Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


01-04-2016 - Operatori turistici in Malesia dichiarano guerra ai ristoranti che servono pinne di squalo

E' guerra ai ristoratori che servono piatti a base di pinne e carne di squalo. A dichiarala è un gruppo di operatori turistici e agenzie di viaggio malesi che ha invitato i suoi membri a boicottare i locali che prevedono questi ingredienti nei propri menù, con l’obiettivo di dare un contributo alla allarmante diminuzione della popolazione degli squali del Paese.

La popolazione degli squali in Malesia è già esaurita e chi li caccia per le loro pinne e per la carne deve essere fermato, fa sapere l'associazione. "La popolazione di squali a Sabah è diminuita dell’80% negli ultimi 30 anni", dichiara Tan Kok Liang, vice presidente di Matta, denunciando anche il ritardo del governo federale nell'azione in merito al ricorso del governo di Sabah sul divieto di caccia agli squali nello stato malese orientale.

La diminuzione della popolazione di squali, d'altra parte, rappresenta anche un danno turistico, visto che "gli squali di Sabah hanno attirato oltre 55.000 subacquei l'anno scorso”, un turismo che vale, per l’economia locale, 323 milioni di ringgit (81,6 milioni di dollari) “ma questo fatturato annuo sarà spazzato via una volta che gli squali saranno ulteriormente scomparsi”, sottolinea Tan Kok Liang.

Il vice presidente di Matta punta al boicottaggio, non solo da parte degli addetti al settore turistico, ma anche della popolazione: ha infatti chiesto alle autorità del turismo di redigere un elenco dei ristoranti che offrono, nei loro menù, piatti a base di pinne e carne di squalo per poter sensibilizzare l’opinione pubblica e invitare le persone a boicottarli.

Secondo i dati della Fao, la Malesia è il nono produttore di pinne di squalo al mondo, il terzo importatore in termini di volume: dal 2000 al 2011, il Paese ha registrato importazioni medie annue di pinna di squalo pari a 1.172 tonnellate, per un valore di 3,2 milioni di dollari; le esportazioni di pinna di squalo registrano una media annuale di 238 tonnellate, per un valore di 902.000 dollari .

http://www.adnkronos.com/sostenibilita/risorse/2016/03/30/pinne-squalo-nel-menu-tour-operator-malesi-boicottano-ristoranti_TY68MEvaE4XeVuPBhTLZcM.html


   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti