Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


20-02-2017 - Attacco in Australia a un pescatore subacqueo di 26 anni

Sta lottando tra la vita e la morte il sub di 26 anni che è stato attaccato da uno squalo durante una battuta di caccia subacquea a Hinchinbrook Island, al largo della costa del Queensland, nella grande barriera corallina.

L’attacco è stato repentino e inaspettato e ha causato gravi al giovane, che ora è ricoverato in condizioni critiche al Cairns Hospital. La zona del Queensland è nota per la presenza di squali molto aggressivi e addirittura esiste un sito Shark Attack Data che riporta le statistiche degli attacchi per data e tipologia con rappresentazioni grafiche a partire dal 1900, i cui dati sono davvero allarmanti.

Allo scopo di prevenire la minaccia di attacchi e proteggere le spiagge, tra il luglio 2014 e il giugno 2015, nelle acque dello Stato australiano del Queensland furono catturati e uccisi 621 squali. Lo sterminio era mirato, secondo le intenzioni del Ministero della Pesca del Queensland, a diminuirne il numero di esemplari a scopo di sicurezza.

Dei 621 squali abbattuti 251 erano squali tigre, 173 squali balena, 111 squali toro e 8 grandi squali bianchi. Questo tipo di operazione però, come evidenziato da molti ricercatori, oltre a essere eticamente discutibile, può essere molto dannosa per i possibili impatti a lungo termine sull’ecosistema.

Tale monito si riallaccia al dibattito che negli ultimi anni si è fatto sempre più acceso se gli attacchi di squali siano dovuti alla loro spietatezza o se piuttosto siano ascrivibili alla presenza incauta dell’uomo in acqua e a inadeguate norme di sicurezza nelle zone in cui essi sono presenti.

Gli squali sono naturalmente predatori, ma va sottolineato che l’uomo non è la loro preda preferita, in quanto si nutrono di pesce fresco ed è di questo che vanno solitamente a caccia. Bisognerebbe semplicemente studiare e attuare sistemi di sicurezza più efficaci per prevenire incidenti di questo tipo, senza bisogno di ricorrere a delle vere e proprie mattanze.


   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti