Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


23-07-2015 - Non è uno squalo il responsabile della morte di Eugenio Masala ad aprile scorso

Non sarebbe stato ucciso dai morsi dello squalo, ma da un evento avvenuto in profondità forse causato da malfunzionamenti della strumentazione.

Le ferite profonde inferte da uno squalo sul corpo di Eugenio Masala, il sommozzatore trovato morto il 3 aprile scorso a 70 metri di profondità nelle acque di Quirra, risalirebbero a quando il sub era ormai deceduto.

Sono le prime indiscrezioni filtrate dalla consulenza consegnata al sostituto procuratore Enrico Lussu dal brigadiere Gianfranco Simonini, l'esperto del Nucleo Sommozzatori dei Carabinieri di Bari, chiamato dalla Procura a chiarire le cause della morte del sub 43enne, cagliaritano ma residente a Trento, che era scomparso il 29 marzo durante un'immersione per delle bonifiche nell'area a ridosso del poligono militare.

http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2015/07/23/il_sub_non_fu_ucciso_dallo_squalo_il_corpo_a_70_metri_nel_mare_di-68-426894.html


   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti