Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


16-07-2020 - Attacco in Australia a Anika Craney

Una cineasta documentarista sugli squali in pausa dal lavoro ha subito gravi lesioni alle gambe durante un attacco da parte delle stesse creature che stava filmando a Fitzroy Island al largo della costa settentrionale del Queensland.

Nonostante la perdita di sangue, una caviglia sinistra potenzialmente rotta e altre lesioni, la 29enne Anika Craney ha ribadito mentre la stavano trasportando all'ospedale di Cairns martedì 14 luglio: "Adoro ancora gli squali! Gli squali sono meravigliosi!"

I paramedici sono stati chiamati a Fitzroy Island, a 45 minuti di barca da Cairns e circa cinque chilometri dalla costa di Cairns, subito dopo mezzogiorno.

Il paramedico di terapia intensiva del Queensland Ambulance Service, Terry Cumming, presente sull'elicottero, ha detto che la signora Craney stava nuotando a circa 100 metri al largo quando è stata morsa nella parte inferiore della gamba sinistra.
"I medici presenti a Fitzroy Island hanno fornito il primo soccorso. La donna ha subito una possibile frattura della caviglia sinistra e alcune lacerazioni dovute al morso dello squalo", ha detto.

Craney, esperta subacquea, era parte di una squadra di sette persone che stava girando una serie YouTube, arrivata a Cairns per atrezzarsi e rifornirsi di carburante dopo che le restrizioni di COVID-19 erano state revocate.

Dean Cropp, capitano della nave Barefoot II su cui la Craney è impegnata come marinaio, videoperatrice e infermiera, ha dichiarato che la ragazza ha nuotato nell'isola con un altro membro dell'equipaggio ed è stata afferrata alla gamba in circa cinque metri di acqua mentre stava rientrando.

Il compagno l'ha quindi soccorsa e riportata sulla barca che ha allertato un medico fuori servizio sulla costa dell'isola, ha affermato Cropp. Forse la causa dell'errore dello squalo è stata la vicinanza di un peschereccio dove si stava sfilettando del pesce.

Il gruppo con sede a Sydney era partito per le acque oceaniche remote per le riprese di della seria filmare la serie "For no money" dopo che il COVID-19 aveva costretto a interromperle. I video pubblicati sul loro canale YouTube mostrano naufragi e numerosi incontri con gli squali.



Spazio Pubblicitario

1000 x 120
   
© 1999-2020 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti