Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


10-07-2014 - Film: Cruel jaws (1995) di Bruno Mattei

Cruel Jaws, noto anche come The Beast e Jaws 5: Cruel Jaws, è un mockbuster del 1995, basato sul classico del 1975, Jaws e sui suoi sequel. Il film è interpretato da Richard Dew ed è stato diretto dal famoso regista italiano Bruno Mattei (sotto il nome di William Snyder). Il film utilizza filmati tratti dalla serie Jaws, Deep Blood e The Last Shark. Mentre viene venduto in molte zone come Jaws 5: Cruel Jaws, non fa effettivamente parte del franchise Jaws. La città costiera di Hampton Bay è minacciata da uno squalo tigre che comincia a divorare i suoi vacanzieri.

Giorni prima della celebrazione annuale della regata, i cittadini si trovano ad affrontare una rovina finanziaria se qualcosa non sarà fatto per il loro nuovo problema squalo. Se questo non fosse abbastanza, i proprietari del parco di divertimenti locale sono stati oggetto di una presa di potere ostile da parte di un potenziale uomo d'affari cercando di sfruttare la loro preziosa proprietà. Spetta allo sceriffo, al proprietario del parco e a un esperto di squali per inseguire e distruggere il pesce prima che l'economia estiva si riduca e il parco sia demolito.

Mattei durante il montaggio del film aggiunse scene senza autorizzazione da film e documentari, dato che il ristretto bilancio non permetteva le riprese di squali veri. Le scene sono state estrapolate dagli americani Jaws e Jaws 2 e dagli italiani L'ultimo squalo di Enzo G. Castellari e Deep Blood - Sangue negli abissi di Joe D'Amato e da alcuni documentari. A causa di ciò lo squalo appare in diverse forme e dimensioni per via dei riporti documentaristici, infatti viene descritto come squalo tigre, mentre quello mostrato nei vari video è uno squalo bianco; quasi tutte le scene d'azione invece vennero prese dal film di Castellari tanto che a volte è anche considerato un vero e proprio remake dello stesso film, che include anche la clip della scena dell'elicottero che vola sopra lo squalo. Oltre al plagio delle scene, la colonna sonora è una versione sintetizzata della colonna sonora del film Guerre Stellari.

Il film in Italia non è stato censurato, mentre in Germania ne esistono due versioni, quella tagliata vietata ai minori di 12 anni, e quella originale, vietata ai minori di 16 anni. In Grecia invece è stato vietato ai minori di 13 anni. Come tanti altri film del regista Bruno Mattei, anche Cruel Jaws è diventato un cult, per la trama, per il continuo uso di stock footage e per il riciclaggio delle musiche, ed è riuscito a diventare un “Così brutto che è così buono”. Cruel Jaws non è stato recensito dai dizionari cinematografici o dalle testate giornalistiche più importanti, ma dai siti che trattano il genere dei B-movie, accogliendolo in maniera negativa. Il sito “Alexvisani.com” evidenzia il fatto che il film è un sequel abusivo del film di Castellari e termina la recensione dicendo, «L'unico commento che posso esprimere su questa "immondizia" è che trovo semplicemente vergognoso che qualcuno abbia potuto spendere del denaro per produrlo». “Horrormovie.it” ha assegnato al film la votazione più bassa e ha criticato la sceneggiatura, gli effetti speciali, la recitazione e la regia. Originariamente Cruel Jaws doveva esser trasmesso in televisione, ma a causa della scarsa qualità, diventò un Direct-to-video. Il film è stato distribuito in versione VHS in tutto il mondo, eccetto per i paesi orientali ed il Giappone, dove è stato distribuito come bootleg con i titoli Jaws '96 e Jaws 5 - Cruel Jaws.

La versione chiamata Jaws 5 - Cruel Jaws è la più conosciuta a causa del suo nome, che presenta il film come sequel di Jaws: The Revenge, anche se la serie di film della Universal non ha niente a che vedere con il film diretto da Mattei. Il Italia in film è stato reso disponibile in versione DVD dal 21 maggio 2009, quando la Stormovie ha deciso di editare tre film di Mattei ovvero Cruel Jaws, Rats - Notte di terrore e Virus - L'inferno dei morti viventi. Il DVD è una versione widescreen anamorfica con le opzioni in lingua inglese e italiana e con un'intervista extra di Mattei.


   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti