Torna alla Home Page

Desktop Area riservata


Spazio Pubblicitario

1000 x 120

Squalene

Lo squalene è un idrocarburo ramificato (c30 h50) e un triterpene presente nell'olio di fegato degli squali (elasmobranchi) ma anche nei vegetali come i semi di amaranto, crusca di riso, germe di grano e olive. Tutti gli organismi superiori producono squalene, inclusi gli esseri umani. Compare come il maggior componente nell'olio dei fegati di alcuni squali, fino a piu' dell'85%, e grazie alla sua natura chimica è meno denso dell'acqua e contribuisce pertanto a sostenere la loro notevole massa, contribuendo alla loro spinta idrostatica.

Lo squalene è il precursore biochimico degli steroidi e dei triterpeni, ed è generalmente utilizzato come adiuvante nei vaccini. E' utilizzato nella lotta contro il cancro sia nella profilassi, come antiossidante, sia come potenziatore degli agenti chemioterapeutici, ed é venduto in morbide capsule gel in tutto il mondo. Ricerche riguardanti l'assunzione come integratore alimentare, hanno evidenziato i suoi effetti contro la carcinogenesi ed è un prodotto estrememamente sicuro per il consumo da parte degli esseri umani. Non procura irritazioni alla pelle né agli occhi e puo' essere ingerito in sicurezza. Infatti, lo squalene e' presente naturalmente nella pelle umana nei lipidi superficiali, con una concentazione che va dall' 1% nei bambini a piu' del 10% negli adulti.

Controversie sanitarie

Uno studio del 2000 mise in correlazione la presenza di anticorpi anti squalene nel sangue con l'insorgenza della Sindrome del Golfo* nei veterani americani: il 95% dei militari che mostravano i sintomi della sindrome presentava gli anticorpi, non rilevati, invece, negli individui del campione che non presentavano i sintomi.
Due autori dello studio e un terzo ricercatore, pubblicarono un'altra analisi nel 2002 in cui misero in correlazione la presenza degli anticorpi antisqualene nei soggetti affetti dalla Sindrome del Golfo, con la somministrazione di squalene contenuto in alcuni lotti di vaccino anti antrace.
Studi successivi evidenziarono diverse falle tecniche nel metodo di analisi dei dati adottato nello studio, e fu inoltre appurato che i vaccini contro l'antrace somministrati ai militari in questione non contenevano squalene. Sulla base dei dati disponibili inerenti alla somministrazione di 22 milioni di dosi di vaccino antinfluenzale contenente squalene e dagli studi relativi alla somministrazione in neonati e bambini, l'utilizzo dello squalene come adiuvante è ritenuto sicuro per la salute.
Uno studio pubblicato nel giugno 2009 non ha rilevato correlazione tra gli anticorpi anti-squalene e l'insorgenza della sindrome del Golfo. Lo squalene ha provocato una forma di artrite autoimmune cronica in ratti predisposti all'artrite.


*
La Sindrome della guerra del Golfo o Sindrome del Golfo è una malattia multifattoriale invalidante di cui soffrono veterani che furono impiegati nelle operazioni belliche in Iraq - Desert Storm, Iraqi Freedom e New Dawn - ed è caratterizzata da disordini al sistema immunitario e neurologico, stati infiammatori cronici, disfunzioni mitocondriali e malformazioni dei feti.

   
© 1999-2016 Antonio Nonnis  
Squali.com non utilizza cookies per tracciare gli utenti