Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

        Stampa pagina  


10-12-2013 - Al via in Australia la cattura di squali a scopo preventivo

Il provvedimento è stato preso nello Stato del Western Australia ed era nell'aria da qualche giorno. Infatti il premier dello Stato, Colin Barrett, ne aveva anticipato la possibilità dopo gli attacchi mortali avvenuti il novembre scorso. La strada scelta è quella delle reti posizionate a 1 Km dalla costa in grado di intrappolare esemplari più lunghi di 3 metri.

Certamente non potrà evitare che tutti gli squali di quella taglia restino intrappolati ma senz'altro sarà più facile catturare e rimuovere quello responsabile di un attacco. Questo a detta del ministro della pesca Troy Buswell.

Sembra quindi che le reti abbiano un duplice scopo, limitare il numero di squali che si avvicinano a riva e evitare che i pochi che ci riescono possano scappare, che siano responsabili o meno di un attacco.

Ovviamente ambientalisti come il ricercatore Christoper Neff sono fortemente critici rispetto a questa misura, bollandola come un selvaggio "abbattimento preventivo".

Personalmente credo che gli attacchi si ripeteranno e che l'abbattimento di qualche esemplare non possa influire sulle statistiche dei decessi perchè è pur vero che ci saranno meno squali in giro, ma è altrettanto vero che stanno aumentando le persone in acqua.

La soluzione perfetta? Uccidere tutti gli squali .... o non entrare in acqua, che è meglio.


   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti