Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


25-01-2015 - Eugenie Clark, la scienziata e subacquea che iniziò a studiare gli squali in immersione

Eugenie Clark, nota anche come Lady Shark, è un ittiologa americana famosa per la sua ricerca sui pesci velenosi dei mari tropicali e sul comportamento degli squali, ed è considerata il pioniere delle immersioni subacquee a fini di ricerca scientifica.

Vita e formazione

Eugenie Clark è nata e cresciuta a New York City, sua madre, Yumico, era di origine giapponese, suo padre, Charles Clark, era americano e morì quando lei non aveva ancora due anni. Yumico in seguito sposò il proprietario di un ristorante giapponese a New York, Masatomo Nobu. Quando aveva 9 anni, Clark rimase affascinata dai pesci del New York Aquarium (Battery Park Acquario) e cominciò a collezioare pesci, anfibi e rettili e in un piccolo appartamento di New York.

Ha conseguito il Bachelor of Arts presso l'Hunter College (1942), dove si è laureata in zoologia, il Master of Arts (1946) e il dottorato (1950) alla New York University, dove è si è interessata particolarmente ai pesci balestra e ai pesci lima. Dopo la laurea, Clark ha sposato un pilota di nome Jideo Umaki e Il loro matrimonio è durato sette anni.

Durante i suoi anni di studi universitari, ha svolto attività di ricerca presso l'Istituto di Oceanografia Scripps a La Jolla, presso il Museo Americano di Storia Naturale di New York, presso la Stazione di biologia marina di Woods Hole, nel Massachusetts, e presso il Laboratorio Lerner Marine Bimini. Il suo viaggio di ricerca più lungo in questo periodo, è iniziata nel 1949, quando si unì ad un programma promosso dall' Office of Naval Research per intraprendere attività di ricerca scientifica in Micronesia. Nel corso di un anno o giù di lì, ha svolto studi di popolazione di pesci a Guam, nonché nelle isole Marshall, isole Palau, la Marianne settentrionali, e le isole Caroline. Le sue ricerche e i suoi viaggi in Micronesia, sono stati oggetto del suo primo libro, Lady with a Spear(1951), la cui scrittura di cui è stata supportata dall'Eugenie Saxton Memorial Fellowship e dal Breadloaf Writers' Fellowship'. Il libro ha avuto un grande successo di pubblico, con numerose ristampe e tradottuzioni in diverse lingue.

Nel 1950, dopo aver ottenuto il dottorato, ha ricevuto una borsa di studio Fulbright per proseguire gli studi ittici presso la Stazione di biologia marina a Hurghada, nel nord del Mar Rosso egiziano, e durante il suo soggiorno ha sposato il secondo marito, Ilias Papakonstantinou, un medico greco, da cui ebbe quattro figli: Hera, Aya, Temistocle Alexander, e Nikolas Masatomo.

La vita accademica e scientifica

Eugenie Clark ha fondato e diretto (dal 1955 al 1967) l'ex Cape Haze Marine Laboratory, ora conosciuto come il Mote Marine Laboratory di Sarasota, in Florida. Nel 1968 è entrata all'Università del Maryland College Park, dove è attualmente (2015) professore emerito di zoologia. Anche se si è ritirata dall'insegnamento, detiene ancora il titolo di Senior Research Scientist. Ha tenuto conferenze in più di 60 college e università negli Stati Uniti, tenuto conferenze in 19 paesi stranieri e condotto programmi di formazione scientifica estivi sia a livello di scuola superiore e che universitaria.

Ha studiato comportamento, ecologia e tassonomia dei pesci per oltre 50 anni, in particolare quella degli squali. La sua ricerca è stata sostenuta nel corso degli anni da Enti come la National Science Foundation, la Smithsonian Institution, la National Geographic Society, e la National Oceanic and Atmospheric Administration. Ha ricevuto tre lauree ad onorem (presso l'Università del Massachusetts, Long Island University, e l'Università di Guelph, Ontario, Canada) e numerosi premi dalla National Geographic Society, la Explorers Club, l'Underwater Society of America, American Littoral Society, dalla Women Divers Hall of Fame, e altre istituzioni. Nel 1976 è diventata un membro dell'Associazione americana per il progresso scientifico, e nel 1994 ha ricevuto la Medaglia di Eccellenza dalla Società Americana di oceanografia. Diverse specie di pesci sono stati chiamati in suo onore: Callogobius clarki (Goren), Sticharium clarkae George e Springer, Enneapterygius clarkae Holleman, e Atrobucca geniae Ben-Tuvia e Trewavas.

Eugenie Clark ha fatto immersioni con gli squali per più di 40 anni e durante le sue ricerche ha scoperto che un liquido lattiginoso secreto da un pesce piatto chiamato suola Mosè, potrebbe servire come repellente antisqualo. Nei test oceano aperto infatti, questo pesce è stato l'unico a non essere stato mangiato tra tutti quelli dati in pasto agli squali.

Molti si chiedono se Eugenie sia mai stata attaccata da uno squalo, e lei riferisce che è successo solo una volta, ma che l'incidente non ha avuto luogo in acqua, ma durante un viaggio in auto con la mascella di uno squalo tigre sul sedile anteriore. Per evitare che andasse a sbattere sul cruscotto durante una frenata, la fermò con una mano, quindi la mascella si richiuse procurandole una ferita a forma di morso.

Eugenie ha condiviso le avventure e le emozioni della sua ricerca scientifica attraverso i suoi articoli su riviste scientifiche, conferenze e special televisivi, e con articoli su riviste popolari come National Geographic e Science Digest. Inoltre ha scritto tre libri: Lady with a Spear(1953), che descrive le sue avventure in Micronesia e nel Mar Rosso egiziano; La Signora e gli squali (1969), che descrive i suoi inizi al Marine Laboratory of Cape Haze; e il Deserto sotto il mare (1991), un libro per bambini scritto con Ann McGovern, che descrive uno scienziato alla ricerca il fondo sabbioso del mare.


   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti