Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


10-07-2013 - I pescatori sportivi italiani contribuiscono alla tutela degli squali (cattura e rilascio)

Gli squali del Mediterraneo. Una presenza misteriosa, poco studiata, e purtroppo messa a rischio dalle reti posizionate in mare dai pescherecci. Specie in pericolo, specie da salvare: in loro soccorso è arrivato il progetto SharkLife, promosso dall’Unione Europea all’interno delle iniziative di Life+, programma di sostegno per lo sviluppo e l’attuazione della politica e del diritto in materia ambientale.

Obiettivo è quello di tutelare in particolare lo squalo elefante e il trigone viola, due specie che sono spesso vittime di catture accidentali, e ad altre quali palombo, squalo volpe, verdesca e spinarolo, che vengono loro malgrado coinvolte durante le gare di pesca sportiva. Un occasione preziosa anche per studiarne spostamenti e abitudini, attraverso una registrazione per targhette identificative, applicate sul dorso degli animali intercettati.

Il progetto si avvale del contributo dei pescatori. Partner di Shark Life è la Federazione italiana pesca sportiva e attivita’ subacquee, che di recente - e per fortuna, aggiungiamo – ha modificato il regolamento di pesca sportiva che adesso prevede il rilascio in mare degli esemplari di squali che ogni anno vengono pescati.


   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti