Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


26-11-2013 - Stop al trasporto di pinne di squalo sulle linee aree Indonesiane

(ANSA) – ROMA, 25 NOV – Mai più “squali in volo”. La compagnia aerea di bandiera indonesiana – Garuda Indonesia - ha aderito al progetto volto a frenare il commercio internazionale di pinne di squalo, vietando il trasporto di prodotti derivati dal “terrore dei mari” sulla propria flotta area.

Il WWF - Indonesia, che sostiene da anni la campagna “SOS- shark” per impedire la vendita di pinne di pesce cane, ha commentato positivamente in un comunicato la nuova politica della Garuda, affermando che tale scelta “è un importante passo avanti che dovrebbe generare ulteriore slancio al movimento di conservazione degli squali”. Con la nuova politica la Garuda Indonesia si aggiunge alle compagnie aree che hanno già vietato il trasporto sui propri velivoli di queste merci, come Air New Zealand, Cathay Pacific, Emirates Airlines e la Fiji Airways.

E’ stato stimato che circa 100 milioni di squali vengono uccisi ogni anno; un numero che secondo gli esperti “supera di gran lunga i livelli sostenibili per la specie”. Nel 2010, la Food and Agriculture Organization delle Nazioni Unite (FAO) ha delineato l’Indonesia come il Paese con maggiori catture di squali al mondo, con una media di oltre 109.000 tonnellate all’anno tra il 2000 e il 2008. Secondo le stime del governo indonesiano, il Paese ha esportato 434 tonnellate di pinne di squalo nel 2012, per un valore di circa 6 milioni di dollari. Negli ultimi anni tuttavia l'Indonesia ha già preso alcune misure per regolamentare la pesca allo squalo.

A febbraio, il governo locale di Raja Ampat – l’arcipelago di 1500 isole ad ovest della Nuova Guinea - ha dichiarato area protetta per squali e mante tutta la provincia di West Papua ed a maggio Giacarta ha reso illegale la caccia agli squali balena. (ANSA)


   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti