Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


31-10-2012 - Studi sul cervello degli squali: hanno affinità con quello umano per la percezione visiva

(ANSA) - SYDNEY, 31 OTT - Il cervello dello squalo, specialmente del grande squalo bianco, ha diverse caratteristiche in comune con gli esseri umani. E' quanto emerge da una serie di ricerche dell'University of Western Australia, che permetteranno di sviluppare nuovi congegni repellenti, in particolare visivi, per proteggere i bagnanti dagli attacchi.
I vari studi sono pubblicati in un'edizione speciale della rivista Brain, Behaviour and Evolution, dal titolo The Nervous System of Cartilaginous Fishes, che raccoglie l'ultima ricerca comparativa ed evolutiva sul cervello degli squali e di altri pesci cartilaginosi, come le razze e i pesci sega.

Responsabile della stragrande maggioranza di attacchi mortali in Australia, il grande squalo bianco possiede un cervello in cui grandi parti sono associate alla percezione visiva, il che implica che saranno molto piu' ricettivi ai repellenti visivi rispetto ad altre specie, scrive l'editrice della rivista Kara Yopac, della Scuola di Biologia Animale dell'ateneo. Per la maggior parte i repellenti attualmente in uso emettono onde elettromagnetiche che mirano ai recettori sensoriali sul muso dello squalo, una tecnica efficace che pero' non funziona in tutte le condizioni.

Un semplice congegno visivo montato su una serie di galleggianti o su una tavola da surf potra' invece rivelarsi piu' dissuasivo, osserva Yopac. ''Uno squalo puo' riconoscere dall'aspetto un pesce velenoso come il serpente di mare e fuggire, e noi possiamo utilizzare questa capacita' per trovare una risposta agli attacchi ai bagnanti'', aggiunge. Cinque persone sono morte in attacchi di squali sulla costa occidentale dell'Australia negli ultimi 12 mesi. E le autorita' locali hanno annunciato il mese scorso un piano del costo pari a 5,4 milioni di euro contro gli attacchi di squali, nella forma di missioni di distruzione delle specie pericolose che si avvicinano alle spiagge, e di fondi per la ricerca.


   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti