Torna alla Home Page

Desktop Area riservata

Link originale  Specie coinvolta: Squalo pinna nera dai denti lisci - Carcharhinus leiodon
        Stampa pagina  


16-01-2014 - Carcharhinus leiodon: ritenuto estinto e ritrovato in un mercato in Kuwait

Nel 1902 dopo un viaggio in Yemen, lo studioso e naturalista Wilhelm Hein tornò con una grande varietà di piante e animali che ha donato al Museo di Vienna. Uno di questi esemplari, uno squalo, è rimasto inosservato per più di 80 anni. Nel 1985 è stato identificato come il primo (e unico) esemplare di Carcharhinus leiodon, lo squalo pinna nera dai denti lisci. Poiché gli scienziati non ne avevano mai trovato prima di allora, Alec Moore, dell'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura ( IUCN ) e dello Shark Specialist Group dell'Oceano Indiano, ha detto che si sospettava che fosse estinto.

Nel 2008 , durante una spedizione di ricerca della Shark Conservation Society a Sharq, un mercato del pesce del Kuwait (il nome è una coincidenza , significa est in arabo), Moore afferma che tra le molte specie di squali osservati uno era molto simile ma non uguale a un paio di altre specie . Più tardi le analisi hanno rivelato che anche se questo esemplare è stato pescato a più di 3.000 chilometri da dove Hein aveva catturato il suo esemplare nel 1902, si trattava della stessa specie, Carcharhinus leiodon, il primo ritrovamento dopo più di un secolo.

Questi squali sono attualmente considerati a rischio di estinzione per la Lista Rossa IUCN delle specie minacciate, una valutazione che è stata fatta prima della loro riscoperta da parte del Dr. Moore e del suo team. Studi più recenti nei mercati del pesce in tutta la regione hanno individuato 47 ulteriori esemplari, incrementando notevolmente quello che gli scienziati conoscono di questa specie e riportato nel 2013 in un documento del Marine & Freshwater Research. Il nuovo studio ha riportato i primi dati sulle misure della specie, quanti sono i piccoli alla nascita e sul loro habitat, Nonché altre informazioni necessarie per una conservazione efficace per il futuro.

Le indagini nei mercati del pesce che hanno portato alla riscoperta di questo squalo sono uno strumento di ricerca sempre più comune, che offre molti vantaggi rispetto ai tradizionali campionamenti delle ricerche scientifiche. Julia Spaet, ricercatore presso il Re Abdullah University of Science and Technology in Arabia Saudita, afferma che i riscontri ottenuti attraverso una flotta di pescherecci saranno sempre più attendibili di tutti gli sforzi scientifici per valutare la popolazione di una specie. In altre parole, l'industria della pesca è più adatta a scoprire squali la dove si pensa che non ce ne siano più.

Queste indagini sono un duro lavoro. I ricercatori devono arrivare prima dell'alba, prima che le barche sbarchino il pescato. Le specie di interesse devono essere identificate, contate, misurate e registrate prima di essere vendute ai clienti. Quando è necessario un ulteriore studio, i ricercatori acquistano i pesci stessi. L'intera procedura può essere molto disgustosa. Moore dice che una volta ha fatto l'errore di avvicinarsi alla spazzatura per controllare delle razze imputridite dal sole, con tutte le spiacevoli conseguenze del caso.

Una delle sfide che affrontano gli scienziati che fanno indagini sul campo è quella di come guadagnarsi la fiducia dei pescatori . Secondo Moore anche se a volte restano perplessi da quello che vedono, sono generalmente molto tolleranti con quegli stranieri strani che rovistano tra i pesci, fino ad essere incredibilmente generosi, divertenti e disponibili, offrendo, a volte, la prima colazione.

I ricercatori hanno fatto molte scoperte rilevanti per la conservazione di specie minacciate di squali e di razze studiando le catture nei mercati del pesce in Kuwait , Yemen , Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti . Rima Jabado , una studentessa di dottorato presso la United Arab Emirates University, è stata contattata da un pescatore che ha trovato il primo tigre di sabbia (Eugomphodus spp.) nelle acque degli Emirati Arabi Uniti. Jabado ha anche trovato specie protette localmente per la vendita nei mercati, come gli squali balena e pesci sega. Afferma anche che alcune specie dovrebbero essere protette a livello locale e che vi è una chiara necessità di una migliore applicazione della normativa vigente. Spaet concorda, sottolineando che in Arabia Saudita, la pesca dello squalo è proibita dalla legge, ma troviamo ancora un gran numero di esemplari in vendita nei mercati ogni giorno.

Nel frattempo Moore ha qualche consiglio per eventuali scoop mentre si è in vacanza: andare al mercato del pesce sempre con una telecamera, soprattutto nei paesi tropicali dove ci sono pochi dati e quindi esiste sempre la possibilità che si possa trovare qualcosa di nuovo. In ogni caso, frequentare i mercati del pesce locali la mattina presto è una esperienza notevole, sono luoghi incredibili, vivaci, con vero carattere e ottimo cibo.

http://www.scientificamerican.com/article.cfm?id=shark-species-thought-to-be-extinct-found-in-fish-market


Altre notizie relative alla specie coinvolta: Squalo pinna nera dai denti lisci - Carcharhinus leiodon

   
© 1999-2017 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti