Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


25-07-2013 - Sharkini, il bikini con il «morso» dello squalo

Se per voi «Sharknado» non è affatto l’imbarazzante trash movie di cui cinguetta il mondo Twitter ma un film tv di quelli da non perdere (al punto che è già stato annunciato il sequel, con i fantomatici squali volanti che stavolta planeranno su New York) e siete fra quelli che tengono il conto dei giorni che ancora mancano al via ufficiale della Shark Week (ovvero, la settimana tutta dedicata a programmi sugli squali in onda su Discovery Channel ogni anno dal 1987 – per la cronaca, l’edizione 2013 inizierà il prossimo 4 agosto), allora quest’estate in spiaggia non potrete davvero fare a meno di sfoggiare il vostro Sharkini.

DOVE COMPRARLO - Nato linguisticamente dall’unione di uno “shark” con un “bikini”, in realtà si tratta di un costume a pezzo unico, caratterizzato da uno squarcio quanto mai realistico proprio sotto al seno, a motivo di mascella di squalo, con finta dentatura in similpelle bianca a ricordare il fatale morso del bestione dei mari. Ideato dalla Bad Aby Designs di San Francisco e realizzato esclusivamente su ordinazione (per averlo ci vogliono dalle 3 alle 4 settimane), lo Sharkini è acquistabile online sul sito della stessa azienda a 100 dollari e di base è disponibile solo in grigio, ma pagando un extra di 10 dollari si può avere anche in altri colori (mentre per 50 verdoni ve lo spediscono in tempi più ridotti).

PROBLEMI DI TINTARELLA - Dotato di coppe imbottite cucite all’interno (ma si può avere anche senza “rinforzi”) e di una catenella regolabile che si aggancia alla spalla e gira dietro alla schiena (così sta su senza problemi), il costume è senz’altro originale e divertente. Ma se non volete che siano solo gli altri a ridere, due dritte: lo Sharkini è da evitare come la pinna di uno squalo in mare aperto se non si ha la pancia piatta modello tavola da surf e soprattutto se ci si vuole abbronzare, perché davanti ad una tintarella “a denti di pescecane” inorridirebbe probabilmente anche uno squalo vero.


   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti