Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


17-02-2015 - Troppi squali nel Nuovo Galles del Sud, Australia, allarmano i pescatori

Dopo l’attacco mortale ad un surfista giapponese solo alcuni giorni fa, il pescatore Joel Merchant si oppone adesso alla apertura delle spiagge durante la stagione degli sgombri. Ha catturato l’ultimo squalo proprio ieri a pochi metri dalla riva a Duranbah popolare spiaggia per i surfisti australiani. Ma della preda è rimasto ben poco. Un’altro squalo se lo è divorato!

“Se la gente avesse visto quello che ho visto io con i miei occhi nessuno metterebbe piede in acqua” ha detto il pescatore.

Merchant è titolare di una licenza che gli permette di catturare sino a 500 kg di carne di squalo a settimana, la stessa carne viene poi lavorata e venduta come fish&chips nel proprio negozio. Dieci anni fa, racconta il pescatore, per catturare gli squali doveva mettere in mare palamiti con almeno 100 ami, adesso per catturare una preda ne bastano 5, ed ottiene la stessa quota con il minimo sforzo. Il problema è che spesso le sue prede sono attaccate da altri squali, tutti i giorni per recuperare uno squalo intatto deve essere più veloce di tutti gli altri squali che girano attorno alla barca. Merchant è convinto che gli squali siano aumentati in maniera esponenziale.

Sarebbero gli sgombri a portare gli squali nel Nuovo Galles del Sud, una migrazione di massa alla ricerca di cibo. E di cibo c’è ne per tutti. Gli sgombri trovano abbondante plancton pelagico e piccoli pesci di cui si nutrono e gli squali possono cosi banchettare tra i banchi di pesce azzurro.

Gli squali non hanno molti predatori e poche persone hanno la licenza per la pesca. In più non si possono pescare squali inferiori al metro e mezzo. Nessuno vuole lo sterminio di questi animali, ma bisogna evitare che in questo periodo qualcuno si faccia veramente male. Il pescatore intanto ha vietato a tutta la famiglia di andare al mare durante la stagione degli sgombri.

http://www.italianfishingtv.it/chiudete-le-spiagge-arrivano-gli-squali/


   
© 1999-2018 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti