Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


26-03-2017 - Nuove prove che gli squali discendono dagli acantodi

Un articolo pubblicato sulla rivista “American Museum Novitates” descrive una ricerca che offre le prove più robuste finora trovate che gli squali discendono da un antichissimo gruppo di pesci chiamati acantodi. Un team di ricercatori guidato da John Maisey della divisione di paleontologia del Museo Americano di Storia Naturale ha analizzato resti fossili che si sono preservati in maniera straordinaria di un antico pesce simile a uno squalo chiamato Doliodus problematicus identificandolo come una specie di transizione tra acantodi e squali.

Gli acantodi, classe Acanthodii, vissero tra il periodo Siluriano inferiore e il Permiano superiore, tra 430 e 250 milioni di anni fa. Essi avevano caratteristiche in comune sia con i pesci ossei che con i pesci cartilaginei e le loro parentele erano complesse da stabilire. La scoperta nel 2003 di un esemplare di Doliodus problematicus vissuto circa 400 milioni di anni fa in eccellente stato di conservazione segnò l’inizio di una nuova serie di ricerche sulla parentela tra acantodi e squali.

I primi studi di quell’esemplare di Doliodus problematicus mostrò la presenza di spine accoppiate davanti alle sue pinne pettorali, una caratteristica esistente soprattutto negli acantodi. Ricerche successive condotte nel 2009 e 2014 da John Maisey e da vari colleghi determinarono che la testa, lo scheletro e i denti di questo pesce erano più simili a quelli degli squali che degli acantodi.

Per questa nuova ricerca l’esemplare di Doliodus problematicus è stato sottoposto a una TAC al Museo Nazionale Francese di Storia Naturale a Parigi. Questa tecnica di analisi ha permesso di esaminare i resti fossili al loro interno senza distruggerli rivelando altre spine prima nascoste. La disposizione di quelle spine nella parte inferiore del pesce è tipica degli acantodi, una conferma che questa specie aveva caratteristiche sia degli squali che degli acantodi.

John Maisey ha commentato che la disposizione delle spine mostra in maniera inequivocabile che il Doliodus problematicus era sostanzialmente parte della classe degli acantodi con la testa, lo scheletro pettorale e i denti di uno squalo. Questo mix di caratteristiche lo rende una specie di transizione che prova che gli squali si sono evoluti dagli acantodi.

Ci sono pochissimi fossili che documentano l’evoluzione degli squali e per questo motivo le parentele con altri pesci sono state almeno finora difficili da stabilire. Per questo motivo, l’esemplare di Doliodus problematicus trovato nel 2003 potrebbe davvero essere la chiave per stabilire la parentela tra squali e acantodi.

http://www.blog-news.it/post/esame-antichissimo-pesce-fossile-mostra-che-gli-squali-discendono-dagli-acantodi


   
© 1999-2016 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti