Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Link originale  Specie coinvolta: Verdesca - Prionace glauca
        Stampa pagina  


07-11-2016 - Il mistero degli squali a due teste

La scoperta di esemplari bicefali non è più un evento così raro. Secondo alcuni scienziati potrebbe trattarsi di anomalie genetiche, perché la pesca intensiva ha aumentato l'endogamia tra squali

Di Joshua Rapp Learn

A sinistra il feto bicefalo è stato trovato nel corpo della madre nel 2008, al largo dell'Australia. Fotografia di Christopher Johnston

Uno squalo a due teste sembra l’infelice prodotto di una pellicola trash, ma non è così: esistono, e secondo gli scienziati continuano a spuntare in giro per il mondo.

Qualche anno fa, al largo della Florida, dei pescatori catturarono una femmina di squalo toro che nell’utero aveva un feto a due teste. Nel 2008 un altro pescatore trovò un embrione di verdesca, sempre a due teste, nell’Oceano Indiano.

Nel 2011 è stata la volta di uno studio che ha descritto due ritrovamenti di gemelli siamesi di verdesca, catturati nel Golfo della California e nel Messico Nord-occidentale. Questa specie detiene il record di embrioni a due teste perché una femmina può aspettare fino a 50 piccoli in una volta sola, spiega Felipe Galván-Magaña del National Polytechnic Institute in Messico, leader dello studio.

Di recente, come riporta una nuova pubblicazione sul Journal of Fish Biology, degli scienziati spagnoli hanno scoperto l’embrione bicefalo di uno squalo della specie Galeus atlanticus. Le sue uova sono più o meno trasparenti, ed è così che i ricercatori si sono accorti dello strano embrione mentre allevavano gli squali in laboratorio, per delle ricerche sulla salute umana.

Non si tratta della “solita” creatura a due teste, perché è il primo esemplare bicefalo appartenente a una specie ovipara, ovvero uno squalo che depone le uova. Gli scienziati hanno aperto l’uovo per studiarlo e secondo Valentín Sans-Coma, leader della ricerca, non sapremo mai se questo animale deformato sarebbe sopravvissuto. Trattandosi dei primi gemelli siamesi di squalo oviparo che troviamo, è probabile che questi piccoli non sopravvivano abbastanza a lungo da permetterci di vederli.

Le cause della mutazione

Gli squali bicefali sono rimasti perlopiù una rarità, finora, il che rende difficile spiegare cosa ne causi la mutazione. Sans-Coma e colleghi pensano che nel caso di G. atlanticus il candidato più plausibile sia un disordine genetico, perché gli embrioni stavano crescendo in laboratorio insieme a circa altri 800. Per quanto ne sanno le uova non sono state esposte ad alcuna infezione, né a sostanze chimiche o radiazioni. Ma riguardo agli squali non in cattività le malformazioni potrebbero essere provocate da diversi fattori, comprese infezioni virali, disordini metabolici, inquinamento oppure un pool genetico impoverito a causa della pesca intensiva, che conduce all’endogamia e di conseguenza ad anormalità genetiche.

Per un altro recente studio, il biologo marino Nicolas Ehemann ha esaminato due esemplari bicefali: una verdesca e uno squalo della specie Mustelus higmani, trovati dai pescatori al largo dell’isola Margarita in Venezuela. Secondo il bollettino di ricerca di Ehemann questi animali, che non sarebbero riusciti a sopravvivere, sono i primi due squali a due teste mai trovati nel mare Caraibico.


Le verdesche a due teste sono più comuni rispetto alle altre specie di squali, perché le femmine producono un numero di uova molto elevato e quindi anche le anomalie sono più probabili. Fotografia per gentile concessione di Christopher Johnston

Colpa della pesca intensiva?

Ehemann, che è uno studente al National Polytechnic Institute in Messico, ritiene che se i feti bicefali sono più diffusi in natura allora la pesca intensiva è un valido indiziato, perché può far crollare la variabilità del pool genetico.

Secondo Galván-Magaña, tra gli autori dello studio del 2011, gli squali bicefali non sono diventati più comuni ma semplicemente ci sono più riviste scientifiche a pubblicarne il ritrovamento. Nella sua carriera ha visto anche altri squali bizzarri, compreso un esemplare “ciclope” catturato al largo del Messico nel 2011, dotato di un unico occhio frontale e funzionante al centro della testa. Questa peculiarità nel feto di uno squalo bruno era il segno di una condizione congenita nota come ciclopia, già riscontrata in varie specie compresa la nostra.

Come spiega Ehemann, tuttavia, le deformità negli squali sono estremamente difficili da indagare per via della rarità dei campioni. “Vorrei studiare questi animali, ma non è che basti lanciare una rete per pescare qualche squalo bicefalo”, conferma. “Si trovano per puro caso”.

Nel 2013 Trovato uno squalo leuca a due teste

La bizzarra scoperta è stata effettuata da un pescatore al largo delle Florida Keys
di Brian Clark Howard



Un pescatore che si trovava al largo delle Florida Keys di recente ha catturato uno squalo leuca, e quando lo ha aperto ha scoperto che conteneva due feti vivi, di cui uno a due teste. Il pescatore lo ha consegnato gli scienziati, che hanno descritto la scoperta in un articolo pubblicato sul Journal of Fish Biology.

I ricercatori, guidati da C. Michael Wagner della Michigan State University, affermano che è la prima volta che si riscontra un fenomeno del genere in questa specie, e che vi sono al massimo una manciata di casi come questi in tutto il mondo.

“Di per sé, dal punto di vista scientifico, questo singolo ritrovamento non ci dice nulla sulla salute della popolazione della specie o degli oceani; si tratta di un fenomeno raro, osservato per la prima volta", precisa Wagner. "Eppure, il suo ritrovamento solleva una serie di interrogativi proprio su quelle questioni".

Perché due teste?

Lo squalo leuca a due teste soffre una condizione patologica detta "biforcazione assiale", una mutazione riscontrata anche in altre specie, tra cui l'uomo. Secondo Wagner, questi individui quasi mai sopravvivono in natura, poiché la loro condizione non gli permette di essere in grado di cercare cibo o di evitare i predatori. In questo caso inoltre, lo squalo a due testa aveva un corpo di dimensioni molto ridotte, sacrificato dallo sviluppo abnorme delle due teste.

Lo squalo è morto poco dopo essere stato estratto dalla madre; ma Wagner conferma che anche se fosse nato naturalmente, con ogni probabilità sarebbe morto poco dopo. Lo studio di queste anomalie è comunque utile agli studiosi per comprendere i processi di sviluppo.

http://www.nationalgeographic.it/natura/animali/2016/11/04/news/squali_due_teste_pesca_intensiva_genetica-3298095/


Altre notizie relative alla specie coinvolta: Verdesca - Prionace glauca

16-09-2017 Verdesca tra i bagnanti a Scauri

07-08-2017 Muravera, Sardegna, incontra una verdesca e va in arresto cardiaco per il panico

17-07-2017 Verdesca tra i bagnanti a Tirrenia

07-07-2017 Verdesca avvistata e fotografata nel catanese

28-06-2017 Giustiziata la verdesca che nuotava in riva a Maiorca

26-06-2017 Verdesca tra i bagnanti a Maiorca

20-06-2017 Due squali spiaggiati a Rossano (Cosenza)

19-06-2017 Un altro piccolo squalo pescato alla Meloria (Livorno): è una verdesca

16-06-2017 Castiglioncello: due piccoli squali a 3 metri dalla riva

31-05-2017 Non so se dare questa notizia. Comunque, un pescatore morso da una verdesca presa all'amo

18-05-2017 Verdesca spiaggiata a Santa Margherita di Pula, Sardegna

16-05-2017 Verdesca partorisce sulla spiaggia a Villapiana (Cosenza)

05-05-2017 Verdesca trovata morta a Vittoria (Ragusa)

11-03-2017 Verdesca di 263 cm spiaggiata a Ostia con rostro di pesce spada

07-11-2016 Il mistero degli squali a due teste

02-09-2016 Eroe uccide due verdesche ad Ardore, Calabria, e mette tutto di Facebook

23-08-2016 Pinne di squalo azzurro in un peschereccio spagnolo

04-07-2016 Verdesca nel mare di Ansedonia (Grosseto)

08-04-2016 Stintino (Sassari) verdesca spiaggiata a Coscia di Donna

21-03-2016 Verdesca spiaggiata a Terrauzza (Siracusa)

22-02-2016 Verdesca di due metri e mezzo spiaggiata a Platamona (Sassari)

03-10-2015 Verdesca pescata a Bacoli nel golfo di Napoli

24-08-2015 Verdesca salvata dall'amo in Sardegna

03-07-2015 Quattro verdesche uccise all'Enfola, Isola d'Elba

23-06-2015 Verdesca catturata e rilasciata in Sardegna

14-05-2015 Verdesca pescata ed esibita a Porto Recanati

02-04-2015 Otarie orsine del Capo mangiano le viscere delle verdesche

18-02-2015 Verdesca fotografata a riva nell'Isola dei Gabbiani, Sardegna

19-10-2014 Verdesca attaccata da uno grosso pesce a Ischia mentre viene tirata a bordo

27-09-2014 Verdesca pescata dentro il porto di Scilla, in Calabria

23-09-2014 Verdesca avvistata a riva a Nicotera (Calabria)

24-08-2014 Piccola verdesca presa all'amo da un bambino a Fiumicino

16-08-2014 Scoperta nursery per le verdesche nel Nord Atlantico

08-08-2014 Mostruoso squalo semina il panico in una spiaggia della Sardegna

24-07-2014 Verdesca pescata a Bovalino (Rc)

22-07-2014 Squalo fotografato sul bagnasciuga in Liguria

18-07-2014 Spiagge chiuse vicino a Barcellona per allarme squali

07-07-2014 Denunciato per aver maltrattato a morte una piccola verdesca a Catania

25-06-2014 Verdesca spiaggiata a Castellaneta (Taranto)

05-06-2014 Verdesca pescata nel Gargano

03-06-2014 Verdesca filmata in Sardegna in Ogliastra

15-05-2014 Verdesca trovata fra le mangrovie in Florida

12-12-2013 Verdesca avvistata nel porto di Arbatax (Sardegna) e accompagnata al largo

11-10-2013 Filmato crudo: lo spinnamento di una verdesca

05-08-2013 Bagnanti socorrono Verdesca tra in provincia di Agrigento

22-06-2013 Avvistamento verdesca (Prionace glauca) nel porto di Palermo

22-06-2013 Avvistamento verdesca (Prionace glauca) a Monopoli (Puglia)

17-06-2013 Piccola verdesca pescata a Vasto (Abruzzo)

15-04-2013 Una verdesca con due teste in Australia

20-08-2006 Catturata una verdesca a Palizzi (Reggio Calabria)

06-06-2006 Avvistamento verdesca in sicilia

17-09-2005 Pescata grossa Verdesca in Galles

01-07-2005 Verdesca spiaggiata a new york

03-12-2002 Immersioni con squali in Italia a Cavi di Lavagna

04-09-2001 Catturata una verdesca a Cagliari

   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti