Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


30-09-2005 - Pesca indiscriminata in Nord Atlantico

La pesca massiccia sta spopolando l'oceano Atlantico, l'allarme è stato lanciato da un gruppo di ricercatori inglesi, irlandesi e norvegesi uniti in un progetto denominato Deepnet che vuole constatare l'effettivo impatto ambientale che le centinaia d'imbarcazioni non autorizzate hanno ogni giorno sulla popolazione marina.

Miriadi di pescherecci più o meno abusivi calano reti chilometriche per un tempo variabile dai tre ai dieci giorni, il pescato non sempre però si rivela commestibile, a farne le spese centinaia di migliaia di squali che stanno scomparendo da alcune zone dell'Atlantico settentrionale.


   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti