Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


08-10-2015 - Massacro di squali al mercato di Deira, Dubai

Ogni singolo giorno nel mercato del pesce di Deira, Dubai, Emirati Arabi Uniti, come in decine di altri mercati ittici nel golfo, centinaia di squali vengono uccisi per la loro pinne. Quel giorno abbiamo contato 34 squali volpe, 45 squali toro, 12 squali martello, 5 squali tigre, e 5 piccoli di grande squalo bianco, decine di longimanus, pinna nera, limone, sandbars e persino verdesche.

A dispetto delle proteste di molte organizzazioni ambientali marine, questa pratica è ancora in corso, e pone i paesi del golfo Persico in seconda posizione sul vergognoso elenco degli sterminatori di squali. Uccidendo i longimanus, predatori al top, e le loro giovani generazioni, queste acque diventeranno molto presto un deserto sottomarino.

Dopo il taglio delle pinne i corpi sono smaltiti e molto spesso rigettati in mare. Alcune specie, come il grande squalo bianco o lo squalo martello maggiore, hanno bisogno di arrivare oltre i 40 anni per raggiungere la maturità sessuale, e le specie vivipare hanno una gestazione di quasi un anno.

A volte esemplari di 200-300 kg sono uccisi per 5 kg di pinne fresche (circa 3 kg secche), sprecando tonnellate di carne. Questo non è accettabile. La ciotola di zuppa di pinne di squalo, servita quasi in ogni ristorante orientale a Dubai, costa 65 DHS (+/- 18 $ Usa).











   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti