Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

 Specie coinvolta: Capopiatto - Notidiano grigio - Hexanchus griseus
        Stampa pagina  


17-06-2013 - Squalo vacca (Hexanchus griseus) Spiaggiato a Torretta (Calabria)

Le primissime notizie, corredate ovviamente di immagini, sono giunte (com’era prevedibile) dal social network Facebook, nel pomeriggio di domenica 17 giugno: uno “squalo” era stato rinvenuto, già morto, nelle acque antistanti Torretta, per poi essere trainato sulla spiaggia in zona Mortilletto e lì fatto oggetto di foto inviate qua e là e di un continuo andirivieni di curiosi allertati dal diffondersi rapido della notizia.

Uno “squalo”, nel senso puro della definizione, nei nostri mari è sicuramente evento raro quanto unico, ma pian piano che il tam tam di voci si diffondeva, arrivavano anche le prime precisazioni: dalla goliardica definizione di “pesce porco” di un provetto pescatore, alla più veritiera di “pesce vacca”, poi “squalo vacca” ed infine, quella di squalo appartenente alla famiglia degli Hexanchidae, riconosciuto da una biologa marina referente del Centro Studi cetacei in Calabria.

Proprio dagli esperti arriva però un’indicazione importante per quanto riguarda episodi di spiaggiamento come quello registrato a Torretta e per il quale non è stato adeguatamente allertato il previsto sistema di intervento.
L’episodio che ha riguardato l’esemplare di squalo Hexanchidae, avrebbe rappresentato sicuramente un evento importante, se fosse stato prontamente attivato il protocollo di intervento della Rete di sorveglianza diagnostica a tutela della salute e del benessere degli animali spiaggiati lungo le coste calabresi, che dal 2011 opera in tutta la Calabria.

Una volta avvisata la Capitaneria di Porto, spiega un Referenti del Centro Studi cetacei in Calabria, per il verificarsi di spiaggiamenti di animali marini (tartarughe, cetacei, squali, ecc…), questa provvederà ad attivare tutte le procedure d’intervento della citata Rete, che prevede l’intervento di personale competente delle Asp, del nucleo di pronto intervento regionale (che comprende i rilevatori scientifici afferenti al Centro Studi Cetacei), l’Università della Calabria, il Comune nel cui territorio è avvenuto lo spiaggiamento, il Corpo Forestale dello Stato, il CITES, nonché l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, competente per il territorio del reperimento dell'esemplare, in modo da determinazione delle cause di morte.

La corretta gestione e l’intervento coordinato di diverse figure professionali specialistiche, tra cui Biologi, Veterinari ed esperti ambientali in occasione di tali eventi, è di fondamentale importanza al fine di indagare approfonditamente le cause morte, per la tutela dell'ambiente e della salute pubblica. Gli esemplari spiaggiati possono infatti essere vettori di patologie e risulta pertanto indispensabile monitorare lo stato sanitario di questi animali (non a caso, proprio nell’episodio di Torretta alcune persone venute a contatto fisicamente con l’esemplare hanno poi lamentato arrossamenti e sintomi allergici su varie parti del corpo). D’altra parte, molti esemplari sono anche bioindicatori dello stato di salute dell’ambiente marino.

Grazie all’encomiabile lavoro di squadra tra le Capitanerie di Porto, le ASP (servizio veterinario,) l’Area Marina protetta “Capo Rizzuto”, il Centro Studi Cetacei, il WWF Calabria e l’Istituto Zooprofilattico del Mezzogiorno, sono stati intercettati e analizzati dal dicembre 2011 ad oggi molti esemplari spiaggiati di cetacei, tartarughe, squali e specie invasive in tutta la Calabria e questa di Torretta, sarebbe stata di sicuro un’importante segnalazione. L’intervento della rete avrebbe chiarito le cause di morte dell’esemplare, scongiurando eventuali problemi per la salute pubblica, la raccolta di tutti i dati scientifici importanti per la ricerca e la salvaguardia del nostro mare.

Va aggiunto che l’Hexanchus griseus (Notidano grigio, comunemente noto come “pesce vacca”) non è pericoloso per l’uomo, visto che vive in acque molto profonde, ma nel Mediterraneo è considerato vulnerabile, come anche molte altre specie, tra cui la verdesca, lo squalo martello, lo squalo volpe e lo squalo elefante. È presente in tutti gli oceani e solamente in alcuni rari casi è possibile avvistarlo in prossimità delle coste.

Secondo gli esperti, si tratterebbe di una specie importante ed interessante che raggiunge anche la lunghezza di quasi 5 metri e il peso di 500 chilogrammi, si nutre di una gran varietà di organismi marini, compresi altri squali, pesci, molluschi e crostacei.


Altre notizie relative alla specie coinvolta: Capopiatto - Notidiano grigio - Hexanchus griseus

08-11-2017 Squali capopiatto urtano sottomarino della BBC a 700 metri di profondità

19-06-2017 Capopiatto catturato a Gallipoli da una barca da pesca

10-05-2017 Capopiatto pescato e rilasciato in Irlanda

05-05-2017 Capopiatto pescato a Caulonia (Reggio Calabria) nella fossa di Allaro

19-12-2016 Capopiatto trovato morto in spiaggia ad Arbatax

02-12-2016 Squalo capopiatto pescato all'Argentario

12-11-2016 Capopiatto pescato al largo delle coste abruzzesi

12-10-2016 Capopiatto pescato a Maregrosso (Messina)

30-09-2016 Capopiatto pescato e rilasciato al largo di Margellina, Napoli

31-08-2016 Capopiatto trovato morto sulla costa ionica in provincia di Cosenza

19-05-2016 Capopiatto pescato nelle acque del Cilento, Campania

10-03-2016 Capopiatto spiaggiato a Marina di Grosseto

11-02-2016 Capopiatto spiaggiato a Siculiana Marina (Agrigento)

22-01-2016 Capopiatto pescato nel Cilento, in Campania

03-01-2016 Capopiatto pescato a Perd'e Sali nel sud Sardegna

11-12-2015 Capopiatto pescato a Gioiosa Marea (Messina)

14-01-2015 Capopiatto spiaggiato a Ischia morto con un amo in bocca

07-01-2015 Capopiatto pescato con le reti a Torre Pali in Puglia

30-08-2014 Capopiatto catturato e rilasciato a Reggio Calabria

02-08-2014 Capopiatto trovato morto a Corigliano Calabro

08-07-2014 Capopiatto trovato spiaggiato nella Locride in Calabria

19-06-2014 Capopiatto trovato morto al Giglio

17-06-2014 Capopiatto pescato a Manfredonia

15-06-2014 Capopiatto trovato morto sulla spiaggia di Cannitello nello Stretto di Messina

23-02-2014 Capopiatto pescato e macellato in Algeria

16-11-2013 Squalo di cinque metri pescato a San Benedetto del Tronto, Adriatico

30-10-2013 Recuperata la carcassa di Capopiatto a S.Giovanni Li Cuti (Catania)

26-10-2013 Capopiatto spiaggiato a Lazzaro, Calabria

30-08-2013 Capopiatto spiaggiato a Soverato (Calabria)

28-08-2013 Capopiatto catturato e ucciso a Monopoli (Puglia)

20-08-2013 Squalo vacca nelle reti di un peschereccio a Fasano (Puglia)

21-07-2013 Carcassa di squalo capopiatto ritrovata a Siderno (Calabria)

17-06-2013 Squalo vacca (Hexanchus griseus) Spiaggiato a Torretta (Calabria)

01-04-2013 Due Capopiatto catturati in Turchia a Marzo

18-02-2013 Capopiatto (Hexanchus griseus) di 500 kg pescato a Buggerru, Sardegna sud occidentale

02-02-2013 Cattura di un capopiatto (Hexanchus griseus) a Mola di Bari

07-05-2009 Un Capopiatto pescato in Liguria

02-09-2008 Trovata la carcassa di un capopiatto al Giglio

01-09-2008 Video di Capopiatto a 1000 di profondità

18-12-2004 Pescato uno squalo vacca di 500 kg a Capo Figar, Sardegna

16-03-2001 Squalo vacca in Sardegna

   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti