Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


17-03-2010 - Le Maldive diventano una riserva naturale per gli squali

Le Maldive hanno trasformato tutte le loro acque territoriali in una riserva naturale per gli squali. E’ la seconda zona di protezione di questo genere in tutto il mondo: l’altra esiste da alcuni mesi nell’arcipelago Palau in Micronesia.

Lo squalo di solito è associato alla paura. Anzi, al terrore. Ma gli squali vengono pescati con un’intensità tale che molte specie sono ormai vicine all’estinzione. Gli squali si mangiano anche in Italia. E con gli squali si fanno molte, molte cose.

Con le pinne di squalo gli orientali cucinano la famosa, costosissima zuppa alla cui preparazione spesso viene sacrificato l’animale tutto intero. Con la pelle di squalo si fanno scarpe e col resto del corpo perfino creme di bellezza.

Le piccole Maldive hanno spesso dimostrato di sapere andare in controtendenza rispetto al vento che tira in tutto il resto del mondo.

Minacciate dall’innalzamento del livello dei mari legato al riscaldamento globale fino al punto di decidere l’acquisto di una seconda patria sulla terraferma, hanno stabilito di arrivare entro 10 anni ad usare solo energie pulite e rinnovabili. Hanno pensato ad una tassa ecologica sul turismo. Il Consiglio dei Ministri del piccolo Stato si è riunito sott’acqua – politici in muta da sub e bombole sulle spalle – per richiamare l’attenzione del mondo sui disastri ambientali.

E ora le Maldive pensano ai tanto bistrattati squali. Del resto, devono anche redimersi. In passato, scrive Mother Nature Network, hanno dato un notevole contributo al barbaro “shark finning”, l’asportazione delle pregiate pinne dagli animali vivi. Lo squalo mutilato veniva lasciato in acqua, condannato a morte lenta quanto inevitabile.

Ora la pesca degli squali alle Maldive è vietata. Vietato anche il commercio e l’importazione di i prodotti derivati dagli squali.

Credete che lo facciano per amore del pianeta? Mica detto. Il New York Times ha calcolato che uno squalo vivo fa incassare 3.300 dollari all’anno alle attività turistiche delle Maldive. Uno squalo morto fa incassare una sola volta 32 dollari al pescatore.

http://www.blogeko.it/2010/le-maldive-diventano-una-riserva-naturale-per-gli-squali/


   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti