Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


15-11-2017 - Attacco in Australia a Charlie Fray

Il surfista Charlie Fray era al largo della costa australiana quando uno squalo lo ha avvicinato e lo ha morso. Charlie, un medico britannico di 25 anni, ha evitato di esse ucciso colpendo lo squalo con un pugno sul naso.

"Stavo surfando non lontano da Sydney", ha raccontato il medico britannico secondo quanto riportato da Ap, "Improvvisamente ho sentito una forte pressione alla mia destra che mi ha totalmente accecato. All'inizio credevo fosse lo scherzo di un amico. Mi sono voltato e ho visto uno squalo uscire dall'acqua. L'ho colpito sul naso e sono riuscito a fuggire con la mia tavola. Ho urlato ai miei amici, poi fortunatamente è arrivata un'onda e ho potuto allontanarmi".

Fray ha riportato lievi ferite alla spalla destra e al braccio, ma ha affermato di essersene accorto solo dopo essersi messo al sicuro e che durante l'attacco era impegnato principalmente a scappare: "Volevo solo surfare il più veloce possibile per mettermi in salvo. È stata una corsa frenetica".

L'uomo è stato curato in ospedale e non potrà entrare in acqua per una settimana. Nonostante l'episodio si sia concluso nel migliore dei modi, non sempre però prendere a pugni sul naso uno squalo può salvare da un attacco. "La cosa peggiore è cercare di fuggire", ha dichiarato l'esperto di squali Ryan Johnson alla Bbc, "È come lanciare un bastone a un cane per farlo allontanare, e non sempre funziona. Comunque occorre fare tutto ciò che si può per salvarsi, come tenere le mani fuori dalla bocca e colpirlo sul muso servendovi di qualsiasi mezzo a disposizione, da una pietra a una macchina fotografica".


   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti