Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


10-07-2014 - Film: Shark Tale (2004) di Eric Bergeron - Vicky Jenson - Rob Letterman

Shark Tale è un film d’animazione del 2004 prodotto dalla DreamWorks Animation. Nella storia, un pesce di nome Oscar (doppiato da Will Smith) dichiara falsamente di aver ucciso il figlio del boss di squali mafiosi per ottenere favori con i nemici del boss mafioso e far progredire la sua posizione nella propria comunità. Il film presenta inoltre le voci di Jack Black che doppia Lenny, Renée Zellweger è Angie, Angelina Jolie è Lola, Martin Scorsese è Sykes e Robert De Niro è Don Lino. Il suo titolo originale doveva essere Sharkslayer, ma i produttori pensavano che questo poteva provocare un certo grado d’incomprensione tra il pubblico destinatario, i bambini e le famiglie.

Shark Tale è anche uno dei primi tre lungometraggi a essere trasformato in un videogioco per Game Boy Advance. Uscì nelle sale il 1 ° ottobre 2004. Anche se il film non fu un successo di critica, è stato nominato per un Academy Award per il Miglior Film Animato ed è stato anche un successo commerciale, incassando $367,275,019 in tutto il mondo. La storia inizia con un bizzarro e simpatico pesce che lavora in un “autolavaggio di balene” di nome Oscar (Will Smith), che sogna di essere ricco e famoso, mentre fa il suo lavoro, seguendo le orme di suo padre al Whale Wash. Poco dopo il suo arrivo viene chiamato nell’ufficio del suo capo, un pesce palla di nome Sykes (Martin Scorsese), per discutere il fatto che egli deve “5000 vongole” e deve pagare entro il giorno dopo. Dopo aver spiegato questo alla sua migliore amica Angie che è un pesce angelo (Renée Zellweger), lei gli offre la possibilità di restituire i soldi dandogli in pegno una perla rosa che era un regalo di sua nonna. Oscar porta i soldi all’ippodromo per incontrare Sykes, ma diventa distratto dai suoi desideri di grandezza e punta tutti i soldi sul nome di “Lucky Day”.

Tale scommessa viene notato da un bellissimo pesce leone di nome Lola (Angelina Jolie), che seduce in maniera esplicita un eccitato Oscar, ma questo è molto deluso quando lei lo lascia una volta che Sykes le dice che è un lavatore di balene. Sykes è furioso quando Oscar scommette il denaro ma accetta comunque di vedere come la gara finisce. Poco prima che il loro “cavallo”, “Lucky Day”, taglia il traguardo inciampa e cade sulla linea. La gara è persa e Oscar viene punito in una zona appartata per la sua impulsività. Nel frattempo, dall’altro lato dell’oceano, una famiglia di grandi squali bianchi inclini al crimine ha un problema con uno dei loro figli, Lenny (Jack Black) (che è un vegetariano).

Lenny si rifiuta di recitare la parte di un killer e non desidera vivere fino a quelle aspettative. Infine il padre, Don Lino (Robert De Niro), perde la pazienza e ordina al più selvaggio fratello maggiore di Lenny, Frankie (Michael Imperioli) di insegnargli i trucchi del mestiere. Mentre i due squali partono secondo i desideri del padre, Frankie vede la scena in cui Oscar viene fulminato da Ernie e Bernie (Doug E. Doug e Ziggy Marley), due giamaicane meduse teppisti di Sykes della specie Physalia Physalis, e manda Lenny all’attacco. Le meduse vedo Lenny e nuotano via, lasciando Oscar solo con lui. Lenny libera Oscar ma non riesce a ingannare Frankie, che si arrabbia e carica Oscar quando un ancora cade e lo uccide. Lenny scappa, sopraffatto dal dolore e dal senso di colpa. Dato che nessuno ha visto il fatto e Oscar è stato visto vicino al corpo, tutti pensano che sia stato lui, e Oscar coglie quest’occasione per riscattarsi e per ricevere la sua fama. Oscar torna in città con il nuovo titolo di Scanna squali. Sykes diventa il suo manager, Lola diventa la sua fidanzata, e Oscar si trasferisce nella “parte superiore della scogliera” per vivere nel lusso. Allo stesso tempo, Don Lino manda tutti a cercare Lenny, e quando si avvicinano alla città di Oscar, gli altri pesci li aspettano a cacciarli via.

Sulla strada incontra ancora una volta Lenny che costringe Oscar a rimanere con lui perché lui non vuole andare a casa. Angie presto scopre la bugia e minaccia di dirlo a tutti, ma Oscar e Lenny la convincono a tacere. Anche se Oscar vuole piacere a tutti, scopre ben presto che non piace a nessuno; la sua amante Angie ha il cuore a pezzi perché Oscar non è più onesto, mentre la sua edonistica rivale Lola ricorda ripetutamente a Oscar che è sua solo perché famoso. Con Don Lino che pianifica vendetta, Oscar e Lenny organizzano un evento in cui Lenny finge di terrorizzare la città e Oscar deve sconfiggerlo, gettandolo nelle profondità dell'oceano. Anche se questo cementi ulteriormente Oscar come Scanna squali, fa arrabbiare molto Don Lino. Oscar lascia Lola dopo che Angie rivela che era innamorata di Oscar, anche prima di diventare famoso, ma questo lascia Lola decisa a vendicarsi. Oscar acquista alcuni regali per San Valentino per Angie, ma prima che possa offrirli a lei, scopre che Don Lino ha rapito Angie al fine di imporre un incontro a tavola. Lenny arriva, travestito da delfino col nome di Sebastian. Arrivano alla riunione e trovano Lola accanto a Don Lino, mentre Angie è legata e imbavagliata con del nastro adesivo e presentata a Don Lino su un piatto che si prepara a mangiarla, se Oscar non obbedisce. Oscar ride e Lenny come “Sebastian” scatta in avanti per raccogliere Angie in bocca, liberandola da Don Lino e dando a Oscar il predominio sugli squali.

Tuttavia, egli trascorre troppo tempo a minacciare gli squali e non si rende conto di quanto dolore vi è in Lenny, e Angie viene rigurgitata sul tavolo. Don Lino si rende conto che è Lenny e comincia a inseguire Oscar attraverso la barriera, ma Oscar si dirige verso il lavaggio balene e finisce per intrappolare entrambi gli squali. Dato un’ovazione da parte degli altri pesci, Oscar confessa che lui non è uno “Scanna squali” e che è stata un'ancora a uccidere Frankie. Poi esorta fortemente Don Lino a non pregiudicare prematuramente le persone prima di conoscerle bene e di non fare l'errore che ha fatto nel pregiudicare la sua ricchezza, così Don Lino e Lenny si riconciliano. Oscar abbandona tutte le ricchezze che ha acquisito, fa pace con gli squali, diventa responsabile della direzione del Whale Wash (ora frequentato da squali), e inizia a uscire con Angie e inizia ad avere una vita felice e onesta. Nei titoli di post-scena Lola vede Oscar in cima alla barriera, ma capisce che è Crazy Joe un paguro. Molte organizzazioni italo-americane hanno protestato contro Shark Tale per il perpetuare dei negativi stereotipi italo-americani.

Molti gruppi ritengono che un film così potrebbe promuovere idee negative sugli italo-americani tra i telespettatori più giovani cui il film si rivolge. Anche se è stata fatta molto protesta, solo alcuni aspetti del film con caratteristiche stereotipate sono stati rimossi al momento dell’uscita. Gruppi Gay hanno notato che lo squalo “vegetariano” Lenny come una possibile metafora per rivelare la proprio omosessualità, e persino ipotizzare che il personaggio di Lenny potrebbe essere un rappresentante di un uomo gay. Degno di nota in questa discussione è il fatto che il rifiuto di “mangiare carne” potrebbe essere interpretato come un rifiuto della mascolinità. Un breve passaggio di Walter, un capodoglio doppiato da Anthony Anderson, innesca qualche commento suggestivo in materia di “capodogli”, anche se non è detto a titolo categorico. Lenny esprime anche la sua paura di dire a suo padre di essere “vegetariano” e come il suo orientamento potrebbe non essere accettato. Questo è una metafora del fattore stereotipato di un rapporto tra un padre conservatore e un figlio omosessuale.

L'American Family Association, un'organizzazione cristiana conservatrice, ha sollevato preoccupazioni circa il film, suggerendo che esso è stato concepito per promuovere l'accettazione dei diritti dei gay da parte dei bambini. Roger Ebert ha detto che il film non ha senso come film per bambini, “Poiché il pubblico di riferimento di Shark Tale sono i bambini e i giovani adolescenti, quanti di loro hanno visto “The Godfather” e ci hanno scherzato? Non pochi, suppongo, e alcuni dei suoi personaggi e il dialogo sono passati nella conoscenza comune. Ma è strano che un film rivolto ai bambini sarebbe basato sulla parodia di un film gangster del 1972 per adulti”. Egli osserva inoltre che gli spettatori più giovani avrebbero difficoltà a godersi un film su personaggi adulti con problemi di adulti (elaborati triangoli amorosi e un personaggio principale che vuole saldare il suo debito con gli squali) e lo paragona a film d’animazione incentrati sui pesci con più successo The Little Mermaid, Finding Nemo e The SpongeBob SquarePants Movie, i quali presentano una trama semplice che chiunque può identificarsi, e richiama l'umorismo dallo stile di vita dei pesci, invece che trasferire etnici stereotipi nei pesci come fa Shark Tale. Ci sono vari riferimenti alla cultura popolare in tutto il film.

Alcuni di essi sono: all'inizio del film si vede una scatola di “Kremes Kelpy”, una versione sottomarina di Krispy Kreme; la signora Sanchez sta leggendo un giornale un annuncio per un film intitolato “The Hook”, il poster è lo stesso manifesto del film horror del 2002 The Ring, ma invece di una forma ad anello, vi è una forma ad uncino, lo slogan recita: “Prima di morire, mangia”, piuttosto che “prima di morire, vedi”; nel covo di Don Lino, (che risulta essere il relitto del Titanic) si vede sul muro il disegno di Rose DeWitt Bukater di Jack Dawson dal film del 1997 Titanic, anche se leggermente modificato per adattarsi al rating PG del film; Sykes urta anche questa foto durante l'incontro con Don Lino; in una delle scene finali del film, si vedono Ernie e Bernie che giocano al video game di Shark Tale; A un certo punto, Frankie inizia a cantare il motivo dello squalo di Jaws. Si può vedere nel film un poster del film campione d'incassi del 1975; gli animatori hanno creato i personaggi in modo tale che fossero le caricature dei loro doppiatori originali; la colonna sonora del film è Car Wash della cantante Christina Aguilera; All'inizio del film si può sentire la musica di Jaws.


   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti