Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


23-10-2015 - Nursery di Megalodon scoperta a Panama

I ricercatori della University of Florida hanno annunciato la scoperta di una vecchia zona nursery Megalodon 10 milioni anni si trova a Panama. In un articolo pubblicato sulla rivista di ricerca PLoS ONE presentano l'analisi di oltre 400 denti di Megalodon fossili raccolti dalla poco profonda Formazione Marina di Gatun. I denti di Megalodon fossili di questa collezione sono tutti sorprendentemente piccoli, e rappresentano individui molto giovani della specie.

L'analisi dei denti ha determinato che la dimensione non riguardava la posizione del dente nella mascella. "Il nostro studio suggerisce che gli esemplari rappresentano per lo più giovani, con lunghezze comprese tra 2 e 10,5 metri (6,5 a 34,5 piedi)," riferisce il ricercatore Pimiento. Mentre molte altre aree sono state sospettate di essere vivai di Megalodon, compresa la regione Bone Valley of Florida e le scogliere Calvert nel Maryland a causa delle alte concentrazioni di piccoli denti, questo studio è forse l'analisi più approfondita fino ad oggi.

Nursery

Sebbene fossero bamboccioni, dai 2 metri ai 3 metri e mezzo, i giovani di Megalodon sarebbero stati vulnerabili ai predatori, soprattutto altri squali preistorici giganti. Gli squali moderni nella fase giovanile trovano cibo e sicurezza nelle aree di nursery in acque poco profonde, dove gli squali più grandi non possono nuotare. Gli scienziati pensavano che i Megalodon utilizzassero zone di crescita e allevamento, grazie alla vicinanza, nelle aree di ricerca, di denti fossili di squalo giovanile e fossili di mammiferi marini. La scoperta a Panama ha dato agli scienziati dell'Università della Florida una conferma a questa convinzione.

Gli scienziati hanno studiato 400 denti di Megalodon raccolti nella Formazione Gatun, una zona dove il Mar dei Caraibi e l'Oceano Pacifico si sono incontrati durante il Miocene. I denti erano sorprendentemente piccoli per le dimensioni gigantesche della specie, e questo ha suggerito che fossero molto giovani, anche se la dimensione di per se non era determinante.

Per stabilire con certezza che erano esemplari giovani, è stata necessaria un'analisi approfondita. In primo luogo, gli scienziati hanno dovuto assicurarsi che essi non fossero piccoli in base alla loro posizione nella mascella. Per far ciò hanno confrontato i denti di questi fossili con quelli ritrovati di Megalodon ritrovati altrove in diverse fasi della vita. Gli scienziati hanno anche condotto uno controllo per assicurarsi che i Megalodon non fossero semplicemente più piccoli durante il periodo a cui i denti di Panama si riferiscono.

Sulla base di tali analisi, hanno concluso che i denti appartengono a giovani individui e la concentrazione suggerisce che la zona fosse una nursery. Anche se sono state suggerite in precedenza altre zone di allevamento, questa è stata la prima analisi rigorosa per accertare che si trattasse proprio di una nursery.

Cresce grande e forte

Il Megalodon è stato il più grande squalo che abbia mai nuotato nei mari. A causa delle limitate risultanze fossili, gli scienziati non sanno con certezza quanto potessero diventare grandi, ma si crede potesse arrivare a 15 - 18 metri di lunghezza. I grandi adulti erano enormi, forse esagerati, con un peso possibilmente pari o superiore alle 50 tonnellate. Che è più di tre volte più lunghi e venti volte più pesanti del grande squalo bianco.

Questo rendeva il mare un luogo poco sicuro per tutti gli altri pesci, non lasciando che poche aree di tranquillità. I denti di Megalodon sono stati trovati quasi ovunque, in tutti i continenti tranne l'Asia e l'Antartide. Hanno usato quei denti di mangiare tutto ciò che volevano. Il loro pasto preferito erano probabilmente le balene e le tartarughe marine più grandi possono essere servite per fare uno spuntino.

Ci sono fossili di balena con fratture da compressione; alcuni scienziati li interpretano come se siano state causate da un massiccio attacco dal basso, come se un Megalodon abbia urtato con la testa il corpo della balena probabilmente per stordirla e facilitare l'asportazione di grossi pezzi di carne. Una balena fossile mostra segni di guarigione di una frattura da compressione, rendendola un fortunato e raro superstite di un attacco di Megalodon.

https://www.megalodonswag.com/megalodon-shark-nursery-found-in-panama/


   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti