Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Link originale  Specie coinvolta: Squalo Zambesi - Carcharhinus leucas
        Stampa pagina  


12-07-2016 - 57 squali trovati morti sulla spiaggia di Mobile Bay, Alabama

La Direzione Risorse Marine dell'Alabama e i Dauphin Island Sea Lab stanno indagando sulla morte di decine di squali trovati Sabato mattina (9 luglio) lungo la riva del Mobile Bay. Il direttore della Divisione Risorse Marine ha detto che il numero ufficiale di squali è 57.

Gli squali, identificati principalmente come squali toro, sono stati scoperti dai residenti e dai bagnanti sulla spiaggia di Belleair Boulevard, vicino a Dauphin Island Parkway. Una donna in vacanza con la sua famiglia ha riferito di aver visto una rete con circa 40 squali intrappolati.

"Ha attirato la nostra attenzione perché so che questo è illegale e non dovrebbe verificarsi. Appena l'abbiamo visto non sapevamo cosa fare.", ha detto Sabrina Rios. Ha poi riferito che lei e gli altri hanno cercato di seppellire il maggior numero di squali che potevano a causa dell'odore.

Chris Blankenship, direttore della Divisione Risorse Marine dell'Alabama, ha dichiarato in una e-mail a AL.com Domenica pomeriggio che un impiegato delle risorse marine aveva appurato lapresenza di squali morti in una rete sulla sponda occidentale di Mobile Bay.

"Sembra che gli squali siano stati catturati in una rete di pescatori amatoriali." Ha dichiarato Blankenship. "C'erano 57 squali e tutti sembrano squali toro allo stato giovanile."

Gli squali sono stati raccolti dal Dauphin Island Sea Lab e saranno utilizzati per la ricerca dal Dr. Marcus Drymon, esperto squalo. La Divisione Risorse Marine non è stata in grado di identificare il proprietario della rete. "Continueremo a pattugliare la zona per garantire che le reti da posta a scopo ricreativo siano utilizzate legalmente", ha affermato Blankenship.

http://www.al.com/news/birmingham/index.ssf/2016/07/nearly_100_dead_sharks_found_o.html


Altre notizie relative alla specie coinvolta: Squalo Zambesi - Carcharhinus leucas

   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti