Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


17-07-2016 - Pesce spada con morsi di squalo nello stretto di messina

Nel video il racconto dell’equipaggio della feluca Zeus. La Capitaneria di Porto aveva segnalato qualche giorno fa la presenza di squali nello Stretto. Una presenza in verità che non è estranea alla storia della pesca in queste zone, anche se dagli ultimi avvistamenti pare che il numero di squali sia aumentato rispetto al passato.

Lo dimostra anche l’esito di una giornata di caccia al pescespada per l’equipaggio della Zeus, una delle più antiche feluche dello Stretto, che nel recuperare un pesce impigliatosi forse in una rete nelle acque antistanti il parse di Ganzirri (nel gergo delle “poste” Lordu-Iastru), hanno visto i segni evidenti del morso dello squalo.

Il pescespada, infatti, è rimasto circa un’ora nel fondale, a circa 100 metri dalla riva, ad una profondità di circa 35 metri: il tempo sufficiente a attrarre gli squali.

“E’ normale in questo periodo – dichiara il capobarca della Zeus Giuseppe Mancuso, uno dei più anziani fiocinatori dello Stretto – si nutrono di pescespada e tonni, gli squali hanno sempre fatto parte del nostro ecosistema. Non hanno mai attaccato l’uomo, vivono nei fondali”.

Questa sera la fatica di una giornata di caccia non giungerà in pescheria. Gli “avanzi” dello squalo li mangeranno i pescatori.

http://www.messinaora.it/notizia/2016/07/16/squalo-morde-pescespada-durante-la-caccia-il-racconto-dellequipaggio-della-feluca-zeus-video/79748



   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti