovini, bovini, pesci erbivori e unicorni che, come tutti sanno, si nutrono di sogni.
Ci sono bestie feroci, però, che secondo il gruppo meritano lo stesso trattamento riservato alle loro vittime. Si tratta ad esempio degli squali, che non fanno nessuna distinzione tra erbivori e carnivori, come dimostra anche l’ultimo caso alle Hawai dove, poche settimane fa, un pescecane ha aggredito un surfista vegano.

I vendettariani possono, anzi hanno il dovere di mangiare predatori senza pietà come ghepardi, coccodrilli e avvocati, ma anche pipistrelli, rane e iguana (non sono forse animali gli insetti?). Anche sui derivati si applicano le stesse regole: sono ammesse uova di falco, ma non di gallina, latte e formaggi di iene, furetti e orche, ma non di mucche e capre.
Più complessa è la situazione riguardo ai vegetali. In linea teorica sono totalmente banditi, ma gli adepti del vendettarianesimo potranno integrare la loro dieta iperproteica con delle fresche e gustose insalate di piante carnivore.

Il leader italiano del movimento, Rocco Squartafiere, tiene a precisare che non si tratta della solita setta di invasati, come si legge nel suo blog La Bistecchiera Giusta: “Pensiamo che se proprio dobbiamo uccidere altre creature per vivere, allora è meglio prendersela con quelle che compiono a loro volta crudeltà, ma non intendiamo imporre il nostro credo a nessuno. Noi non siamo come certi estremisti”. Gli estremisti a cui si riferisce Squartafiere sono i Rappresagliani, un piccolo gruppo scissionista che si nutre di carnivori esclusivamente adulti, considerando i cuccioli non ancora svezzati creature innocenti, che possono ancora trovare la retta via, ma includendo tra gli adulti anche gli esseri umani.
Sia come sia, il boom di queste nuove tendenze potrebbe avere notevoli risvolti economici: McDonald’s si sta preparando per il lancio del McTiger, mentre in Italia Flavio Briatore, col suo proverbiale fiuto per gli affari, ha già annunciato la vendita di pacchetti vacanze tutto incluso in Kenya, nel suo Billionaire Resort Malindi, dove gli ospiti potranno prendere parte a sanguinosi safari, ammazzando e nutrendosi di leoni, rapaci e sciacalli come lo stesso Briatore.


http://www.lercio.it/nasce-il-gruppo-dei-vendettariani-mangiamo-solo-carnivori-malvagi-come-squali-e-ghepardi/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campa


   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti